La UEFA rinvia tutte le partite delle nazionali di giugno

In seguito alla videoconferenza odierna con i segretari generali delle 55 federazioni UEFA e alle raccomandazioni dei gruppi di lavoro creati il 17 marzo, il Comitato Esecutivo UEFA ha adottato una serie di decisioni.

In seguito alla videoconferenza odierna con i segretari generali delle 55 federazioni affiliate alla UEFA e alle raccomandazioni dei gruppi di lavoro creati il 17 marzo, il Comitato Esecutivo UEFA ha adottato le seguenti decisioni:

Competizioni:

• Tutte le partite delle competizioni per nazionali maschili e femminili in programma a giugno 2020 sono rinviate fino a ulteriore avviso. Tra queste, gli spareggi di qualificazione per UEFA EURO 2020 e le qualificazioni per UEFA Women’s EURO 2021.

• Tutte le altre competizioni UEFA, comprese le amichevoli tra nazionali, rimangono posticipate fino a ulteriore avviso.

• Competizioni per nazionali giovanili:

(i) la fase finale del Campionato Europeo Under 17 UEFA, in programma a maggio 2020, è annullata;

(ii) la fase finale del Campionato Europeo Under 19 femminile UEFA, in programma a luglio 2020, è annullata;

(iii) la fase finale del Campionato Europeo Under 17 femminile UEFA, in programma a maggio 2020, è rinviata fino a ulteriore avviso (essendo valida come qualificazioni per la Coppa del Mondo FIFA Under 17 femminile);

(iv) la fase finale del Campionato Europeo Under 19 UEFA, in programma a 2020, è rinviata fino a ulteriore avviso (essendo valida come qualificazioni per la Coppa del Mondo FIFA Under 20).

• La fase finale di UEFA Futsal Champions League, in programma ad aprile 2020, è rinviata fino a ulteriore avviso.

• Le scadenze relative a tutte le competizioni UEFA per club 2020/21 sono posticipate fino a ulteriore avviso, in particolare per quanto riguarda le procedure di ammissione e registrazione dei giocatori. La UEFA stabilirà nuove scadenze a tempo debito.

Licenze per club e fair play finanziario:

Il Comitato Esecutivo UEFA ha ribadito il suo impegno verso le licenze per club e il fair play finanziario e ha concordato che le attuali circostanze straordinarie necessitano di interventi specifici per agevolare il lavoro delle federazioni e dei club.

La proposta è quella di concedere più tempo alle federazioni per completare le procedure relative alle licenze per club, fino a quando saranno ridefinite le procedure di ammissione per la prossima edizione delle competizioni UEFA per club.

Poiché gli avvenimenti in corso generano sempre maggiore incertezza, il Comitato Esecutivo UEFA ha anche deciso di sospendere le norme sulle licenze relative alla preparazione e alla valutazione delle future dichiarazioni finanziarie dei club. Questa decisione vale esclusivamente per la partecipazione alle competizioni UEFA per club 2020/21.