Il sito ufficiale del calcio europeo

Verratti a tutto campo

Pubblicato: Martedì, 9 ottobre 2012, 17.56CET
L'astro nascente del centrocampo italiano ha già stregato tifosi del PSG e addetti ai lavori in Francia, ma ora vuole prendersi anche la nazionale: "pur di vestire l'azzurro, giocherei anche in porta", ha dichiarato.
di Roberta Radaelli
da Milano
Verratti a tutto campo
Dopo aver conquistato il PSG, Marco verratti vuole ritagliarsi un posto in pianta stabile anche in azzurro. ©Getty Images

Pubblicato: Martedì, 9 ottobre 2012, 17.56CET

Verratti a tutto campo

L'astro nascente del centrocampo italiano ha già stregato tifosi del PSG e addetti ai lavori in Francia, ma ora vuole prendersi anche la nazionale: "pur di vestire l'azzurro, giocherei anche in porta", ha dichiarato.

Zdeněk Zeman è famoso per saper valorizzare i giovani talenti, anche se qualche volta la loro parabola tramonta in fretta dopo la separazione dal boemo. Non è il caso di Marco Verratti, passato senza battere ciglio dal Pescara Calcio in Serie B alla ribalta del Paris-Saint Germain FC nel giro di pochi mesi.

Per il centrocampista 19enne è arrivato recentemente anche l'esordio con la maglia azzurra, nell'amichevole persa 2-1 contro l'Inghilterra ad agosto, e ora che le qualificazioni alla Coppa del Mondo FIFA 2012 hanno preso il via, Cesare Prandelli ha deciso di continuare a puntare su di lui.

Una scelta che Verratti ha accolto con estrema gioia, come sintetizzano le sue parole: "Sono sempre concentrato sul presente e pur di giocare con l'Italia farei anche il portiere", ha dichiarato l'erede designato di Andrea Pirlo in vista della sfida di venerdì contro l'Armenia, che potrebbe vederlo tra i protagonisti.

Quando Verratti è sbarcato in Francia insieme a giocatori affermati come Thiago Silva e Zlatan Ibrahimović, stampa e tifosi lo hanno quasi del tutto ignorato, tanto che L'Equipe è arrivato a chiedersi "Chi è Marco Verratti?". Ma il giovane regista ha fatto ricredere tutti nel giro di una manciata dis ettimane, tanto che lo stesso Ibra ha detto di lui: "Non è destinato a diventare un grande giocatore, è già un grande giocatore".

Del resto, che il centrocampista fosse un predestinato lo si era capito presto. Nato fantasista e riconvertito a playmaker da Zeman - lo stesso percorso a ritroso di Pirlo - Verratti è stato uno dei principali artefici del ritorno in Serie A del Pescara e da lì la sua parabola è stata in costante ascesa: il trasferimento a Parigi, la prima chiamata in nazionale maggiore e quindi l'esordio a Wembley contro i Leoni d'Inghilterra.

A questo punto, pertanto, è scontato che in molti si aspettino che l'italiano di Francia raccolga l'eredità del barbuto juventino anche in maglia azzurra, quando per Pirlo arriverà il momento dell'addio. Verratti, però, preferisce mantenere il profilo basso e per il momento, quasi si schermisce.

"Non credo di essere ancora un giocatore così importante, ma ho la fortuna di essere approdato in nazionale a 19 anni - spiega -. Non è una cosa che succede di frequente, perciò ora che sono qui devo migliorare, come tutti i ragazzi della mia età. Non so se sono il giocatore del futuro, ora devo pensare al mio presente".

In vista della gara contro l'Armenia, che dovrebbe rilanciare le ambizioni dell'Italia dopo il pareggio ottenuto in Bulgaria all'esordio e la non irresistibile prestazione contro Malta, Prandelli appare intenzionato a trovare una maglia da titolare per Verratti: "la mia idea è quella di schierarlo in linea con Pirlo, o forse qualche metro più avanti, lasciando che si scambino di posizione a partita in corso".

Una prospettiva, quella di tornare a fare il trequartista, che solletica Verratti: "La scorsa stagione a Pescara ho giocato qualche partita dietro alle punte, quindi per me non è una novità. E poi, come ho già detto, pur di giocare con l'Italia mi accontenterei anche di fare il portiere".

Ultimo aggiornamento: 08/05/14 7.50CET

Informazioni collegate

Profili giocatori
Profili squadre

http://it.uefa.com/worldcup/news/newsid=1875163.html#verratti+tutto+campo

  • © 1998-2014 UEFA. Tutti i diritti riservati.
  • La parola UEFA, il logo UEFA e tutti i marchi che si riferiscono a competizioni UEFA, sono marchi registrati e/o copyright della UEFA. Tali marchi non possono essere utilizzati in nessun modo per scopi commerciali. L'utilizzo di UEFA.com sta a significare l'accettazione dei Termini e Condizioni e delle Norme sulla Privacy.