La Francia a un passo dalla Russia, super Berg per la Svezia

Il gol iniziale di Blaise Matuidi basta per mantenere la Francia al primo posto del Gruppo A, mentre Marcus Berg ne segna quattro per la Svezia, e Cristiano Ronaldo risolve la pratica Andorra.

  • Matuidi tiene la Francia al primo posto
  • L'Olanda è ancora in corsa, la Svezia ne fa otto
  • Ronaldo toglie il Portogallo dai problemi
  • Guarda gli highlights delle gare di stasera dalle 24:00CET di domenica
  • Chi ha bisogno di cosa per qualificarsi?

Qualificate: Belgio, Inghilterra, Germania, Russia (paese ospitante), Spagna

Gruppo A

Bulgaria-Francia 0-1

Il gol di Blaise Matuidi dopo tre minuti – tiro angolato su servizio di Antoine Griezmann – conferma i transalpini tra le prime due del Gruppo A. La squadra di Didier Deschamps non aggiunge altre reti nel resto della combattuta sfida di Sofia. Si qualificherà direttamente con un successo in Bielorussia il 10 ottobre; con ogni altro risultato la Svezia potrebbe tentare il sorpasso sul filo di lana.

Svezia-Lussemburgo 8-0

I Blågult tengono la Francia sotto pressione, con la quaterna di Marcus Berg nella vittoria più ampia per la Svezia dal 1938. Il capitano Andreas Granqvist trasforma due rigori, e anche Mikael Lustig e Ola Toivonen finiscono sul tabellino dei marcatori. Il risultato finale è il peggiore negli ultimi 35 anni per il Belgio, la stessa squadra capace di inchiodare la Francia sullo 0-0 nell'ultima gara. 

Bielorussia-Olanda 1-3

Le speranze dell'Olanda sono appese a un filo, nonostante la vittoria in Bielorussia. Davy Pröpper apre le danze, il difensore Maksim Volodko trova il pari, ma poi Arjen Robben ristabilisce le distanze dal dischetto, prima del terzo gol di Memphis Depay su punizione. Gli Oranje affrontano la Svezia la prossima volta, e hanno bisogno di una vittoria con svariati gol di scarto.

Gruppo B

Svizzera-Ungheria 5-2

Gli uomini di Vladimir Petković trovano la nona vittoria su nove prima della sfida decisiva di martedì contro il Portogallo. Due gol in due minuti a metà primo tempo mettono subito le cose in chiaro, con le reti di Granit Xhaka e Fabien Frei. Due gol di Steven Zuber a cavallo dell'intervallo chiudono i discorsi, prima del rallentamento finale degli svizzeri. 

Andorra-Portogallo 0-2

Cristiano Ronaldo entra dalla panchina per regalare al Portogallo una vittoria che li tiene a galla nella lotta per il primo posto del Gruppo I. L'Andorra resiste nel primo tempo, ma l'ingresso di Ronaldo da la carica agli ospiti che trovano il vantaggio proprio con l'asso del Real Madrid a metà ripresa, prima del raddoppio di André Silva su assist sempre del capitano. 

Isole Faroe-Lettonia 0-0

Gli ospiti interrompono una serie di sette sconfitte consecutive muovendo finalmente la classifica nel Gruppo B. Le Isole Faroe creano le migliori occasioni a Torshavn con Jóan Edmundsson fermato due volte dai legni. Non basta però per piegare la resistenza lettone.

Gruppo H

Bosnia ed Eerzegovina-Belgio 3-4

Yannick Carrasco segna nel finale sferrando un duro colpo ai padroni di casa e alle loro speranze di qualificarsi per gli spareggi. Sotto la pioggia di Sarajevo la squadra di Mehmed Baždarević va sotto per il gol di Thomas Meunier, ma si porta avanti grazie a Haris Medunjani e Edin Višća. Il Belgio risponde con Michy Batshuayi mentre Jan Vertonghen segna il gol del 3-2 per il Belgio. Nel finale Dario Dumić sembra regalare un punto alla Bosnia con il suo primo gol in nazionale ma Carrasco non è d'accordo.

Cipro-Grecia 1-2

La sconfitta della Bosnia ed Erzegovina in una delle gare delle 18 significava che la Grecia aveva a portata di mano il secondo posto. Partono male - gol di Pieros Sotirou - ma poi i greci prendono in mano la gara e grazie ai gol di Kostas Mitroglou e Alexandros Tziolis trovano i tre punti: una vittoria contro Gibilterra martedì confermerà il secondo posto nel Gruppo H.  

Gibilterra-Estonia 0-6

L'Estonia eguaglia la vittoria con margine più alto della sua storia, il 6-0 contro la Lituania del 1928 mentre Gibilterra perde la 19esima gara consecutiva in competizioni UEFA. A segno nel primo tempo Siim Luts, Mattias Käit e Sergei Zenjov, nel secondo tripletta di Joonas Tamm nel giro di 26 minuti.

In alto