Il sito ufficiale del calcio europeo

Nuova era per il calcio

Pubblicato: Martedì, 22 gennaio 2008, 19.35CET
La UEFA e la neo costituita Associazione dei Club Europei hanno sottoscritto un Memorandum d’Intesa che apre una nuova era per il calcio. Il resoconto di Mark Chaplin.
Pubblicato: Martedì, 22 gennaio 2008, 19.35CET

Nuova era per il calcio

La UEFA e la neo costituita Associazione dei Club Europei hanno sottoscritto un Memorandum d’Intesa che apre una nuova era per il calcio. Il resoconto di Mark Chaplin.

La costituzione dell’Associazione dei Club Europei (ECA) e la firma di un Memorandum d’Intesa fra il nuovo organismo, che rappresenta gli interessi dei club a livello europeo, e la UEFA, l’organo di governo del calcio europeo, segnano l’inizio di una nuova era.

Armonia ritrovata
In seguito all’annuncio congiunto FIFA/UEFA di martedì 15 gennaio, la creazione della ECA spiana la strada verso una ritrovata armonia nel calcio fra gli organi di governo e i club. La firma di oggi del Memorandum d’Intesa ha una duplice valenza: la UEFA riconosce l'ECA come organo esclusivo rappresentante gli interessi dei club a livello europeo; e la ECA riconosce la UEFA come organo di governo del calcio a livello europeo, e la FIFA come organo di governo del calcio a livello mondiale.

Dialogo fondamentale
Prendendo la parola oggi in occasione dell’apertura della riunione presso il quartier generale della UEFA, la Casa del Calcio Europeo, a Nyon, il presidente della UEFA Michel Platini ha dichiarato: "Dopo essere stato eletto e messo a confronto con i problemi del calcio, ho detto che la soluzione risiedeva nel calcio, nel dialogo e nello scambio di idee. Adesso conto su di voi, il calcio conta su di voi, la UEFA conta su di voi, e la gioventù di oggi conta su di voi”.

I ringraziamenti di Platini
Il Presidente della UEFA ha voluto ringraziare le persone che hanno lavorato al cuore di questo accordo storico con i club: "Vorrei anche ricordare ed esprimere il mio sincero apprezzamento al Presidente della FIFA Joseph Blatter, al Segretario Generale della FIFA Jérôme Valcke, oltre che a Karl-Heinz Rummenigge, Adriano Galliani, Umberto Gandini, Joan Laporta, Peter Kenyon e Ramón Calderón”.

Tutti vincitori
Karl-Heinz Rummenigge, presidente dell’Associazione dei Club Europei, ha detto: "Solitamente ogni accordo lascia dei vincitori e degli sconfitti, ma questa volta siamo tutti vincitori. Devo ringraziare il Presidente della UEFA Michel Platini per la velocità con la quale sono state intraprese queste iniziative, senza di lui alcune di queste soluzioni non sarebbero state possibili”.

Rappresentate tutte le federazioni
L'ECA, organismo autonomo e indipendente che rappresenta i club europei, nasce dalle 53 associazioni confederate alla UEFA. In linea di principio dovrebbe essere composta da 103 club, e il numero preciso di club per ciascuna federazione dovrebbe essere deciso ogni due anni al termine della stagione UEFA - sulla base del ranking UEFA delle rispettive federazioni e dei seguenti principi. Le tre federazioni con il ranking più alto avranno cinque club; le successive tre quattro club; le federazioni dal settimo al quindicesimo posto nel ranking avranno tre club; le federazioni dal sedicesimo al ventiseiesimo posto nel ranking avranno due club; le rimanenti avranno un club.

Comitato transitorio
Ci si è accordati anche sul fatto che un Comitato transitorio ECA rappresenterà l'ECA e i suoi 16 membri fondatori fino all'assemblea generale di fine stagione, quando si terranno le elezioni per un nuovo Comitato Esecutivo. Il Comitato ECA sarà composto da undici membri, più i quattro rappresentanti scelti dal Comitato per il Consiglio Strategico UEFA del Calcio Professionistico. L'ECA fornirà anche metà dei membri del Comitato UEFA Competizioni per Club.

Il Comitato transitorio ECA sarà composto da: Karl-Heinz Rummenigge (presidente; FC Bayern München), Joan Laporta (vice-presidente; FC Barcelona), Umberto Gandini (AC Milan), Peter Kenyon (Chelsea FC), Marteen Fontein (AFC Ajax) e Jean-Michel Aulas (Olympique Lyonnais). I 16 club fondatori sono: Real Madrid CF, FC Barcelona, AC Milan, Juventus, Olympique Lyonnais, Rangers FC, Manchester United FC, Chelsea FC, FC Bayern München, AFC Ajax, FC Porto, Olympiacos CFP, RSC Anderlecht, Birkirkara FC, NK Dinamo Zagreb e FC København.

EURO risarcimenti
Come parte del Memorandum d’Intesa ci si è anche accordati sulla distribuzione ogni quattro anni di una cifra derivata dai Campionati Europei UEFA alle federazioni nazionali da girare ai club che hanno contribuito allo svolgimento dei Campionati Europei stessi. La cifra obiettivo per UEFA EURO 2008™ è di 43,5 milioni di euro e per UEFA EURO 2012™ di 55 milioni di euro (sempre che i risultati finanziari siano sostanzialmente simili a quelli di UEFA EURO 2008™). I pagamenti dovranno essere effettuati su base "giocatori per giorno". La cifra da distribuire a UEFA EURO 2008™ di 43,5 milioni di euro è divisa per il numero totale di giorni ottenendo una somma "giocatori per giorno" di circa 4.000 euro. Per UEFA EURO 2012™ dovrebbe essere di 5.000 euro. Insieme ai benefit finanziari diretti per EURO per i club, il Memorandum d’Intesa assicura anche che la UEFA organizzerà le gare di qualificazione per i Campionati Europei, quando possibile, su gruppi di massimo sei squadre.

Contenuti attinenti
Ultimo aggiornamento: 16/08/11 12.22CET

http://it.uefa.com/news/newsid=648743.html#nuova+calcio

Approfondimenti UEFA.com

La finale di Europa League punta i riflettori sul daltonismo
  • La finale di Europa League punta i riflettori sul daltonismo
  • Chivu, da stella a osservatore tecnico UEFA
  • Studio sui colpi di testa nel calcio giovanile
  • Focus sulla responsabilità sociale
  • Skomina pronto per l'appuntamento finale
  • Stanković vede grandi miglioramenti
  • Campi perfetti: è uscito UEFA Direct n. 167
  • Italia, i convocati per l'amichevole con San Marino
  • Ancora tu? I Ct europei più richiamati in panchina
  • Chi ha vinto titoli in più campionati d'Europa?
1 di 10