Dieci stelle Champions senza Mondiale

Le qualificazioni alla Coppa del Mondo FIFA 2018 hanno emesso il loro verdetto in quasi tutto il pianeta e oggi UEFA.com ha deciso di puntare i riflettori su dieci esclusi eccellenti che sono abituali frequentatori della UEFA Champions League.

©Getty Images

Tempo di bilanci per quanto riguarda le qualificazioni alla Coppa del Mondo FIFA 2018, non solo in Europa, ma in tutto il pianeta. Sui 32 posti disponibili per la rassegna del prossimo anno in Russia, 23 sono già stati assegnati, mentre i rimanenti nove lo saranno nelle prossime settimane.

Accanto a chi festeggia il pass per il Mondiale, tuttavia, c'è anche chi si lecca le ferite per la mancata qualificazione: UEFA.com ha deciso di passare in rassegna dieci calciatori - veri e propri "aficionados" della UEFA Champions League - che con le rispettive nazionali hanno mancato l'accesso alla Coppa del Mondo. 

DIECI STELLE CHAMPIONS SENZA MONDIALE

1. DAVID ALABA (Austria e Bayern Monaco)

 Il funambolico esterno sinistro del Bayern non sarà tra i protagonisti in Russia: l'Austria, infatti, non è andata oltre il quarto posto nel Gruppo D delle Qualificazioni Europee e la prossima estate dovrà accontentarsi di fare da spettatrice a 20 anni esatti dall'ultima partecipazione al torneo (Francia 1998). 

2. PIERRE-EMERICK AUBAMEYANG (Gabon e Borussia Dormund)

• Niente Coppa del Mondo anche per la stella del Borussia Dortmund: il Gabon, di cui Aubameyang è capitano, è stato battuto 3-0 dal Marocco domenica, risultato che ha matematicamente escluso la nazionale africana dalla corsa alla qualificazione per la rassegna del 2018. 

3. GARETH BALE (Galles e Real Madrid)

• Autentica rivelazione a UEFA EURO 2016, dove è approdato in semifinale, il Galles non potrà bissare quel risultato: piazzatisi al terzo posto nel Gruppo D delle Qualificazioni Europee, Gareth Bale i Dragoni hanno mancato di un soffio l'accesso agli spareggi. L'attaccante del Real Madrid si consolerà disputando un 'altra Coppa del Mondo - quella per club - con il Real Madrid.

4. EDIN DŽEKO (Bosnia-Erzegovina e Roma)

• I gol del bomber della Roma non sono bastati per portare al Mondiale la Bosnia-Erzegovina, che ha chiuso le qualificazioni con un terzo posto nel Gruppo H. Occasione sfumata per il capocannoniere della Serie A 2016/17, che può comunque consolarsi con l'inserimento nei 30 candidati al Pallone d'Oro 2017

5. MAREK HAMŠÍK (Slovacchia e Napoli)

• Assenza beffarda quella di "Marekiaro": il capitano del Napoli si è piazzato alle spalle dell'Inghilterra nel Gruppo F, ma non è bastato per accedere agli spareggi come una tra le otto migliori seconde classificate

6. JAN OBLAK (Atlético Madrid e Slovenia)

• Inserita nello stesso girone della Slovacchia, anche la Slovenia di Jan Oblak ha fallito l'obiettivo-qualificazione: l'estremo difensore dell'Atlético Madrid non è riuscito nell'impresa, nonostante le sole sette reti subite .

7. MIRALEM PJANIĆ (Bosnia-Erzegovina e Juventus)

• L'architetto del centrocampo bianconero ha vissuto la sua seconda delusione del 2017 dopo la sconfitta in finale di UEFA Champions League a Cardiff, vedendo sfumare la qualificazione al Mondiale. L'obiettivo Russia è fallito, ma per l'Ucraina e Kiev il discorso è apertissimo.  

8. ARJEN ROBBEN (Olanda e Bayern Monaco)

• Nonostante la doppietta che ha regalato agli Orange il successo contro la Svezia nell'ultima sfida del Gruppo A, Robben e la sua Olanda si sono piazzati al terzo posto proprio alle spalle degli scandinavi per via della peggiore differenza reti. Accesso agli spareggi sfumato e addio alla nazionale per il 33enne attaccante esterno. 

9. ANTONIO VALENCIA (Ecuador e Manchester United)

• Il capitano del Manchester United e dell'Ecuador non è riuscito a staccare il pass mondiale, ma si è tolto la soddisfazione di mettere paura a Lionel Messi: la sua nazionale è andata in vantaggio contro l'Argentina nell'ultima sfida delle qualificazioni sudamericane, prima che una sontuosa tripletta della Pulce regalasse all'Albiceleste il lasciapassare per la Russia.

10. ARTURO VIDAL (CILE E BAYERN MONACO)

• Battuto 3-0 all'ultima giornata dal già qualificato Brasile, il Cile è stato scavalcato in classifica da Argentina e Colombia, perdendo il treno per il Mondiale. Una delusione cocente per Vidal, che ha deciso di dire addio alla nazionale: "La mia anima è distrutta", ha dichiarato a caldo l'ex centrocampista della Juventus.