UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Pioggia di emozioni per la Grecia

"Poteva essere la mia ultima gara con la nazionale", ha dichiarato un raggiante Giorgos Karagounis dopo la qualificazione ellenica alla Coppa del Mondo FIFA. La Romania non nasconde i rimpianti.

Giorgios Karagounis guida i festeggiamenti ellenici a Bucarest
Giorgios Karagounis guida i festeggiamenti ellenici a Bucarest ©AFP/Getty Images

Fernando Santos, Ct Grecia
Per prima cosa ho ringraziato Dio, poi ho dedicato la qualificazione al popolo greco e ho telefonato a mia madre, che non aveva mai avuto dubbi. In 22 gare di qualificazione a UEFA EURO 2012 e alla Coppa del Mondo FIFA 2014 abbiamo subito una sola sconfitta e pareggiato tre volte. Questi sono numeri da grande squadra e voglio fare i complimenti ai miei giocatori. La qualificazione è pienamente meritata.

Sapevamo che nel primo tempo la Romania avrebbe cercato subito il gol, ma abbiamo retto il loro urto e siamo passati in vantaggio appena ne abbiamo avuto l'opportunità. Nella ripresa abbiamo subito il pareggio a causa di un pizzico di sfortuna, ma da lì in poi non abbiamo avuto troppe difficoltà.

Giorgos Karagounis, centrocampista Grecia
un altro grande momento per tutti noi, una qualificazione meritata. Aspettavamo questo momento da due anni e i nostri sforzi sono stati premiati. Ringrazio Dio per tutto ciò che sono riuscito a fare con la nazionale, vesto questa maglia da quando avevo 14 anni. Ho partecipato a tre edizioni di EURO e questa sarà la mia seconda Coppa del Mondo. se non ci fossimo qualificati, questa sarebbe potuta essere la mia ultima gara con la nazionale. Non riesco a descrivere le mie emozioni, dedico la qualificazione al popolo greco e alla mia famiglia.

Victor Piţurcă, Ct Romania
Prima di tutto voglio fare i complimenti alla Grecia, che ha meritato la qualificazione. Abbiamo perso ad Atene e abbiamo subito gol sciocchi in entrambe le gare. Con presupposti simili, non era facile ribaltare la situazione. Siamo partiti bene, facendo più possesso palla della Grecia, ma non abbiamo creato occasioni e poi abbiamo subito il gol.

E' un peccato aver mancato questa chance. E' stata una bella esperienza, ma non abbiamo saputo superare i nostri limiti. Sono dispiaciuto per i tifosi, che hanno creduto in noi e avrebbero meritato la qualificazione. Sono profondamente triste e sono l'unico a cui va attribuita ogni colpa.

Vlad Chiricheş, difensore Romania
La Grecia è stata più forte e dobbiamo ammettere che si è qualificata con pieno merito. Non so se abbiamo perso la qualificazione ad Atene o qui, semplicemente loro si sono rivelati più forti. Dobbiamo comunque essere orgogliosi di quanto fatto nelle qualificazioni, pur ammettendo la sconfitta.

Non so se avremo di nuovo un'occasione del genere, per quanto mi riguarda credo di no. Siamo partiti bene, abbiamo attaccato e controllato la partita. Sfortunatamente, non siamo riusciti a renderci pericolosi, è un vero peccato.