I due volti della fortuna

Mentre Paulo Bento non ha nulla da recriminare dopo l'eliminazione del Portogallo, Vicente Del Bosque ammette che la Spagna è stata aiutata dalla buona sorte.

La Spagna giocherà la finale contro la Germania o l'Italia
La Spagna giocherà la finale contro la Germania o l'Italia ©Getty Images

Paulo Bento, Ct Portogallo
Secondo me abbiamo giocato un ottimo torneo. Oggi siamo stati superiori nei primi 90 minuti, un po' meno ai supplementari. Non siamo riusciti a segnare e dopo i tempi regolamentari la Spagna è cresciuta.

Ai supplementari, abbiamo permesso alla Spagna di giocare meglio, ma prima potevamo decidere la partita. Se dovessi scegliere un modo di perdere, sceglierei proprio questo. La Spagna è una grande squadra e possiamo uscire dal campo a testa alta. Ora i giocatori possono andare in vacanza, se lo meritano. Da settembre inizieremo a pensare alle qualificazioni mondiali, ma ora sappiamo di poter competere con qualsiasi squadra.

Il quinto rigorista sarebbe stato Ronaldo. Avevamo scelto quest'ordine: [João] Moutinho, Pepe, Nani e [Bruno] Alves. Se il quarto rigore fosse entrato, forse ora parleremmo di una vittoria, ma non ho niente da recriminare.

Siamo stati aggressivi e uniti. Abbiamo cercato di controllare la partita il più possibile. Il nostro modo di competere e giocare, anche se abbiamo perso, ha dato fiducia a noi e a tutto il paese. I nostri connazionali saranno sicuramente orgogliosi.

Vicente del Bosque, Ct Spagna
Il Portogallo è stato superiore quando si è trattato di difendere. Non abbiamo avuto molte opportunità, quindi è stata una gaa molto equilibrata. Nei tempi supplementari è stato leggermente diverso, e poi siamo stati davvero fortunati ai calci di rigore. Voglio congratularmi con il Portogallo perché ha disputato un grande torneo. Stavolta siamo stati fortunati.

Non vogliamo solo difendere, ma anche attaccare. Naturalmente stiamo migliorando la nostra fase difensiva grazie alle caratteristiche dei nostri giocatori. Siamo contenti di questo e ci aiuterà sicuramente per i nostri prossimi successi.

Xavi non stava giocando male, ma era stanco e volevamo più velocità. Pedro [Rodríguez] e [Jesús] Navas sono stati più incisivi. Xavi ha giocato un ottimo torneo, ma dopo i cambi siamo stati più pericolosi. Era fondamentale e i giocatori sono sempre più maturi come hanno dimostrato ai supplementari.

Naturalmente, tutti e cinque i rigoristi si sono offerti di battere l'ultimo. Cesc mi ha detto che voleva che il suo forse quello decisivo, ma anche gli altri non si sono tirati indietro. Sergio Ramos sapeva che Rui Patrício si sarebbe buttato su un lato, ed è per questo che ha deciso di imitare [Andrea] Pirlo.

L'altra semifinale sarà una grande partita. Chiunque vinca, avremo sicuramente di fronte una squadra difficile, ma per ora non ci pensiamo.