Analisi stagione: Poker Francoforte

Il finale è stato emozionante, anche se la conclusione è stata familiare: UEFA.com analizza la stagione 2014/15 di UEFA Women's Champions Leagaue chiusasi con la vittoria del Francoforte.

(1. FFC Frankfurt)
©Sportsfile

Il finale è stato emozionante, anche se la conclusione è stata familiare: UEFA.com analizza la stagione 2014/15 di UEFA Women's Champions Leagaue chiusasi con la vittoria dell'1. FFC Frankfurt.

Vincitore della prima UEFA Women's Cup nel 2002, il Francoforte ha trionfato anche nel 2006 e nel 2008, ma da allora ha faticato e nella finale 2012 è stato battuto per 2-0 a Monaco dall'Olympique Lyonnais. Tre anni dopo quella delusione la squadra si è rifatta sempre in Germania, in un Friedrich-Ludwig-Jahn-Sportpark tutto esaurito a Berlino.

Il Francoforte, assente nella competizione nelle ultime due stagioni in favore del VfL Wolfsburg, è arrivato alla finale con 40 gol segnati e solo due subiti, mantenedo la porta inviolata per sette partite consecutive. Il Paris, che prima di questa stagione non era mai arrivato ai quarti, ha invece seguito un percorso più accidentato.

Negli ottavi ha eliminato il Lione grazie all'1-0 del ritorno dopo l'1-1 dell'andata in casa. Nei quarti ha avuto la meglio sugli scozzesi del Glasgow City FC, e poi il Paris è diventato la prima squadra a battere il Wolfsburg in Europa, vincendo 2-0 in trasferta prima di perdere 2-1 in casa.

Il Paris non aveva Caroline Seger in finale per squalifica, e le tedesche hanno dominato le prime battute della partita.

Dopo 32 minuti il Francoforte è passato in vantaggio con un bel colpo di testa sul secondo palo di Célia Šašić, che ha chiuso la stagione con 14 gol segnati eguagliando il record per una singola stagione. Il Paris ha però pareggiato otto minuti dopo con Marie-Laure Delie.

La ripresa è stat più equilibrata e la sfida si è decisa ai supplementari. Due minuti dopo l'inizio del primo tempo supplementare la subentrata Mandy Isacker è andata a segno per il Francoforte.

Colin Bell è diventato il primo allenatore inglese a vincere una UEFA Champions League maschile o femminile. A UEFA.com ha detto: "Tatticamente abbiamo fatto tutto molto bene, e l'atteggiamento è stato semplicemente fantastico - ci abbiamo messo il cuore".