Il sito ufficiale del calcio europeo

Quarto titolo per la Germania

La Germania dopo quattro anni di attesa si è aggiudicata la corona europea anche grazie alla lucidità sotto porta delle gemelle Kerschowski.

Quarto titolo per la Germania

La Germania dopo quattro anni di attesa si è aggiudicata la corona europea anche grazie alla lucidità sotto porta delle gemelle Kerschowski.

Il desiderio da parte della Germania di un quarto titolo è stato soddisfatto nel 2006, ma i risultati fanno apparire il trionfo più facile di quanto non sia stato in realtà.

Le tedesche sono passate indenni dalle qualificazioni approdando in Svizzera insieme a Russia, Francia (finalista nel 2005), Svezia, Danimarca, Olanda e l'esordiente Belgio. Nel primo giorno della fase finale la Germania ha però dovuto ringraziare la nuova entrata Ann-Christian Angel che ha firmato il pareggio (1-1) con la Svezia nei minuti finali. Sempre nel Gruppo A, la Danimarca, sotto di un gol, ha superato 2-1 un Belgio rimasto in dieci.

Due giorni dopo il Belgio ha pareggiato 0-0 con la Svezia mentre la Germania ha battuto 2-0 la Danimarca in una gara iniziata con ritardo a causa di un temporale abbattutosi su Lagenthal. La Germania si è confermata capolista con un 4-0 inflitto al Belgio, mentre l'imbattuta Svezia è stata eliminata dopo un altro 0-0, questa volta contro la Danimarca, rivale di sempre, con la quale aveva già pareggiato nel corso delle qualificazioni.

Il Gruppo B è cominciato con una nuova sfida fra le finaliste del 2005, nonché gara di apertura della stessa competizione: Russia-Francia. Il risultato ricorda da vicino la partita del girone piuttosto che la finale visto che a 12 mesi dalla gara di esordio conclusasi 4-0, la Francia ha battuto la Russia campione in carica 4-1 grazie anche a una doppietta di Marie Laure Delie. La Svizzera ha superato l'Olanda 2-0, ma, dopo essere passate in vantaggio contro la Russia, le padrone di casa hanno perso 2-1 per mano di Elena Danilova, autrice di una doppietta. La Francia ha superato prima le olandesi 2-0 e poi le elvetiche 3-0 (tutti i gol nella ripresa) e ha concluso in testa. La Russia, seconda nel girone, si è garantita la qualificazione battendo l'Olanda 5-1. I quattro gol della Danilova sono un record per una gara della fase finale dell'Under 19 femminile.

La Danilova (capocannoniere per il secondo anno consecutivo con sette gol - 17 calcolando anche le qualificazioni) non è però riuscita a ripetersi con la Germania nella semifinale di Berna. Le due nazionali si sono trovate di fronte in semifinale per la terza volta consecutiva e la Germania ha ripetuto la vittoria del 2004 piuttosto che la sconfitta del 2005, trionfando con un perentorio 4-0. Il primo tempo si era chiuso 0-0, ma nella ripresa il Ct tedesco Maren Meinert ha mandato in campo la Angel e poi Monique Kerschowski: entrambe hanno segnato nello spazio di cinque minuti, Juliane Maier ha realizzato su calcio di punizione e l'altra gemella Kerschowski, Isabel, ha firmato il quarto gol.

A Solothurn la partita fra Francia e Danimarca è stata più combattuta, ma le Bluesettes hanno vinto 1-0 grazie a un colpo di testa della Delie a 20 minuti dalla fine (quinto centro personale per la francese, andata in gol in tutte le gare del torneo). Le scandinave hanno colpito i pali in diverse occasioni, l'ultima delle quali a pochi minuti dalla conclusione.

La Francia ha avuto dunque l'opportunità di vendicare la sconfitta in finale dell'anno precedente, ma non ce l'ha fatta. Isabel Kerschowski ha aperto le marcature al 13' e all'inizio della ripresa ha insaccato dalla distanza dopo aver scartato anche il portiere in uscita Véronique Pons. Monique Kerschowski, in campo dal primo minuto, non è stata da meno e al 75' ha messo dentro nonostante una deviazione. Grande torneo dunque per le sorelle tedesche. Per la Francia, giunta alla quarta finale su cinque tornei Under 19, è stata invece la terza sconfitta in finale.

http://it.uefa.com/womensunder19/history/season=2006/index.html#quarto+titolo+germania