Relazione tecnica EURO 2016 1: ripartenze fermate

In questo articolo della relazione tecnica di UEFA EURO 2016, il panel di esperti riflette sul numero di gol sempre decrescente concessi su azione di contropiede.

Graziano Pellè (Italy)
EURO 2016 highlights: Germany 2-0 Ukraine
Highlights: Germania-Ucraina

A UEFA EURO 2008, il 46% dei gol su azione sono arrivati su contropiede.

Da allora, la consapevolezza del rischio insito nelle transizioni rapide ha rimodellato le strategie di gara degli allenatori. A UEFA EURO 2012 l'efficacia delle ripartenze si è dimezzata al 23% e in Francia quest'anno il livello si è consolidato.

Per di più, le statistiche nascondono qualcosa e cioè che la gran parte dei contropiede che ha avuto successo è avvenuta nei minuti finali.

Gol in contropiede nel finale

- La corsa e il cross di Mesut Özil, che hanno consentito a Bastian Schweinsteiger di sigillare la vittoria della Germania per 2-0 contro l'Ucraina.

- Il cross dalla destra e la conclusione di Graziano Pellè che hanno consentito all'Italia di raggiungere nei minuti di recupero un identico risultato sia contro il Belgio che contro la Spagna.

- Il passaggio filtrante di Zoltán Stieber che ha concesso la vittoria per 2-0 dell'Ungheria contro l'Austria all'87', la galoppata sulla destra e il cross sul secondo palo al 90'+4 che ha assicurato all'Islanda la seconda posizione nel Gruppo Fe un posto nella storia.

- Il colpo vincente del Portogallo al 117' contro la Croazia

- Le due ripartenze in zona Cesarini che hanno chiuso la vittoria del Belgio contro l'Ungheria sul 4-0.

In altre parole, la maggior parte delle ripartenze che si sono concluse positivamente può essere inclusa nel contesto dei minuti finali delle partite, quando gli avversari si spingono in avanti alla ricerca del risultato. Solo in pochi casi hanno aperto i giochi: il primo gol della Turchia contro la Repubblica Ceca, o quello della Polonia contro la Svizzera e uno del Belgio che l'allenatore della Repubblica d'Irlanda Martin O'Neill ha commentato così: "È venuto dal nostro attacco. Era la nostra punizione, la palla è stata giocata verso l'area di rigore e loro ci hanno spiazzato e hanno segnato. Quel gol è stato davvero molto importante perché, non appena abbiamo iniziato a spingere per recuperare, ci hanno infilato ancora".

In generale, le strategie per gestire i rischi si sono concentrate sulla prevenzione delle ripartenze avversarie.

"Come ci si aspettava, il Portogallo ha giocato di contropiede. Ma noi li abbiamo controllati e non gli abbiamo lasciato occasioni almeno sino alla fine dei 120 minuti", ha detto l'allenatore della Croazia Ante Čačić.

"Eravamo pronti a riceverli" ha detto il suo omologo portoghese Fernando Santos, "e ci siamo preparati per contenere i loro punti di forza. Non gli abbiamo permesso di contrattaccare".

Dopo la partita del Gruppo C, l'allenatore della Polonia Adam Nawałka ha constatato: "Ci sono stati momenti in cui la Germania ha preso l'iniziativa, ma gliel'abbiamo lasciata coscientemente per assicurarci lo spazio per colpirli in contropiede".

"Non abbiamo permesso alla Polonia di giocare le sue carte, di colpirci sulle ripartenze", ha risposto Löw.

In Francia, la maggior parte dei contendenti hanno considerato il contropiede come un'arma importante, ma i colpi sono arrivati solo quando il contesto del gioco ha obbligato gli avversaria scoprirsi. 

L'articolo qui sopra è pubblicato nella relazione tecnica di UEFA EURO 2016: SCARICALA QUI