Il sito ufficiale del calcio europeo

La Juve non sbaglia: Cardiff è realtà

Pubblicato: Martedì, 9 maggio 2017, 23.35CET
I Bianconeri piegano il Monaco con i gol di Mario Mandžukić e Dani Alves, staccando il biglietto per la seconda finale di UEFA Champions League negli ultimi tre anni. Del talento Kylian Mbappé il gol della bandiera monegasco.
di Fabio Balaudo, Juventus Stadium
La Juve non sbaglia: Cardiff è realtà
Mario Mandžukić (Juventus) ©AFP/Getty Images

Statistiche partite

JuventusMonaco

Gol segnati2
 
1
Possesso (%)47
 
53
Tiri totali15
 
11
in porta6
 
2
fuori4
 
5
Bloccati5
 
4
sui legni0
 
0
Calci d'angolo6
 
8
Fuorigioco2
 
3
Cartellini gialli2
 
2
Cartellini rossi0
 
0
Falli commessi11
 
21
Falli subiti20
 
11
Passaggi411
 
400
riusciti350
 
344

Classifiche

 
Pubblicato: Martedì, 9 maggio 2017, 23.35CET

La Juve non sbaglia: Cardiff è realtà

I Bianconeri piegano il Monaco con i gol di Mario Mandžukić e Dani Alves, staccando il biglietto per la seconda finale di UEFA Champions League negli ultimi tre anni. Del talento Kylian Mbappé il gol della bandiera monegasco.

La Juventus è la prima finalista di UEFA Champions League. I Bianconeri staccano il biglietto per Cardiff superando 2-1 il Monaco a Torino, dopo essersi già imposti 2-0 a Montecarlo nella semifinale di andata. A decidere la sfida le reti di Mario Mandžukić (33') e Dani Alves (44'); di Kylian Mbappé (69') il gol monegasco.

Allo Stadium la squadra di Massimiliano Allegri mette in scena il meglio del suo repertorio: forza fisica straripante, triangolazioni funamboliche e assoluta facilità di gioco in verticale. Ma si dimostra anche capace di soffrire, perché il Monaco - soprattutto nelle prime battute - prova a mettere all'angolo la Juve cercando di trovare subito il gol che riaprirebbe il discorso qualificazione.

Il ragazzino terribile Kylian Mbappé centra un palo da posizione defilatissima - ma a gioco fermo - poi è Radamel Falcao a provarci dal vertice destro dell'area con una potente conclusione che sibila alta non di molto oltre la traversa. La Juve non si scompone. Lascia sfogare i monegaschi e comincia gradualmente a salire di tono.

Quando il motore bianconero si è scaldato a sufficienza, i giri aumentano e le occasioni inziano a fioccare. Sugli sviluppi di un'incursione di Paulo Dybala Gonzalo Higuaín si ritrova a tu per tu con Danijel Subašić: il Pipita prova il pallonetto, ma Kamil Glik intercetta il pallone prima che si insacchi in rete.

L'argentino si tramuta poi in suggeritore, mettendo Mandžukić davanti a Subašić: la sfida tutta croata tra i due si risolve a favore de portiere, che respinge il pallone. Arriva anche il turno di Miralem Pjanić, il cui tiro a botta sicura trova Andrea Raggi pronto ad immolarsi.

Il gol è nell'aria e arriva poco dopo la mezz'ora. Dani Alves pennella un cross perfetto per Mandžukić, appostato sul secondo palo: Subašić respinge il colpo di testa del connazionale, che però si avventa sulla ribattuta e scaraventa sotto la traversa il pallone dell'1-0. La reazione monegasca partorisce un insidioso traversone di Bruno Mendy, che taglia tutta l'area bianconera: Falcao si avventa sul pallone come un falco a due passi da Gianluigi Buffon, ma trova sulla sua strada la sontuosa chiusura di Giorgio Chiellini.

