Finale tutta francese a Cardiff

Il Lione, detentore della UEFA Women's Champions League, sfiderà il Paris Saint-Germain al Cardiff City Stadium il 1 giugno nella prima finale tutta francese nella storia delle competizioni UEFA per club.

©Sportsfile

Il Lione, detentore della UEFA Women's Champions League, sfiderà il Paris Saint-Germain al Cardiff City Stadium il 1 giugno nella prima finale tutta francese nella storia delle competizioni UEFA per club.

Testa a testa
• Le squadre si sfidano per la terza stagione di fila nel torneo.

• La scorsa stagione il Lione si è imposto 7-0 in casa e 1-0 in trasferta in semifinale.

• Nel 2014/15 il Paris ha eliminato il Lione agli ottavi pareggiando 1-1 in casa e vincendo 1-0 allo Stade de Gerland.

• In questa stagione le due squadre si sono sfidate tre volte. In campionato, il 17 dicembre il Paris si è imposto 1-0 in casa con un gol all'83' di Marie-Laure Delie.

• Il Lione si è preso la rivincita il 13 maggio con una vittoria per 3-0 firmata dalle reti di Eugénie Le Sommer, Ada Hegeberg e Alex Morgan. Il Lione ha conquistato l'11esimo titolo consecutivo in Francia mentre il Paris è confermato al terzo posto, per cui deve vincere a Cardiff per qualificarsi in Europa per la prossima stagione. 

• Sei giorni più tardi le due squadre si sono nuovamente incontrate nella finale di Coppa di Francia a Vannes, con Morgan assente per un infortunio muscolare agli adduttori e in dubbio anche per la finale di Cardiff. Il Paris è passato in vantaggio al 7', ma un rigore segnato poco dopo l'ora di gioco da Saki Kumagi ha decretato l' 1-1 finale.

• Ai calci di rigore, entrambe le formazioni hanno realizzato i loro primi quattro tiri prima dell'errore di Irene Paredes e del palo colpito da Kumagai. In seguito, le due squadre hanno segnato due gol prima della parata di Méline Gérard su Ouleymata Sarr e del tiro decisivo trasformato da Hegerberg, che ha regalato il successo per 7-6 ai rigori al Lione e il sesto double nazionale consecutivo.

• Prima della finale di Cardiff le due squadre si sfideranno il 13 maggio a Lione in campionato e il 20 maggio a Vannes in finale di Coppa di Francia.

L'ex allenatore del Lione Patrice Lair siede ora sulla panchina del Paris
L'ex allenatore del Lione Patrice Lair siede ora sulla panchina del Paris©Sportsfile

• Il Paris è allenato da Patrice Lair, che nel 2011 e 2012 ha regalato al Lione i primi due trionfi continentali. Shirley Cruz Traña e Laura Georges, ora al Paris, furono protagoniste sul campo di quei successi.

• Dzsenifer Marozsán del Lione e Verónica Boquete del Paris militavano nell'FFC Frankfurt che nel 2015 sconfisse 2-1 in finale il club della capitale.

Statistiche
• Il Lione ha eguagliato il record del Francoforte di sei finali raggiunte e punta ad eguagliare anche quello di quattro vittorie, appartenente sempre al club tedesco.

• Il Francoforte ha battuto il Turbine Potsdam nel 2006 nell'unica altra finale tra due squadre dello stesso paese finora disputata.

• Lione e Paris sono state protagoniste di tutte le finali tranne una dalla nascita della moderna UEFA Women's Champions League nel 2009/10.

2010: Turbine Potsdam (GER) - Lione (FRA) 0-0, 7-6dcr, Getafe
2011: Lione (FRA) - Turbine Potsdam (GER) 2-0, Fulham
2012: Lione (FRA) - FFC Frankfurt (GER) 2-0, Monaco
2013: Wolfsburg (GER) - Lione (FRA) 1-0, Chelsea
2014: Wolfsburg (GER) - Tyresö (SWE) 4-3, Lisbona
2015: FFC Frankfurt (GER) - Paris Saint-Germain (FRA) 2-1, Berlino
2016: Lione (FRA) - Wolfsburg (GER) 1-1, 4-3dcr, Reggio Emilia

Every final since 2010: highlights
Every final since 2010: highlights

• Sarah Bouhaddi, Wendie Renard, Camille Abily e Eugénie Le Sommer hanno giocato le tre precedenti finali vinte dal Lione.

• Bouhaddi e Renard hanno gocato tutte le finali del Lione. 

• Abily ha collezionato 71 apparizioni in Europa, record per un giocatore di movimento, ed è a sole otto presenze dal primato assoluto di 79 appartenente all'ex portiere dell'Arsenal Emma Byrne.

• Il Lione eguaglierà il record dell'Arsenal di 79 gare europee in occasione della finale.

• Lair potrebbe diventare il primo allenatore a vincere il trofeo tre volte e il primo a riuscirci con due club diversi.