1900490
Igor Linnyk
di
Igor Linnyk
da
Kiev

Shakhtar, questione d'onore

Ottenuta la qualificazione agli ottavi di finale di UEFA Champion League con un turno di anticipo, la formazione ucraina ci tiene a chiudere in bellezza la fase a gironi contro la Juventus.
 
 
Pubblicato: Giovedì, 29 novembre 2012, 11.33CET

Shakhtar, questione d'onore

Ottenuta la qualificazione agli ottavi di finale di UEFA Champion League con un turno di anticipo, la formazione ucraina ci tiene a chiudere in bellezza la fase a gironi contro la Juventus.

L'FC Shakhtar Donetsk è finito sulle pagine di tutti i giornali europei, nel bene e nel male, dopo avere conquistato la qualificazione agli ottavi di UEFA Champions League alla Giornata 5.

La squadra di Mircea Lucescu ha confermato il suo valore vincendo 5-2 in Danimarca contro l'FC Nordsjælland, sebbene la prima rete di Luiz Adriano, autore di una tripletta, sia costata al brasiliano una giornata di squalifica per condotta antisportiva, in quanto originata da una palla a due che, nelle intenzioni, doveva essere riconsegnata agli avversari. Al termine della gara, l'attaccante il tecnico e il presidente del club si sono scusati. Il brasiliano è stato inoltre multato dal club, preoccupato di preservare la propria buona immagine in Europa.

©AFP/Getty Images

Lo Shakhtar tiene alla propria reputazione internazionale

La vicenda potrebbe avere un risvolto positivo per lo Shakhtar, che si impegnerà al massimo contro la Juventus la prossima partita, per tornare a far parlare di sé esclusivamente per la propria qualità calcistica. Lo Shakhtar ha già raggiunto il primo obiettivo dell'anno superando la fase a gironi, ma finire in bellezza il 2012 è adesso una questione d'onore.

All'andata, lo Shakhtar ha pareggiato 1-1 a Torino una gara che avrebbe potuto tranquillamente vincere. Passata in vantaggio e raggiunta dopo appena due minuti, la squadra ucraina ha più volte sfiorato il secondo gol, in particolare con la traversa di Willian nel recupero del secondo tempo. Era stato un messaggio chiaro a Chelsea FC e Juventus: lo Shakhtar non si sarebbe accontentato di un posto in UEFA Europa League.

Subito dopo il sorteggio della fase a gironi, Lucescu aveva dichiarato di puntare al traguardo degli ottavi, nonostante il blasone degli avversari nel Gruppo E. Il tecnico rumeno è stato fedele alla sua parola. I campioni in carica del Chelsea sono stati fortunati a perdere soltanto 2-1 alla Donbass Arena alla Giornata 3, e doppiamente fortunati a battere i Minatori 3-2 in casa due settimane più tardi con un gol in extremis, in una serata storta del portiere Andriy Pyatov.

Il primo gol di Luiz Adriano a Copenhagen può avere oscurato la qualificazione dello Shakhtar, ma nessuno può discutere i meriti del club. Tanto più che la scorsa stagione lo Shakhtar aveva chiuso all'ultimo posto nel girone alle spalle di FC Zenit St Petersburg, FC Porto e APOEL FC.

In qualunque modo la si guardi, lo Shakhtar sta disputando un'ottima stagione: 21 vittorie in 24 partite (70 gol fatti, 18 incassati); 11 punti di vantaggio in testa al campionato ucraino e ottime possibilità di vincere l'ottavo titolo dal 2002.

Il campionato ucraino però non costituisce più l'obiettivo dello Shakhtar. In passato, già raggiungere la fase a gironi era un grande risultato, ma dalla conquista della Coppa UEFA nel 2008/09, gli orizzonti sono cresciuti. L'unico modo per superarsi è vincere la UEFA Champions League, e a giudicare da come si è comportato contro due grandi d'Europa nella fase a gironi, non sembra più un sogno impossibile.


http://it.uefa.com/uefachampionsleague/news/blogs/blog=ucl_blog_around/postid=1900490.html#shakhtar+questione+donore

Ultimo aggiornamento: 29/11/12 14.15CET
  • © 1998-2014 UEFA. Tutti i diritti riservati.
  • Le parole CHAMPIONS LEAGUE e UEFA CHAMPIONS LEAGUE, il logo e il trofeo della UEFA Champions League e i loghi della Finale di UEFA Champions League sono marchi registrati e/o copyright della UEFA. Tali marchi non possono essere utilizzati in nessun modo per scopi commerciali. L'utilizzo di UEFA.com sta a significare l'accettazione dei Termini e Condizioni e delle Norme sulla Privacy.