Il sito ufficiale del calcio europeo

Prandelli, potere ai giovani

Pubblicato: Lunedì, 12 novembre 2012, 22.56CET
La sfida contro la Francia rappresenta più di una semplice amichevole per Cesare Prandelli che punta sui giovani e sul bel gioco. “Contro la Francia non è mai una partita normale”, avverte il Ct azzurro.
di Alessandro Massimo
Prandelli, potere ai giovani
Cesare Prandelli sorridente ©Getty Images

Pubblicato: Lunedì, 12 novembre 2012, 22.56CET

Prandelli, potere ai giovani

La sfida contro la Francia rappresenta più di una semplice amichevole per Cesare Prandelli che punta sui giovani e sul bel gioco. “Contro la Francia non è mai una partita normale”, avverte il Ct azzurro.

Non ci sono punti in palio, ma la sfida tra gli Azzurri e i cugini transalpini non ha mai il sapore di una semplice amichevole, nemmeno questa volta. Dopo le recenti vittorie conquistate nelle qualificazioni alla Coppa del Mondo FIFA 2014 contro Armenia e Danimarca, il Ct Cesare Prandelli tiene alta la tensione in vista della sfida di mercoledì sera al Tardini di Parma dove gli Azzurri si confronteranno contro “un avversario importante” come la Francia di Didier Deschamps.

“E’ una gara che conta per la classifica Fifa”, afferma il Ct azzurro che aggiunge: “Nelle ultime amichevoli abbiamo sempre perso: bisogna capire che anche queste gare sono da vivere con la giusta mentalità”. E aggiunge: “Contro la Francia non è mai una partita normale”.

Dopo il forfait di Domenico Criscito e Pablo Osvaldo, Prandelli spiega la scelta di rinunciare ad uno dei simboli di quest’Italia, Daniele De Rossi, espulso domenica nel derby capitolino. “E’ troppo tifoso: quando si assume questo tipo di responsabilità, va fuori giri”, sottolinea Prandelli. “Per noi è un giocatore importante. Queste punizioni serviranno a essere pronti negli eventi più importanti, quando la tensione sarà maggiore. Al Mondiale non ripeterà questi errori”.

Il giallorosso resta un indubbio caposaldo nei progetti del Ct al pari dei tanti nuovi giovani volti destinati a raffigurare il futuro della nazionale. “Florenzi ha trovato posto in una squadra importantissima mentre Santon ha giocato dieci partite da titolare nel Newcastle e sta recuperando fiducia in se stesso. El Shaarawy riesce ad abbinare le due fasi nella maniera giusta senza perdere lucidità in fase realizzativa”.

Una new entry, quella del romanista, un ritorno tanto atteso per l’ex nerazzurro, e l’indiscutibile certezza del Faraone schiudono lo sguardo azzurro verso un orizzonte legato al talento e alle qualità della nuova generazione: “I giovani che scenderanno in campo dovranno dare entusiasmo e qualità“, sostiene il Ct che potrebbe lasciare spazio a chi nelle ultime settimane ha giocato poco con il proprio club: “Ho provato Balotelli e Destro perché sono gli unici con Giaccherini a non aver giocato novanta minuti. L'idea comunque è provare un fronte d'attacco inedito''.

Ultimo aggiornamento: 12/11/12 23.01CET

Informazioni collegate

Profili giocatori
Federazioni nazionali

http://it.uefa.com/worldcup/news/newsid=1892444.html#prandelli+potere+giovani

  • © 1998-2014 UEFA. Tutti i diritti riservati.
  • La parola UEFA, il logo UEFA e tutti i marchi che si riferiscono a competizioni UEFA, sono marchi registrati e/o copyright della UEFA. Tali marchi non possono essere utilizzati in nessun modo per scopi commerciali. L'utilizzo di UEFA.com sta a significare l'accettazione dei Termini e Condizioni e delle Norme sulla Privacy.