UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La Romania tenta l'impresa

"Lotteremo fino alla fine cercando di sfruttare le nostre chance, pur esigue che siano", ha detto l'estremo difensore rumeno Bogdan Lobonţ, che spera di ribaltare il 3-1 subito all'andata contro la Grecia.

La Romania tenta l'impresa
La Romania tenta l'impresa ©AFP/Getty Images

"Siamo tristi e arrabbiati", ha detto l'attaccante Ciprian Marica dopo il 3-1 subito dalla Romania contro la Grecia ad Atene in occasione dello spareggio di andata per la Coppa del Mondo FIFA. "Ma possiamo solo vincere tutti insieme".

La Grecia ha per lunghi tratti dominato la precedente gara, ma il gol Bogdan Stancu al 19' mantiene ancora vive le speranze - seppur fragili - della squadra di Victor Piţurcă in vista della rivincita a Bucarest. Il sogno di raggiungere la Coppa del Mondo dopo 16 anni non è svanito, nonostante ai rumeni serva una vera e propria impresa. 

Piţurcă dovrà fronteggiare numerose importanti assenze. A centrocampo, infatti, mancheranno gli squalificati Alexandru Bourceanu e Costin Lazăr, quest'ultimo espulso ad Atene, oltre a un altro titolare come Mihai Pintilii ai box per infortunio. Tra gli altri punti interrogativi la scelta del portiere: Ciprian Tătăruşanu ha saltato l'andata per un problema alla schiena e al suo posto è sceso in campo Bogan Lobonţ, ma l'estremo difensore del Manchester City FC Costel Pantilimon potrebbe vincere la concorrenza e partire dal 1'.

"Siamo davvero dispiaciuto di aver deluso i nostri tifosi [ad Atene] - ha detto Lobonţ. "Ma ciascuno di loro deve essere certo che cercando di sfruttare le nostre chance, pur esigue che siano". 

La Grecia, invece, spera di evitare il disastro e resta fiduciosa. "Sogniamo di partecipare al Mondiale in Brasile e daremo tutto sul campo - ha commentato Kostas Mitroglou dell'Olympiacos FC -. Andiamo a Bucarest come se l'andata fosse finita 0-0. Vogliamo vincere ancora. Ci aspettiamo grande pressione fin da subito. Li rispettiamo, ma non abbiamo paura".