Bernardeschi punisce il Mönchengladbach

Viola più vicini agli ottavi di finale dopo il successo per 1-0 in casa del Borussia Mönchengladbach, decide Bernardeschi con un bel calcio di punizione nel momento migliore dei tedeschi.

Highlights: Watch brilliant Bernardeschi free-kick

Borussia Mönchengladbach e Fiorentina danno vita a una partita vibrante, i padroni di casa dettano il ritmo e vanno vicini al gol soprattutto nel primo tempo. Ma quando meno te lo aspetti, i Viola si impongono con la perfetta punizione di Federico Bernardeschi.

La Fiorentina soffre un avvio abbastanza deciso dei padroni di casa, che trovano troppo spazio sulle fasce. I Viola partono con una difesa a tre che non sempre viene aiutata dai due esterni Cristian Tello e Maximiliano Olivera. Al 14' Patrick Herrmann spara su Ciprian Tătăruşanu in uscita.

E sempre dalle fasce arrivano i problemi nel finale di frazione, e sono seri: al 40' Stindl spara alto da pochi passi dopo una bella combinazione, 60 secondi dopo è Fabian Johnson che colpisce il palo su assist dell’ottimo Thorgan Hazard.

Come detto, nel momento di maggiore sofferenza ci pensa Bernardeschi a conquistare una punizione e a spararla all’incrocio dei pali. È lui il punto di riferimento tecnico della Fiorentina, è lui l’uomo giusto per le giocate decisive, è lui che da solo si fa un bellissimo regalo per i suoi 23 anni. Si va così al riposo con la Fiorentina in vantaggio.

Il gol nel finale di primo tempo non cambia il copione del secondo: il Borussia fa la partita, la Fiorentina si abbassa e cerca, quando riesce, a uscire ragionando. Col passare dei minuti la Fiorentina cresce, paradossalmente abbassando il ritmo. Il possesso palla dei Viola è più prolungato, quello dei padroni di casa invece diminuisce, mentre cresce la loro fretta, notoriamente cattiva consigliera.

E così, tra un cambio e l’altro, la partita giunge al 90' senza troppi sussulti. La Fiorentina ha un po' di rammarico per un’occasione capitata a Borja Valero, che spara alto dopo un bel contropiede. Ma sarebbe stata una punizione davvero troppo severa per i padroni di casa.

"Vogliamo essere meglio dei nostri avversari o almeno segnare un gol in più di loro," aveva detto ieri Paulo Sousa in conferenza stampa. Almeno per la seconda parte è stato accontentato. E in ottica ritorno al Franchi è questa la cosa più importante.