UEFA.com funziona meglio su altri browser
Dal 25 gennaio, UEFA.com non supporterà più Internet Explorer.
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox o Microsoft Edge.

Tre Ct delusi

Van Basten, Scolari e Lippi scontenti delle prestazioni delle loro squadre nelle qualificazioni alla Coppa del Mondo.

Marco van Basten, Luiz Felipe Scolari e Marcello Lippi. Tre Ct scontenti dopo le prestazioni di sabato nelle gare di qualificazione alla Coppa del Mondo FIFA.

Girone 1
Van Basten è insoddisfatto di un’Olanda che ha sprecato due volte il vantaggio a Skopje, contro l’ERJ Macedonia. "2-2 da buttare - ha dichiarato l’ex attaccante rossonero -. Siamo stati carenti in fase di costruzione e ci siamo fatti sorprendere due volte in contropiede". Karel Brückner, Ct della Repubblica ceca, è invece contento dell’1-0 in casa sulla Romania: "Sono soddisfatto della vittoria in una partita difficile. Sono molto meno contento per la squalifica rimediata da [Milan] Baroš a causa di un’ammonizione a dir poco ingenua. Dovremo fare a meno di lui mercoledì in Armenia"

Girone 2
"L’importante era non perdere", ha affermato Vassilios Tsiartas, autore del pareggio nell’1-1 fra Ucraina e Grecia. "Siamo campioni d’Europa e tutti vogliono far bella figura contro di noi". E infatti la Grecia deve ancora vincere una partita dopo la finale vittoriosa di UEFA EURO 2004™. I campioni d’Europa si trovano solo al sesto posto, davanti al Kazakistan, in un girone guidato dalla Turchia di Ersun Yanal.

Girone 3
Scolari ancora incredulo su come i suoi giocatori abbiano potuto sprecare un vantaggio di due reti in Liechtenstein. Una partita definita “storica” dal Ct avversario Martin Andermatt. "Non so perché abbiamo giocato così - ha ammesso Scolari -. Abbiamo  commesso errori  mai visti prima. Se guardiamo le singole prestazioni, il 90% è sotto la sufficienza". Girone guidato da una Slovacchia imbattuta e convincente nel 4-1 sulla Lettonia.

Girone 4
Nel Girone 4 la notizia è il secondo pareggio di fila della Francia in casa, stavolta contro la Repubblica d’Irlanda. Robert Pires, centrocampista dei Bleus, ha dichiarato: "Non è vero, come dicono in molti, che giochiamo male. Siamo una squadra nuova e abbiamo bisogno di tempo". Brian Kerr, Ct irlandese, rimpiange le occasioni sprecate. Doppietta dell’elvetico Alexander Frei nel 2-2 a Tel-Aviv fra Israele e Svizzera.

Girone 5
"Sono molto arrabbiato - ha detto Marcello Lippi dopo la sconfitta 1-0 contro la Slovenia -. Abbiamo corso due soli pericoli su calci piazzati in 90 minuti. Questa partita dovevamo vincerla noi". Brane Oblak, Ct sloveno, rincuora il collega azzurro: "Non credo che l’Italia perderà ancora. Resta la favorita del girone. Mi sarei accontentato anche di un pareggio". Delle altre squadre, la Norvegia batte la Scozia dopo 41 anni e, nella parole del suo Ct Åge Hareide, torna in lotta per il secondo posto.

Girone 6
Mentre Carlos Alberto, Ct dell’Azerbaigian, afferma di essere stufo di giocare contro  squadre come Galles e Irlanda del Nord, l’Inghilterra passa in testa al girone dopo la vittoria 2-0 contro il Galles. Il Ct Sven-Göran Eriksson ha dichiarato: "Il gol del 2-0 di David Beckham ha chiuso un incontro che poteva ancora essere insidioso". Mark Hughes, Ct del Galles, ha ammesso l’impotenza dei suoi attaccanti di fronte alla bravura dei difensori inglesi.

Girone 7
0-0 a Sarajevo fra Bosnia Erzegovina e Serbia Montenegro e scambio di complimenti fra i due Ct. Ilija Petkovic, Ct serbo, ha dichiarato. "La Bosnia ha giocato molto bene." In risposta, il collega Blaz Sliskovic ha affermato: “La Serbia era priva di alcune pedine fondamentali. Il pareggio è giusto. Abbiamo avuto buone occasioni ma poca fortuna"

Girone 8
La Bulgaria segna due reti negli ultimi 12 minuti a Zagabria e riesce a pareggiare 2-2 contro la Croazia. Palpabile la delusione dell’attaccante croato Dado Pršo. "Ci siamo chiusi in area a difendere il vantaggio, un errore enorme”, ha dichiarato l’attaccante dei Rangers FC.  La Svezia, con la vittoria 3-0 sull’Ungheria a Solna, si porta ad un punto dalla capolista Croazia. Il centrocampista Fredrik Ljungberg ha dichiarato: "L’Ungheria ha giocato troppo in difesa e rinunciato praticamente ad attaccare. È difficile giocare contro  squadre così, ma alla fine ce l’abbiamo fatta”.