Saúl: "Non possiamo fermarci adesso"

In un'intervista esclusiva a UEFA.com, il capocannoniere di U21 EURO Saúl Ňíguez racconta: "Siamo molto uniti, il secondo gol all'Italia rappresenta ciò che sono. Ora dobbiamo vincere la finale".

©Sportsfile

E' stato l'eroe della semifinale di EURO U21 vinta dalla Spagna sull'Italia grazie alla sua tripletta, ed è in corsa per finire il torneo da capocannoniere. Ma per Saúl Ňíguez, il successo della Spagna a EURO U21 dipende tutto dalla squadra. "E' grazie a tutti i miei compagni - ha dichiarato a UEFA.com -, e non solo l'undici in campo, se sono riuscito a fare così bene". Nel mirino ora c'è la vittoria nella finale contro la Germania. 

UEFA.com: La Spagna sta disputando un grande torneo. Qual'è l'obiettivo adesso?

Arrivati a questo punto, l'obiettivo è di vincere, e di festeggiare con tutta la squadra, perchè è stato un percorso difficile, con una qualificazione complicata, i play-off, partite da dentro o fuori e ora la fase finale. In questa fase finale siamo stati quasi perfetti, concedendo solamente due reti, il primo una magia, e il secondo con una deviazione, quindi anche con un pò di sfortuna.

Saul intervistato da UEFA.com
Saul intervistato da UEFA.com©Sportsfile

Subire solamente due gol significa che stiamo lavorando molto bene, e questo è ciò che ci rende più orgogliosi. Nei momenti decisivi la squadra ha dimostrato di essere un gruppo, trovando unità e forza, e siamo riusciti a superare tutti. 

Quanto sei contento del tuo apporto alla squadra?

Sono felicissimo di aiutare la squadra, perché alla fine i gol aiutano se vinci, e arrivare dove siamo arrivati noi, anche se manca ancora un ultimo passo da compiere. Non possiamo fermarci. 

Quale dei tuoi gol ti rappresenta di più?

Alla fine, quasi ogni gol che ho segnato in questo Europeo mostra chi sono - arrivando da dietro. Ma se devo proprio sceglierne uno, direi quello da fuori area contro l'Italia. 

Saul ha segnato tre gol contro l'Italia
Saul ha segnato tre gol contro l'Italia©Getty Images

Questa potrebbe essere la fine di un'era per questo gruppo. La finale ha un sapore particolare?

Dobbiamo essere consapevoli che sarà l'ultima volta che indosseremo la maglia della Spagna, almeno a livello under. Sappiamo che la Nazionale maggiore è un altro mondo, e che questa è l'ultima volta assieme. E' così che ci sentiamo e ci stiamo divertendo perchè sarebbe strano non godersi la Nazionale. E penso che la squadra lo stia facendo vedere in campo.

Un pronostico per la finale?

Siamo due grandi squadre, e noi abbiamo uno stile simile al loro. Dovremo giocare con grande carattere e grinta, giocare come sappiamo, e lavorare duramente. Quando lavoriamo duramente e giochiamo uniti, la nostra squadra è molto forte, perchè possiamo adattarci a qualsiasi avversaria. Possiamo tenere palla se loro stanno bassi, ma se ci spingono indietro, abbiamo giocatori molto veloci per ripartire in contropiede. Siamo bravi a farlo, e con la Germania che gioca in modo simile al nostro, potrebbe funzionare di aspettarli e ripartire.