Fortino, ma un passo alla volta

La roboante vittoria contro la Repubblica ceca non fa perdere la testa al pivot azzurro. Adesso Kazakistan nel mirino: "La forza di questo gruppo è proprio quella di saper pensare a una partita alla volta", ha detto a UEFA.com.

0702_FEURO_CZE-ITA_AMB

Missione compiuta e con grande autorità. Un messaggio a tutte le rivali, i campioni in carica ci sono. Sette gol alla Repubblica ceca e girone dominato. Ma per Fortino, autore di una doppietta, la forza del gruppo azzurro è quella di "saper pensare a una partita alla volta".

Quindi adesso testa alla sfida di martedì contro il Kazakistan nei quarti di finale. "Abbiamo fatto una bella partita - ha detto il pivot dell'Italia a UEFA.com -. Contro una squadra che ha cercato sempre di metterci in difficoltà. Abbiamo iniziato bene bene, trovando subito il primo gol e sbloccando la partita. Sono contento soprattutto perchè siamo riusciti a tenere il ritmo alto fino alla fine della parita".

Proprio Fortino ha messo in discesa la sfida segnando dopo appena 26 secondi. Poi è arrivata la rete di capitan Gabriel Lima, che ha preso per mano la squadra come ai tempi del trionfo di Anversa. Nella ripresa la goleada.  

Contro il Kazakistan, però, non sarà così facile secondo Fortino. "Sappiamo che sarà dura - spiega -. Non pensiamo di certo alla finale prima di giocare questa sfida. Credo che la forza del nostro gruppo sia proprio questa: il riuscire a pensare sempre una partita alla volta".

Fortino sa bene cosa aspettarsi dal Kazakistan: "Sarà una partita difficile. Hanno dei giocatori bravi, la loro forza è nell'uso del portiere di movimento. Però secondo me sapremo difenderci e gestire questa loro tattica. Finora abbiamo pensato solo a queste due prime partite, da adesso in poi pensiamo a ragionare sul loro portiere e speriamo di fare un'altra buona partita".

Con l'aiuto dei gol di Fortino. "Personalmente mi sento bene, non avevo segnato alla prima ma come dico sempre per me ciò che conta è la vittoria della squadra, i tre punti. Sono un pivot quindi il gol è sempre importante, ma per me è sempre più importante che vinca la squadra".

In alto