Il meglio delle qualificazioni a UEFA EURO 2016

Robert Lewandowski, Albania, San Marino, Islanda, İlkay Gündoğan, Arda Turan e la caviglia di Sebastian Mila fanno tutti parte della nostra selezione per le qualificazioni a EURO.

Robert Lewandowski può giustamente brindare
Robert Lewandowski può giustamente brindare ©AFP/Getty Images
  • Venti squadre si sono qualificate alla fase finale, e la maggior parte di loro conosce già la propria fascia
  • Il sorteggio degli spareggi si terrà domenica, e le quattro doppie sfide si disputeranno a novembre
  • Che ne pensate delle nostre scelte? Parlatene con @EuroQualifiers usando l'hashtag #euro2016

Ci sono state in totale 260 partite di qualificazione UEFA EURO 2016 e potete guardare gli highlights di tutte le gare qui.

Il giocatore: Robert Lewandowski (Polonia)
Prima di cominciare l'ultima tornata delle qualificazioni, Lewandowski aveva segnato ben 12 reti in quattro partite col Bayern München. Già capocannoniere delle qualificazioni dall'alto delle sue 10 reti, ha migliorato ulteriormente il suo bottino di gol segnando una doppietta nel 2-2 in casa della Scozia, e poi ha messo a segno la rete della vittoria con uno splendido colpo di testa dalla distanza nel 2-1 in casa contro l'Irlanda che è valso la qualificazione in Francia.

Lewandowski eguaglia il record
Lewandowski eguaglia il record

Con l'ultima rete ha eguagliato il record di 13 gol del nordirlandese David Healy, stabilito nelle qualificazioni a UEFA EURO 2008 - Lewandowski ha disputato però due partite in meno del rivale. La Polonia in totale ha segnato 33 reti ed è al primo posto nella statistica dei gol fatti. A parte Lewandowski non si può non citare Arkadiusz Milik che oltre ad aver segnato sei gol, è stato autore di sei assist ed è al primo posto di questa speciale classifica insieme ad altri due calciatori. Tutti i suoi assist inoltre hanno fatto andare in rete Lewandowski. Il Ct Adam Nawalka ha detto: "Robert ha illuminato la squadra, ma tutti sono stati importanti. Ogni cellula ha funzionato".

La serata storica dell'Albania
La serata storica dell'Albania

La squadra: Albania
Alla nuova fase finale allargata a 24 squadre parteciperanno alcune nazioni che non hanno mai preso parte a un Europeo UEFA. Ma mentre Galles, Irlanda del Nord e Slovacchia hanno partecipato in passato alla Coppa del Mondo FIFA, e l'Islanda è arrivata quanto meno a disputare gli spareggi per EURO, per l'Albania è un esordio assoluto, un traguardo mai raggiunto prima.

Prima di queste qualificazioni, l'Albania aveva partecipato a una fase finale UEFA con l'Under 18 del 1982 e con l'Under 16 del 1995. Dopo la vittoria all'esordio contro il Portgallo, gli albanesi hanno tenuto i piedi per terra mantenendo una certa continuità di risultati fino al decisivo 3-0 in casa dell'Armenia. L'Albania ha cominciato le qualificazioni al 41esimo posto nel ranking UEFA (dietro persino all'Islanda e Irlanda del Nord che si trovavano anche loro in fascia 5). "Quando ho detto che l'Albania ce la poteva fare, si sono messi tutti a ridere", ha raccontato il Ct Giovanni De Biasi.

Record personale: San Marino
San Marino non è riuscita nel miracolo sportivo di qualificarsi alla fase finale, ma è riuscita ugualmente a entrare nella storia grazie al suo miglior cammino di qualificazione di sempre. Il suo unico punto racimolato nello 0-0 con l'Estonia nel novembre scorso può sembrare un fallimento, ma di fatto ha interrotto la serie di 58 sconfitte consecutive nelle qualificazioni UEFA EURO. Quel pareggio è stata la quarta volta che San marino ha mantenuto la porta inviolata, tanto che il capitano Andy Selva ha detto: "Abbiamo inseguito questo risultato per anni e finalmente adesso l'abbiamo ottenuto".