E' troppo poco per impensierire la Juve, che allo scadere del primo tempo archivia la pratica con il gol del raddoppio: sugli sviluppi di un corner Subašić smanaccia il pallone proprio sui piedi di Daniel Alves, il cui destro al volo dal limite dell'area si tramuta in una parabola imprendibile. 2-0 all'intervallo e i Bianconeri tornano negli spogliatoi avanti di quattro reti sugli avversari nell'ottica del doppio confronto.

La ripresa è una passerella che la Juve percorre in direzione di Cardiff. Allegri - costretto in apertura di gara a sostituire l'infortunato Sami Khedira con Claudio Marchisio - fa rifiatare Dybala, inserendo Juan Cuadrado. Il Monaco, da parte sua, prova a salvare almeno l'orgoglio e al 69' trova la rete del 2-1 con un tocco sotto misura di Mbappé sugli sviluppi di un corner. Il talento francese si regala così la sesta rete in UEFA Champions League e pone fine all'imbattibilità dei Bianconeri, che durava da 690 minuti in Europa. 

Il terzo gol subito in 12 gare stagionali nella competizione resta l'unica brutta notizia della serata in casa Juve: Medhi Benatia subentra ad Andrea Barzagli e i Bianconeri non rischiano più nulla fino al triplice fischio finale, quando il coro "Ce ne andiamo a Cardiff" intonato dai tifosi sugli spalti certifica l'avverarsi del sogno: per la seconda volta negli ultimi tre anni, la Vecchia Signora è in finale di UEFA Champions League. 

Ultimo aggiornamento: 10/05/17 19.09CET

http://it.uefa.com/uefachampionsleague/season=2017/matches/round=2000786/match=2019640/postmatch/report/index.html#la+juve+sbaglia+cardiff+realta

Formazioni

juventus

Juventus

monaco

Monaco

1
BuffonGianluigi Buffon (PO) (C)
1
SubašićDanijel Subašić (PO)
3
ChielliniGiorgio Chiellini
5
JemersonJemerson
5
PjanićMiralem Pjanić
8
João MoutinhoJoão Moutinho
6
KhediraSami Khedira
Substitution10
9
FalcaoRadamel Falcao (C)
Yellow Card40
9
HiguaínGonzalo Higuaín
10
Bernardo SilvaBernardo Silva
Substitution69
12
Alex SandroAlex Sandro
14
BakayokoTiemoué Bakayoko
Substitution78
15
BarzagliAndrea Barzagli
Substitution85
19
SidibéDjibril Sidibé
17
MandžukićMario Mandžukić
Goal33
Yellow Card90+1
23
B. MendyBenjamin Mendy
Yellow Card51
Substitution54
19
BonucciLeonardo Bonucci
Yellow Card73
24
RaggiAndrea Raggi
21
DybalaPaulo Dybala
Substitution54
25
GlikKamil Glik
23
Dani AlvesDani Alves
Goal44
29
MbappéKylian Mbappé
Goal69

sostituti

25
NetoNeto (PO)
16
De SanctisMorgan De Sanctis (PO)
4
BenatiaMedhi Benatia
Substitution85
2
FabinhoFabinho
Substitution54
7
CuadradoJuan Cuadrado
Substitution54
6
JorgeJorge
8
MarchisioClaudio Marchisio
Substitution10
11
CarrilloGuido Carrillo
22
AsamoahKwadwo Asamoah
18
GermainValère Germain
Substitution78
26
LichtsteinerStephan Lichtsteiner
27
LemarThomas Lemar
Substitution69
28
RincónTomás Rincón
34
DialloAbdou Diallo

Allenatore

Massimiliano Allegri (ITA) Leonardo Jardim (POR)

Arbitro

Björn Kuipers (NED)

Assistenti

Sander van Roekel (NED), Erwin Zeinstra (NED)

Quarto arbitro

Mario Diks (NED)

Assistenti arbitrali aggiunti

Danny Makkelie (NED), Pol van Boekel (NED)

Legenda:

  • RetiReti
  • AutogolAutogol
  • RigoriRigori
  • Rigori sbagliatiRigori sbagliati
  • reds_cardCartellini rossi
  • yellow_cardsCartellini gialli
  • yellow_red_cardsDoppia ammonizione
  • SostituzioneSostituzione