Ventura alza l'asticella e chiede coraggio all'Italia

"Quella che ha sofferto per un'ora contro la Spagna non può essere la vera Italia", ha dichiarato il Ct alla vigilia della sfida contro la Macedonia, chiedendo più personalità alla squadra. A Skopje spazio a Verratti, Belotti e Immobile.

Giampiero Ventura dirige la seduta di allenamento dell'Italia alla vigilia della sfida contro la Macedonia
Giampiero Ventura dirige la seduta di allenamento dell'Italia alla vigilia della sfida contro la Macedonia ©Getty Images

La sfida contro la Spagna come uno spartiacque. A 72 ore dall'1-1 di Torino, l'Italia tornerà in campo nelle Qualificazioni Europee in casa dell'ERJ Macedonia e Giampiero Ventura ha chiesto alla squadra una prova più coraggiosa rispetto a quella contro le Furie Rosse.

Il Ct azzurro, che per varie ragioni dovrà fare a meno di Giorgio Chiellini, Riccardo Montolivo e Graziano Pellè, appare orientato a rivoluzionare l'undici titolare rispetto a quello schierato allo Juventus Stadium. Oltre a un'Italia rinnovata negli interpreti, a Skopje Ventura si augura di vedere una squadra diversa anche a livello di mentalità.

Highlights: l'1-1 tra Italia e Spagna a Torino
Highlights: l'1-1 tra Italia e Spagna a Torino

"Abbiamo ancora tutti negli occhi l'ora di sofferenza vissuta contro la Spagna, quella non può essere l'Italia - ha affermato senza giri di parole il Ct nella conferenza stampa della vigilia -. Questa squadra deve crescere partita dopo partita sotto tutti gli aspetti, non solo per quanto riguarda il coraggio". E' nostro dovere costruire qualcosa di importante, giorno dopo giorno".

La sfida contro la Spagna ha evidenziato qualche ombra di troppo, ma non sono mancate neppure le luci e Ventura ci tiene a precisarlo: "Se potessi tornare indietro cambierei qualcosa, lo ammetto, ma allo stesso tempo non posso dimenticare che a Torino abbiamo subito appena due tiri in porta. E se nel finale c'era una squadra che meritava la vittoria, quella era senza dubbio l'Italia".

Contro la Macedonia  il Ct si aspetta comunque una nazionale più propositiva. Spazio dunque a forze fresche sia a centrocampo che in attacco, con Marco Verratti in predicato di ricevere le chiavi della mediana azzurra: "E' un giovane importante, un capitale di questa squadra. Se non succede nulla di particolare stanotte domani toccherà a lui".

Verratti dovrebbe rilevare Daniele De Rossi, autore dal dischetto del gol del pareggio contro la Spagna, ma il Ct precisa che non si tratta di una bocciatura per il centrocampista della Roma: "Sono molto soddisfatto della sua prova contro la Spagna. Verratti non poteva giocare contro la Spagna e ho sempre detto che lui e De Rossi sono in antitesi a centrocampo per questioni di caratteristiche, ma nel calcio mai dire mai...".

Sulla mediana dovrebbe trovare spazio anche Antonio Candreva, partito dalla panchina a Torino, mentre in attacco dovrebbe essere rivoluzione totale: titolari, salvo sorprese, saranno Andrea Belotti e Ciro Immobile, subentrati a gara in corso contro la Spagna e capaci di dare agli Azzurri la scossa per riprendere in mano la partita. E' al loro entusiasmo che Ventura si affiderà per cercare di superare una Macedonia che lo stesso Ct ha definito "ostica" come avversaria. 

"Sarà una trasferta difficile, che dovremo interpretare nel modo giusto. E' vero che la Macedonia è reduce da due sconfitte, ma è stata sfortunata. E' una partita importante ed estremamente delicata; gli attaccanti macedoni hanno caratteristiche importanti e dovremo lavorare al meglio per limitarli".

Un concetto ribadito anche da Gianluigi Buffon: "Contro la Macedonia non sarà una gara scontata. L'Italia sta ricostruendo la sua identità sotto la guida del mister e dovrà ripartire da alcuni punti fermi. Gli ultimi 20' contro la Spagna sono stati molto buoni, è uscita tutta la forza del nostro gruppo. E' qualcosa che dovremo riconfermare anche contro la Macedonia".

Highlights: il successo dell'Italia in Israele alla Giornata 1
Highlights: il successo dell'Italia in Israele alla Giornata 1

xxx

In alto