Ventura senza rimpianti, il poker va bene

"Sono più che soddisfatto della prestazione, potevamo realizzare più gol, però di certo non ci possiamo lamentare", dice il Ct Azzurro dopo il 4-0 in Liechtenstein. Belotti: "Non si può dire che non ce l'abbiamo messa tutta".

L'esultanza dell'Italia
L'esultanza dell'Italia ©AFP/Getty Images

Per come si era messa - avanti di quattro reti all’intervallo - era forse lecito attendersi qualche gol in più. L’Italia si è invece fermata nella ripresa, ma il 4-0 conquistato in casa del Liechtenstein nel quarto impegno nel girone di qualificazione alla Coppa del Mondo FIFA è accolto comunque con favore dagli Azzurri. “Sono più che soddisfatto della prestazione”, dice Giampiero Ventura dopo la vittoria a Vaduz, mentre il bomber Andrea Belotti sottolinea che non si può dire che la squadra “non ce l’abbia messa tutta”.

Giampiero Ventura, allenatore Italia
I risultati degli altri lasciano il tempo che trovano, era importate vincere e poi avremmo fatto delle considerazioni. Nel primo tempo potevamo fare pure più di 4 gol e abbiamo giocato in maniera ordinata. Eravamo in 6 dentro l'area anche al 94' a conferma della voglia di vincere e fare gol dei ragazzi. Sono più che soddisfatto della prestazione, certo potevamo realizzare più gol, però di certo non ci possiamo lamentare.

Andrea Belotti, attaccante Italia
Appena a noi giovani viene data l'opportunità di giocare diamo il massimo sia in partita che in allenamento. Per noi è un sogno giocare in Nazionale, mi sono adattato bene al nuovo modulo. Siamo consapevoli che si poteva fare qualche gol in più, ma di certo non possiamo dire di non avercela messa tutta.

Belotti a segno due volte
Belotti a segno due volte©AFP/Getty Images

Leonardo Bonucci, difensore Italia
È stata una partita a due facce: complimenti alla squadra per aver approcciato la partita nel modo giusto. Poi nel secondo tempo siamo stati troppo frettolosi e poco lucidi. Non pensavamo alla Germania nel secondo tempo, la differenza reti può contare e qualche gol in più poteva servire: siamo stati poco cinici, poco lucidi. Ci dovrà servire come lezione per il futuro. Ma questo gruppo sta partendo bene. [Della vittoria di Israele in casa dell'Albania] abbiamo saputo al rientro negli spogliatoi: ma il futuro è nelle nostre mani, dobbiamo lavorare per essere competitivi.

Davide Zappacosta, difensore Italia
L'esordio è stata un'emozione unica, qualsiasi calciatore aspira alla Nazionale, dopo un'iniziale emozione mi sono sciolto e ha prevalso la voglia di fare bene. Il mister ci mette sempre grande voglia e pressione, l'obiettivo era quello di fare molti gol, ma comunque abbiamo fatto una partita di sostanza contro una squadra sempre temibile.



 

In alto