L'Italia rimonta e chiude prima

Italia-Norvegia 2-1
Sotto all'intervallo per il gol di Tettey, la squadra di Conte ribalta il risultato nella ripresa grazie a Florenzi e Pellè. Gli Azzurri vincono imbattuti il Gruppo H.

Italia-Norvegia 2-1
Italia-Norvegia 2-1
  • L'Italia - con la qualificazione già conquistata - va sotto contro la Norvegia, ma vince di misura e chiude al primo posto il Gruppo H.
  • Alexander Tettey porta in vantaggio la squadra di Per-Mathias Høgmo con un gran tiro di controbalzo nel primo tempo.
  • Alessandro Florenzi pareggia nella ripresa approfittando di un regalo di Haitam Aleesami.
  • Su assist dello stesso giocatore della Roma, Graziano Pellè firma a otto minuti dalla fine il gol della vittoria.
  • Domenica 18 ottobre alle 11.20CET è in programma il sorteggio degli spareggi a Nyon

L’Italia batte in rimonta la Norvegia e chiude al primo posto il Gruppo H di qualificazione a UEFA EURO 2016. Con il pass per la Francia già in tasca, gli Azzurri fanno in pieno il loro dovere allo Stadio Olimpico: Alexander Tettey firma il vantaggio della squadra di Per-Mathias Høgmo, che però si inchina ai gol di Alessandro Florenzi e Graziano Pellè.

Malgrado le tantissime assenze, specie a centrocampo - Andrea Pirlo, Marco Verratti e Daniele De Rossi - la nazionale di Antonio Conte si è tolta lo sfizio di collezionare un’altra vittoria, che pur non regalandole lo status di testa di serie al sorteggio per l’Europeo le consente di chiudere imbattuta il raggruppamento, con sette vittorie e tre pareggi. La Norvegia, scavalcata dalla Croazia, sarà invece costretta a giocare gli spareggi.

Conte ritorna al 3-5-2 rispolverando Riccardo Montolivo dal 1’ e confermando in attacco la coppia composta da Pellè ed Éder, la Norvegia si presenta all’Olimpico con un 4-2-3-1 con Alexander Søderlund terminale offensivo. L’avvio degli Azzurri è incoraggiante. Pellè va subito vicinissimo al vantaggio con un colpo di testa sul cross dalla sinistra di Mattia De Sciglio, Roberto Soriano ci prova dalla distanza dopo una bella incursione ma non ha fortuna.

Conte incita i suoi, Éder calcia bene al volo dopo un rimpallo ma trova l’opposizione di un avversario. Al 23’, al primo affondo, la Norvegia passa però in vantaggio. Su una punizione dalla tre quarti, Giorgio Chiellini - all’80esima presenza in nazionale - rinvia di testa alla meno peggio: sul pallone vagante si fionda Tettey, che con un gran sinistro di controbalzo non dà scampo a Gianluigi Buffon.

L’Italia accusa il colpo, ma ha comunque una buona reazione. Su un ottimo invito di Montolivo, Pellè ha ancora sulla testa il pallone per segnare ma lo spedisce a lato. Prima dell’intervallo sale in cattedra Nyland, il portiere della Norvegia, che si produce in tre salvataggi in serie sui tentativi di Soriano, Pellè e Florenzi.

La ripresa si apre con la squadra di Conte di nuovo all’attacco. Soriano, da fuori, impegna ancora il portiere ospite, poi Høgmo decide di ridisegnare la sua squadra: escono prima Per Ciljan Skjelbred, il capitano, e poi Søderlund per far spazio a Jone Samuelsen e Joshua King.

E’ ancora l’Italia però a spingere. Éder raccoglie il lancio dalle retrovie di Leonardo Bonucci e calcia solo davanti a Nyland, che ancora una volta ha la meglio. E’ l’ultima giocata dell’attaccante dell’UC Sampdoria, che lascia il posto a Sebastian Giovinco. Andrea Bertolacci, poco dopo, rimpiazza Montolivo, suo compagno di squadra anche nell’AC Milan, mentre negli ultimi 20 minuti Conti opta per il 4-3-3 inserendo Antonio Candreva al posto di Andrea Barzagli.

E’ il cambio che fa da preludio al pareggio, che arriva al 73’ complice il gravissimo errore di Haitam Aleesami: il difensore dell’IFK Göteborg, sul cross di Giovinco, tenta di “smorzare” di petto il pallone per il suo portiere, ma regala un involontario assist a Florenzi che da due passi fa 1-1. Il romanista qualche minuto dopo si ripete, sull’assist di Candreva, ma la rete è annullata per fuorigioco millimetrico dello stesso giocatore della Lazio.

L’Italia gioca comunque sulle ali dell’entusiasmo e all’82’ trova il 2-1. Florenzi cambia fronte per Pellè, l’attaccante del Southampton calcia di controbalzo e non dà scampo a Nyland. Finisce con gli Azzurri in festa, Conte e i suoi ragazzi chiudono il girone con un'altra vittoria e imbattuti.