Cosa significa la UEFA Europa League per José Mourinho

"Ho la mia medaglia, ma soprattutto ho i miei ricordi", ha detto il tecnico del Manchester United, José Mourinho, a UEFA.com, ricordando il successo del 2003 col Porto, in vista dell'ennesima finale della sua carriera.

L'esultanza di José Mourinho per la qualificazione dello United in finale di UEFA Europa League
L'esultanza di José Mourinho per la qualificazione dello United in finale di UEFA Europa League ©Getty Images

Sono passati 14 anni da quando José Mourinho ha vinto il suo primo titolo europeo in questa competizione col Porto lasciando presagire un futuro ricco di successi. Con l'obiettivo di aggiudicarsi nuovamente la competizione, questa volta da tecnico del Manchester United, Mourinho spera che vincere la UEFA Europa League sia ancora una volta il preludio di qualcosa di più grande.

C'è uno spazio nella tua bacheca per la UEFA Europa League?

È l'unica coppa che ho vinto della quale non posseggo una replica perché i miei ragazzi mi hanno detto che non potevano fare una replica di una coppa così difficile. Ho la replica della Champions League, della Premier League [coppa], della Liga... di tutte le cose che ho avuto la fortuna di vincere in carriera. All'epoca nel 2003 non era l'Europa League. La Coppa UEFA era troppo bella, troppo pesante e difficile da fare, e così non ho una replica. Ho però la mia medaglia, ma soprattutto ho i miei ricordi.

Il tuo Porto ha battuto 3-2 il Celtic vincendo la Coppa UEFA nel 2003. Che significato ha avuto quel trionfo?

Gli highlights della finale del 2003: il trionfo del Porto di Mourinho a Siviglia
Gli highlights della finale del 2003: il trionfo del Porto di Mourinho a Siviglia

Nessuno pensava potessimo vincere. Un squadra giovane, con nove portoghesi su 11, un nuovo allenatore senza esperienza internazionale. Ho deciso di rimanere al Porto un altro anno e ringrazio Dio per quella decisione! Penso sia stato l'inizio di tutto vincere una coppa europea e, un anno dopo, la Champions League. Poi l'anno dopo ho lasciato la mia nazione per iniziare la mia avventura. Continuo a dire che è stata la finale più emozionante della mia carriera perché le altre [2004 e 2010] sono state molto più sotto controllo anche dal punto di vista del risultato. Questa è stata invece 1-0, 1-1, 2-1, 2-2, supplementari, 3-2; è stata una serata davvero emozionante per noi.

Quindi potremmo rivedere un'altra corsa a perdifiato dalla panchina in caso di vittoria col Manchester United?

Perché no? Dipende dal momento e dall'occasione. Ho vinto la coppa più importante, la Champions League, per 3-0 [col Porto nel 2004], senza correre e saltare perché tutto dipende dalle sensazioni del momento. Quindi dipende... ma sarebbe una cosa incredibile per il club tornare a vincere una coppa europea e tornare a giocare una Supercoppa europea. Sarebbe fantastico per la società, e il club è più importante di tutti noi.

Leggi l'intervista completa nel programma ufficiale della finale di UEFA Europa League