Qualificazioni: le sfide da non perdere giovedì

Anteprima: UEFA.com analizza le partite delle Qualificazioni Europee in programma giovedì, con la Polonia che vuole spezzare una maledizione, l'Irlanda del Nord che punta sul fattore campo e la Danimarca che riabbraccia "Christiano Eriksen".

Christian Eriksen potrebbe essere l'uomo-chiave per la Danimarca in Portogallo
©AFP/Getty Images

Gruppo D
Il problema terzini della Germania
Ai campioni del mondo basta conquistare un punto in Repubblica d’Irlanda per assicurarsi la qualificazione, mentre con un pareggio la squadra di casa potrebbe vedere allontanarsi definitivamente la possibilità di arrivare nelle prime due posizioni prima della trasferta di domenica in Polonia. La Germania è alle prese con il problema dei terzini: negli ultimi 3 anni – 34 partite – Joachim Löw ha provato non meno di 15 giocatori per quei due ruoli. Durante la Coppa del Mondo FIFA 2014 ha anche schierato una difesa a quattro formata da difensori centrali, e le cose sono peggiorate dopo Rio con l'addio di Philipp Lahm alla nazionale.

Ora il ct tedesco sembra intenzionato a puntare su Emre Can del Liverpool sulla destra e su Jonas Hector del Köln sulla sinistra. Se tale soluzione renderà contro le squadre più forti lo vedremo eventualmente solo in Francia, ma intanto sarà messa alla prova in queste ultime gare di qualificazione.
Repubblica d'Irlanda - Germania, 20.45CET

La maledizione di Hampden
La Scozia non ha mai vinto contro la Polonia a Hampden Park, per cui se la squadra di Gordon Strachan vuole mantenere vive le speranze di qualificazione deve rompere una maledizione che dura dal 1960. In quell’occasione, la Scozia perse 3-2 nella prima gara contro la Polonia allo stadio di Glasgow.

Una vittoria consentirebbe agli scozzesi di sperare in un posto negli spareggi se l’Irlanda non dovesse battere la Germania, oppure anche un pareggio in caso di sconfitta dell’Irlanda.
Scozia - Polonia, 20.45CET

Vlad Chiricheş festeggia durante la sfida vinta dalla Romania in Finlandia
Vlad Chiricheş festeggia durante la sfida vinta dalla Romania in Finlandia©AFP/Getty Images

L'Irlanda del Nord punta sul fattore campo
L'Irlanda del Nord, distante soli due punti dalla qualificazione diretta, insegue due sogni nella sfida contro la Grecia, prossima avversaria a Belfast. In caso di successo contro i campioni d'Europa del 2004, la squadra di Michael O'Neill accederà per la prima volta alle fasi finali dei Campionati Europei e tornerà a disputare un grande torneo internazionale dopo 30 anni, ovvero dalla Coppa del Mondo FIFA 1986 in Messico. 

Un pareggio o una vittoria permetterebbero inoltre all'Irlanda del Nord di concludere un torneo di qualificazione senza subire sconfitte a Windsor per la prima volta da tre decenni a questa parte. L'ultima volta era accaduto nelle qualificazioni ai Campionati Europei UEFA 1984, quando la squadra guidata da Billy Bingham centrò quattro vittorie casalinghe contro Germania Ovest, Albania, Turchia e Austria.
Irlanda del Nord - Grecia, 20.45CET

Christian Holst vestirà per l'ultima volta la maglia delle Isole Faroe
Christian Holst vestirà per l'ultima volta la maglia delle Isole Faroe©AFP/Getty Images

Dopo la sconfitta per 1-0 in Finlandia le Far Oer non possono più qualificarsi, mentre Ungheria e Romania sono ancora in corsa. Il Ct Lars Olsen ha detto: "Potremmo essere decisivi per stabilire chi si qualificherà, e di sicuro entrambe le nostre avversarie si aspettano di batterci. Ma possiamo dire la nostra, e penso che nelle nostre precedenti partite abbiamo dimostrato di essere competitivi". 
Ungheria - Isole Faroe, 20.45CET

Gruppo I
Eriksen dà speranza ai danesi

I tifosi danesi contano sul rientro di Christian Eriksen – o 'Christiano Eriksen', come amano chiamarlo dopo i suoi ultimi due gol su punizione per il Tottenham Hotspur. Il 24enne ha saltato le gare pareggiate 0-0 contro Albania e Armenia il mese scorso per squalifica, e ora la sua presenza dovrebbe rivelarsi determinante per la sfida in casa del Portogallo. "Nessuno è ai suoi livelli", ha commentato William Kvist.
rtogallo - Danimarca, 20.45CET

 

In alto