L'Islanda supera l'Olanda
L'Islanda supera l'Olanda

Risultato a sorpresa: Olanda - Islanda 0-1
Risultati a sorpresa non sono rari nelle prime fasi delle qualificazioni, dato che le nazionali partono da zero dopo la precedente fase finale e spesso devono fare fronte a ritiri eccellenti. Eppure la vittoria dell'Islanda sull'Olanda (medaglia di bronzo alla Coppa del Mondo FIFA) lo scorso ottobre, dopo aver travolto Turchia e Lettonia nelle prime due giornate, ha fatto scalpore.

La classifica del Gruppo A, con l'Islanda davanti gli Oranje, sembrava irreale fin quando gli islandesi non hanno replicato la vittoria il mese scorso ad Amsterdam. La rete di Gylfi Sigurdsson al 51' su rigore ha regalato la vittoria all'Islanda, e dopo questo risultato e nessuno si è più stupito del fatto che si sia qualificata per la prima volta alla fase finale e che l'Olanda abbia fallito la qualificazione a UEFA EURO per la prima volta dal 1984. "Abbiamo tenuto in difesa", ha raccontato Sigurdsson a UEFA.com. "Ho avuto il presentimento che avremmo tirato un rigore, così ho solo mirato a un angolo e per fortuna è andata bene".

La Scozia viene eliminata dalla Germania
La Scozia viene eliminata dalla Germania

Il gol: İlkay Gündoğan (Germania)
La Scozia a settembre si rivela essere un osso più duro del previsto per la Germania che per due volte viene raggiunta dagli scozzesi a Glasgow. Alla fine del primo tempo infatti il risultato è sul 2-2, ma la rete del 3-2 che qualifica la Germania ed elimina la Scozia arriva al 54' grazie a Gündoğan che trasforma un pregevole assist di Thomas Müller.

Menzione d'onore: Gibilterra
La 54esima federazione affiliata alla UEFA capita in un girone di ferro all'esordio nelle qualificazioni, ma le dieci sconfitte e i 56 gol subiti non dicono tutta la verità sulle prestazioni grintose di Gibilterra. Il momento indimenticabile arriva a marzo, alla quinta giornata, in casa della Scozia. Al 19' Gibilterra vive l'emozione del pareggio grazie alla rete di Lee Casciaro che segna così la prima rete ufficiale della nazionale.

"Segnare quel gol per me è stato un sogno che si è trasformato in realtà", ha raccontato. "È qualcosa di inimmaginabile essere l'autore del primo gol ufficiale della mia nazione". Casciaro ha anche segnato nella prima vittoria di Gibilterra in una partita ufficiale di qualsiasi tipo, ovvero il 7-5 delle qualificazioni UEFA Futsal EURO su San Marino nel 2014, mentre la rete del fratello Kyle ha permesso a Gibilterra di vincere 1-0 in amichevole contro Malta alla fine dello stesso anno.

La fine dell'imbattibilità della Spagna
La fine dell'imbattibilità della Spagna

Il numero: 36
Dopo essere stata nel 2012 la prima nazione a vincere per due edizioni consecutive, la Spagna andrà in Francia per fare il tris. La striscia di risultati utili consecutivi è stata però interrotta lo scorso ottobre all'87', grazie alla rete di Miroslav Stoch che ha regalato la vittoria alla Slovacchia per 2-1. La prima sconfitta della Spagna nelle qualificazioni in 36 partite, una striscia che durava da ben otto anni. Il centrocampista della Slovacchia, Juraj Kucka, ha detto: "La nostra volontà, cuore e spirito combattivo hanno deciso la partita".

La frase: "Ho un livido sulla caviglia ma non ricordo chi mi ha dato un calcio. Quando batti i campioni del mondo, non senti dolore".
Queste le parole di Sebastian Mila, entrato a partita in corso e autore della rete del 2-0 nella vittoria della Polonia contro la Germania.

La foto: Arda Turan festeggia la qualificazione al cardiopalma della Turchia

©AFP/Getty Images


In alto