L'Italia passa in Polonia

Gli Azzurrini sbagliano un rigore con Cerri, ma vincono 2-1 l'amichevole di Cracovia con le reti di Pellegrini e Benassi. Lunedì a Roma l'ultimo test prima dell'Europeo contro la Spagna.

©Getty Images

Un’Italia piena di defezioni si aggiudica il penultimo test prima del Campionato Europeo UEFA Under 21. A Cracovia contro la Polonia, che in estate ospiterà la fase finale del torneo, gli Azzurrini di Luigi Di Biagio si impongono 2-1 grazie ai gol di Lorenzo Pellegrini e Marco Benassi; lunedì allo Stadio Olimpico di Roma l’ultimo test contro la Spagna.

L’Italia schiera Federica Chiesa dal primo minuto ma la prima chance è dei padroni di casa con Patryk Lipski: Pierluigi Gollini, portiere dell’Atalanta di proprietà dell’Aston Villa, si oppone con i pugni alla sua punizione. Gli Azzurrini reagiscono con Domenico Berardi, contenuto dalla difesa polacca, mentre un colpo di testa di Dawid Kownacki non trova lo specchio della porta.

La squadra di Di Biagio ci prova con Chiesa, che calcia a lato sull’assistenza di Alberto Cerri, ma alla mezzora arriva il vantaggio. Berardi prova a servire Chiesa, tocco di testa per Pellegrini che al volo non dà scampo a Jakub Wrąbel. Ancora Berardi va vicino al raddoppio, ma il sinistro del talento del Sassuolo mette solo i brividi al pubblico di Cracovia.

L’Italia gioca bene, ma al 43’ subisce il pari della Polonia. Bartosz Kapustka e Kownacki duettano bene, il tiro a giro dell’attaccante del Lech Poznań supera Gollini e vale l’1-1. Gli Azzurrini non ci stanno, Berardi impegna ancora il portiere avversario e sulla respinta Cerri mette dentro il 2-1: il gol è annullato per l’offside del giocatore del Pescara. Si va al riposo sull’1-1.

Nella ripresa Di Biagio toglie Chiesa e getta nella mischia Federico Di Francesco. L’Italia, dopo cinque minuti, torna avanti: Danilo Cataldi batte svelto un calcio di punizione per Benassi, il giocatore del Torino controlla e calcia forte: Wrąbel si getta alla sua destra ma è battuto. Lo stesso numero 8 degli Azzurrini ci prova al 52’, ma stavolta il portiere della Polonia riesce a respingere - artigianalmente - con i pugni.

Dieci minuti dopo la nazionale italiana ha una grande chance per il tris: Tomasz Kędziora affossa Di Francesco, per l’arbitro è rigore. Dal dischetto va Cerri, ma il tiro dell’attaccante italiano centra il legno alla sinistra del portiere avversario. Gli Azzurrini gestiscono bene il possesso malgrado l’errore, Alex Ferrari prima e Benassi poi sfiorano il tris.

C’è tempo per l’ingresso in campo di Alberto Grassi al posto di Pellegrini, l’Italia porta a casa un successo importante. Ora testa al prossimo impegno con la Spagna.