Tabellone provvisorio della UEFA Nations League

La UEFA Nations League inizia a settembre 2018 e prevede la suddivisione delle 55 federazioni affiliate alla UEFA in quattro leghe, ma come saranno formate? UEFA.com pubblica un ipotetico tabellone secondo la situazione attuale.

La Svezia ha sostituito la Bosnia-Erzegovina nella categoria più alta
La Svezia ha sostituito la Bosnia-Erzegovina nella categoria più alta ©Getty Images

La UEFA Nations League inizia a settembre 2018 e prevede la suddivisione delle 55 nazioni affiliate alla UEFA in quattro leghe, ma come saranno formate?

Composizione 

  • Le 55 squadre partecipanti verranno suddivise in quattro Divisioni (A–B–C–D) in base alla posizione nel ranking UEFA per nazionali alla fine delle qualificazioni europee per la Coppa del Mondo FIFA 2018 (11 ottobre 2017, i risultati spareggi non saranno inclusi).
  • La Divisione A comprenderà le prime 12 squadre. Le 12 squadre successive andranno a formare la Divisione B, le 15 successive la Divisione C e le ultime 16 la Divisione D.
  • Le Divisioni A e B saranno formate da quattro gironi da tre squadre.
  • La Divisione C comprenderà un girone da tre squadre e tre gironi da quattro.
  • La Divisione D sarà costituita da quattro gironi da quattro squadre.
  • Tutte le procedure di sorteggio sono da confermare.
  • Dopo l'inizio della prima edizione si applicherà un sistema di promozioni e retrocessioni tra le varie divisioni. Le classifiche della UEFA Nations League determineranno le teste di serie per le future gare di qualificazione europee.
  • DETTAGLI: TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI

Se si giocasse oggi, da chi sarebbero composte le divisioni?

L'ultimo ranking intermedio per nazionali (da non confondersi con il ranking FIFA separato) è stato pubblicato l'11 giugno 2017 dopo le recenti gare di qualificazione europee. Se le leghe fossero decise oggi in base a questa classifica, sarebbero le seguenti.

DIVISIONE A (squadre da suddividere in quattro gironi da tre)
Germania, Portogallo, Belgio, Spagna, Francia, Svizzera, Italia, Inghilterra, Polonia, Croazia, Islanda, Svezia

DIVISIONE B (squadre da suddividere in quattro gironi da tre)
Slovacchia, Russia, Olanda, Ucraina, Bosnia-Erzegovina, Austria, Repubblica d'Irlanda, Irlanda del Nord, Turchia, Galles, Repubblica Ceca, Slovenia

DIVISIONE C (squadre da suddividere in un girone da tre e tre gironi da quattro)
Ungheria, Danimarca, Grecia, Albania, Romania, Serbia, Montenegro, Israele, Scozia, Bulgaria, Norvegia, Cipro, Lituania, Azerbaigian, Bielorussia

DIVISIONE D (squadre da suddividere in quattro gironi da quattro)
Finlandia, Estonia, Armenia, Georgia, Isole Faroe, Lettonia, ERJ Macedonia, Moldavia, Kazakistan, Lussemburgo, Andorra, Liechtenstein, Malta, Kosovo, San Marino, Gibilterra

Le divisioni sono provvisorie e i tabelloni saranno confermati solo a ottobre, al termine della fase a gironi delle squadre europee. Pertanto, le nazioni hanno ancora la possibilità di muoversi tra le varie categorie.

Tuttavia, vista la situazione attuale...

  • Belgio Svizzera, Croazia, Polonia, Islanda e Svezia possono vincere il loro primo titolo partecipando alla Divisione A. La vincitrice sarà decretata a giugno 2019 con una fase finale a quattro squadre tra le prime classificate nei gironi.
  • L'Olanda (ex campione d'Europa) e il Galles (semifinalista a UEFA EURO 2016) sarebbero nella Divisione B.
  • Ungheria, Romania e Albania, che si sono qualificate all'ultima edizione del Campionato Europeo, si ritroverebbero in una Divisione C molto competitiva.
  • Una squadra della Divisione D avrebbe la garanzia di un posto a UEFA EURO 2020 attraverso gli spareggi a marzo. Tra queste, solo la Lettonia ha già raggiunto la fase finale di un torneo (UEFA EURO 2004).

Nota: Russia e Ucraina possono essere nella stessa Divisione ma non nello stesso girone. Lo stesso vale per Armenia e Azerbaigian se al momento del sorteggio dovessero vigere le attuali decisioni del Comitato Esecutivo UEFA.