L'Italia prova a voltare pagina

Dopo il pesante ko contro la Spagna al Santiago Bernabéu, gli Azzurri mettono subito nel mirino la sfida di martedì con Israele. Ventura: "Con il lavoro confermeremo di essere competitivi". Insigne punta sullo spirito di sacrificio.

Una partita da dimenticare in fretta. Per come è finita, ma anche perché il calendario impone di tornare subito in campo e assicurarsi il secondo posto nel Gruppo G di qualificazione alla Coppa del Mondo FIFA. Dopo il 3-0 al Santiago Bernabéu, che di fatto porta la Spagna in Russia, l’Italia si lecca le ferite ma pensa già all’impegno di martedì con Israele. Gian Piero Ventura sottolinea “la differenza di condizione” con le Furie Rosse ma punta sul lavoro, come del resto Lorenzo Insigne: il folletto del Napoli è ancora convinto - come i compagni - di poter centrare l’obiettivo.

Gian Piero Ventura, Ct Italia
Si è vista la differenza di condizione ma anche di qualità, poi ci abbiamo messo del nostro con alcuni errori. Nel primo tempo, abbiamo subito due gol non concedendo altri tiri in porta. La più chiara occasione l'abbiamo avuta noi con Belotti, il loro portiere nella partita ha fatto almeno tre interventi decisivi. Loro per ora non sono "umani", noi stiamo crescendo e stiamo facendo un percorso e con il lavoro confermeremo di essere competitivi.

Lorenzo Insigne, attaccante Italia
Queste partite servono a crescere, non abbiamo fatto bene, ma adesso è già tempo di pensare alla gara con Israele. Sapevamo che loro erano una grande squadra, analizzeremo gli errori e ci prepareremo al meglio per martedì. Per arrivare al Mondiale serve sacrificio, lo sappiamo e insieme siamo convinti di riuscire ad arrivare in Russia.

Matteo Darmian, difensore Italia
E' una sconfitta che arriva contro un’avversaria di qualità. Ci abbiamo provato ma è arrivata una sconfitta che non deve intaccare quanto di buono l’Italia ha fatto. E’ poi c’è un'altra gara importante da preparare. La Spagna ha grande qualità soprattutto nel palleggio. Questa sera si è visto, andiamo a casa con una sconfitta abbastanza pesante ma guardiamo avanti.

In alto