L'Italia non passa, Svezia ai Mondiali

Gli Azzurri non sfondano il muro svedese e per la seconda volta nella loro storia, la prima dal 1958, non riescono a qualificarsi per la fase finale dei Campionati del Mondo.

La Svezia resiste. L’Italia non va oltre lo 0-0 e per la seconda volta nella sua storia, la prima dal 1958, non riesce a qualificarsi per la fase finale dei Campionati del Mondo.

Tre cambi per Gian Piero Ventura con l’Italia chiamata a rimontare la sconfitta ber 1-0 di venerdì a Solna. Il Ct azzurro sceglie Manolo Gabbiadini in attacco al posto di Andrea Belotti, sostituisce lo squalificato Marco Verratti con Alessandro Florenzi e affida le chiavi del centrocampo a Jorginho lasciando in panchina Daniele De Rossi. Jan Andersson ritrova Mikale Lustig sulla fascia destra e rimpiazza l’infortunato Albin Ekdal con Jacob Johansson, il match-winner di venerdì.

L’Italia punta molto sulle verticalizzazioni di Jorginho per i tagli degli attaccanti. Ciro immobile scatta bene sul servizio del regista del Napoli, ma l’uscita del portiere svedese lo costringe ad allargarsi e la conclusione del bomber della Lazio finisce sull’esterno della rete. La Svezia perde subito Johansson: al suo posto entra Gustav Svensson.

La nazionale scandinava è arroccata in difesa. Non è facile trovare spazi per gli Azzurri. Jorginho inventa a sinistra per Immobile, nessuno arriva sul pericoloso centro basso dell’attaccante, il pallone scorre fino ad arrivare a Antonio Candreva ma il tiro da buona posizione dell’esterno dell’Inter termina alto non di molto.

Jorginho continua a predicare calcio. L’ennesima pennellata del regista del Napoli pesca Immobile sul filo del fuorigioco, Robin Olsen smorza la conclusione dell’attaccante ed è salvato da Andreas Granqvist che spazza. Poco dopo Parolo calcia di poco alto da buona posizione, mentre un’altra chiusura decisiva di Granqvist salva la Svezia sul pericoloso cross rasoterra di Immobile. 

Ci prova anche Florenzi, ma Olsen chiude l’angolo e si va al riposo senza gol. Ancora il centrocampista della Roma prova la conclusione volante a inizio ripresa, ma il pallone si spegne di poco a lato con Olsen battuto. Ventura getta nella mischia Belotti e Stephan El Shaarawy: fuori Darmian e Gabbiadini.

L’Italia cerca l’assedio finale con due punte e due esterni offensivi. Ma i minuti passano inesorabilmente. L’ultima carta di Ventura è Federico Bernardeschi che va a sostituire Candreva. Olsen sventa sulla botta al volo di El Shaarawy, mentre Parolo manca il bersaglio con un colpo di testa da due passi. Anche Gianluigi Buffon va a saltare sugli ultimi due corner per gli Azzurri. Niente da fare. Il suo sogno di giocare il sesto Mondiale svanisce. Insieme a quello di tutti i tifosi azzurri.