Il sito ufficiale del calcio europeo

Olanda da applausi in Serbia

Capace di approdare in finale dei Campionati Europei UEFA Under 17 senza subire nemmeno un gol, la nazionale olandese si è laureata campione continentale di categoria superando la Germania con un perentorio 5-2.
di Paul Saffer
da Novi Sad
Olanda da applausi in Serbia
L'Olanda festeggia il successo ai Campionati Europei UEFA Under 17 ©Sportsfile
SSI Err

Olanda da applausi in Serbia

Capace di approdare in finale dei Campionati Europei UEFA Under 17 senza subire nemmeno un gol, la nazionale olandese si è laureata campione continentale di categoria superando la Germania con un perentorio 5-2.

Prima della finale dei Campionati Europei UEFA Under 17 in Serbia, l'Olanda era sulla bocca di tutti per il fatto di non aver subito nemmeno un gol durantre tutto il torneo. Al termine del primo tempo della sfida contro la Germania a Novi Sad, tuttavia, entrambe le squadre avevano segnato due reti e il 5-2 finale a favore degli Orange ha stabilito il record di segnature in una finale maschile giovanile UEFA.

Nel primo tempo, Tonny Trindade de Vilhena riacciuffa due volte la Germania, a bersaglio con Samed Yesil e Okan Aydin, poi nella ripresa l'Olanda cambia marcia: un assolo di Memphis Depay vale il 3-2, quindi è Terence Kongolo, su azione da corner, a firmare il poker prima del gol finale di Kyle Ebecilio che suggella il trionfo continentale olandese.

Albert Stuivenberg, alla quarta partecipazione alle fasi finali di un torneo giovanile in cinque stagioni in carica come Ct olandese, ha plasmato una squadra solidissima in difesa, ma non difensivista. Dopo aver subito solo quattro gol in 11 gare prima delle fasi finali, in Serbia l'Olanda ha vinto il proprio raggruppamento battendo 2-0 la Germania e 1-0 l'esordiente Romania, concedendosi così il lusso di tenere a riposo sette elementi nella gara contro la Repubblica ceca, terminata 0-0.

In semifinale, il centrocampista dell'Arsenal FC Ebecilio ha firmato il gol che ha mandato al tappeto l'Inghilterra campione in carica, mettendosi in luce come uno dei principali artefici del trionfo olandese insieme ai centrali difensivi del Feyenoord Kongolo e Karim Rekik, a Trindade de Vilhena e ad Anass Achahbar, attaccante rivelatosi anche prezioso assistman. Questa la ricetta che ha permesso a Stuivenberg cdi vendicare la sconfitta contro la Germania nella finale 2009.

La squadra di Steffen Freund aveva vinto tutte e sei le gare delle qualificazioni, ma dopo essere stata battuta dall'Olanda nella prima gara delle fasi finali era andata a un passo dall'eliminazione, in svantaggio 1-0 contro la Repubblica ceca e incapace di sfruttare due calci di rigore a proprio favore, entrambi neutralizzati da uno strepitoso Lukáš Zima. Il pareggio di Yesil all'ultimo istante e il successo 1-0 contro la Romania avevano comunque regalato ai tedeschi l'accesso in semifinale.

In occasione della sfida contro la Danimarca, Yesil era uno tra i quattro giocatori tedeschi squalificati, oltre all'infortunato Levent Aycicek, tanto che il portiere in seconda Cedric Wilmes veniva riclassificato come giocatore di movimento. Nonostante la situazione quasi disperata, i tedeschi hanno avuto la meglio 2-0 sugli scandinavi e in finale Yesil è andato a bersaglio per l'ottava gara consecutiva, guadagnandosi il titolo di capocannoniere del torneo, seppur in coabitazione con Ebecilio, Trindade de Vilhena e l'inglese Hallam Hope, tutti a bersaglio tre volte. Se si considera il torneo nella sua intierezza, tuttavia, non c'è partita, con Yesil a bersaglio 11 volte nelle qualificazioni.

La gara che ha fatto registrare il maggior numero di spettatori, 6.200, è stata quella persa 3-2 dalla Serbia padrona di casa contro la Danimarca. La squadra di Thomas Frank, ispirata da Viktor Fischer e Kenneth Zohore, ha brillato nella fase a gironi, ma non ha avuto fortuna in semifinale contro la Germania, mentre l'Inghilterra campione in carica ha battuto la Serbia con un netto 3-0 ma è stata detronizzata con pieno merito dall'Olanda in semifinale.

Le due finaliste e tutte le altre squadre impegnate a Novi Sad hanno beneficiato del supporto dei giovani tifosi di una scuola locale in seno al progetto contro il razzismo della Federcalcio serba Stronger Together. Tra i sostenitori più vivaci, si sono distinti quelli 'tedeschi' e 'olandesi'. Li ringrazio davvero molto - ha dichiarato Trindade de Vilhena a UEFA.com -. E' stato bello vedere così tante persone che festeggiavano con noi".

http://it.uefa.com/under17/history/season=2011/index.html#olanda+applausi+serbia