Casemiro e Isco, trionfo Real a Skopje

La squadra di Zidane batte di misura il Manchester United e conquista il trofeo per la terza volta nelle ultime quattro stagioni: sblocca il brasiliano, raddoppia il nazionale spagnolo prima dell'inutile gol di Lukaku.

  • Il Real Madrid batte 2-1 il Manchester United a Skopje e conquista la Supercoppa UEFA per la terza volta nelle ultime quattro stagioni
  • Il brasiliano Casemiro porta in vantaggio la squadra di Zinedine Zidane nel primo tempo, raccogliendo il gran lancio di Dani Carvajal
  • Isco firma il raddoppio nella ripresa dopo un uno-due con il gallese Gareth Bale
  • I Red Devils di José Mourinho tornano in partita con un gol del nuovo acquisto Romelu Lukaku, ma non riescono a evitare la sconfitta
  • Entrambe le squadre saranno protagoniste nel sorteggio della UEFA Champions League, in programma il 24 agosto a Montecarlo


Per la terza volta nelle ultime quattro stagioni, il Real Madrid alza al cielo la Supercoppa UEFA. A Skopje, i detentori della UEFA Champions League hanno la meglio di misura sul Manchester United, vincitore della UEFA Europa League: finisce 2-1 grazie ai centri di Casemiro e Isco, che rendono inutile il gol di Romelu Lukaku.

La squadra di Zinedine Zidane, malgrado Cristiano Ronaldo parta dalla panchina, ha subito il sopravvento in avvio di gara. Sono trascorsi appena due minuti quando, sul cross di Marcelo, Gareth Bale prova il tiro al volo con il destro, il piede meno “sensibile”: il gallese, perso da Paul Pogba, non va lontano dal bersaglio grosso.

I campioni di Spagna al 16’ colpiscono addirittura una traversa con Casemiro, che di testa supera David de Gea ma trova il legno sulla sua strada. Otto minuti dopo, comunque, l’1-0 è cosa fatta. Dani Carvajal pesca con un super lancio ancora Casemiro, il brasiliano va alla conclusione con un sinistro in spaccata e trova l’angolino alla sinistra del portiere avversario.

La squadra di José Mourinho, grande ex, ha qualche sussulto solo nel finale, ma si va all’intervallo con le merengues in vantaggio. Nella ripresa lo Special One decide subito un avvicendamento: fuori Jesse Lingard, dentro il giovane attaccante Marcus Rashford. Ma dopo sette minuti il Real Madrid “bussa” ancora.

Isco, dopo un’azione insistita di Karim Benzema sulla sinistra, chiede il triangolo a Bale e lo ottiene, per poi superare De Gea con un chirurgico piatto destro. I Red Devils non ci stanno e potrebbero tornare in partita quasi subito, dopo meno di due giri di lancette. Keylor Navas, portiere costaricano dei campioni di Spagna, si oppone al colpo di testa di Pogba, sul tap-in Lukaku spara alto.

Al 62’, comunque, l’attaccante acquistato dall’Everton si fa perdonare. Navas non trattiene il tiro da fuori di Nemanja Matić, altro neo acquisto dei Red Devils, sul tap-in il bomber belga stavolta non sbaglia. Zidane richiama Isco e Bale, per inserire Marco Asensio e Lucas Vázquez.

A otto minuti dalla fine Rashford ha una grande occasione per il pareggio, dopo un’azione innescata dal recupero di Matteo Darmian: questa volta Navas si disimpegna bene e difende il vantaggio del Real Madrid. Che a sette minuti dalla fine getta nella mischia Ronaldo, che prende il posto di Benzema.

Nel recupero Asensio, servito alla grande da Vázquez, potrebbe fare tris ma De Gea salva la porta del Manchester United. Poco male per il Real Madrid, che si impone di misura e mette l’ennesimo trofeo in bacheca.