UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Baptistella vuole ballare ancora

Con la tripletta realizzata all’Ucraina, l’attaccante dell’Italia - che ha festeggiato i suoi gol con dei simpatici passi di danza - è diventato capocannoniere della manifestazione: “Il vero Europeo comincia ora”.

Clayton Baptistella (Italia) ha finora messo a segno quattro reti nel Campionato Europeo UEFA di Futsal
Clayton Baptistella (Italia) ha finora messo a segno quattro reti nel Campionato Europeo UEFA di Futsal ©Sportsfile

Quattro gol, assist a ripetizione, un’intesa perfetta con Saad Assis. Il Ct dell’Italia Roberto Menichelli non ama parlare dei singoli, ma Clayton Baptistella ha mostrato una marcia in più nella fase a gironi del Campionato Europeo UEFA di Futsal. Il balletto con cui l'attaccante della Luparense ama festeggiare le sue reti è una scena che gli Azzurri si augurano di vedere ancora spesso alla Fönix Arena.

Batigol
Soprannominato 'Batigol' come il calciatore argentino Gabriel Batistuta, l'Azzurro si è rivelato sulla ribalta internazionale ai Mondiali FIFA di Futsal del 2008 in Brasile - dopo una serie di prolifiche stagioni in Serie A - quando ha sostituito l'infortunato Vinicius Bácaro. E' stato però nelle qualificazioni agli Europei dove ha lasciato il segno, con ben sei reti realizzate. Una media che sta migliorando in Ungheria: dopo il gol al Belgio all'esordio, ha aggiunto una tripletta all'Ucraina che ha permesso all'Italia di concludere in vetta il Gruppo B. Finora, tra qualificazioni e fase finale, non c'è partita degli Europei in cui Baptistella non sia andato a segno.

Balletto
Non è solo in campo che il numero 9 Azzurro dà sfogo alla sua fantasia: dopo il secondo e il terzo gol alla nazionale di Gennadiy Lysenchuk, i presenti alla Fönix Arena hanno potuto ammirare un suo divertente balletto. “Ce l’ho nel sangue”, racconta a proposito dell’esultanza, “e i miei compagni mi chiedono sempre di farlo. Mi è venuto in mente quando ho segnato il secondo gol, Marcio Forte mi è venuto vicino e mi ha detto: ‘Adesso devi fare il balletto!’”.

Capocannoniere
Con la tripletta realizzata sabato sera contro l’Ucraina, Baptistella è volato in vetta alla classifica dei marcatori dell’Europeo. Ma più che pensare ai traguardi personali, all’attaccante dell’Alter Ego Luparense preme lasciare Debrecen il più tardi possibile.“Non è importante essere capocannoniere”, puntualizza ‘Batigol’ a uefa.com, “è importante giocare per la squadra e aiutarla a vincere. Ringrazio i miei compagni che mi danno forza e il mister che mi ha concesso la fiducia giusta per fare bene. Fino ad ora ci sono riuscito, spero di dare continuità: adesso comincia il vero Europeo, ci sono le partite in cui non puoi sbagliare”.

Fiducia reciproca
Baptistella e Assis hanno mostrato un’intesa perfetta nelle prime due gare dell’Europeo, dando quasi l’impressione di giocare insieme da una vita. “Io e Saad abbiamo acquisito fiducia reciproca”, spiega l’attaccante della Luparense, “mentre lui pensa io so già che cosa farà, cerco sempre di dargli l’appoggio. Lui imbuca verso di me e viene al tiro. E’ importante per me avere uno come lui, con le sue caratteristiche: finora è andata bene, speriamo che continui così fino alla fine”.

Concentrazione massima
Tra l’Italia e la semifinale dell’Europeo c’è l’ostacolo Repubblica Ceca, che ha eliminato i padroni di casa dell’Ungheria rimontando dallo 0-4. “Sarà una partita secca, non si potrà sbagliare: dovremo entrare in campo con la massima concentrazione e dare tutti il massimo per arrivare il più lontano possibile”, conclude Baptistella, “Sono una squadra forte fisicamente con dei buoni giocatori dotati di gran carattere così come hanno dimostrato contro l’Ungheria. Spero di fare gol anche lunedì ma non lo prometto: cercherò solo, come ha fatto finora, di fare bene il mio dovere e aiutare la squadra a raggiungere la semifinale”.