Il sito ufficiale del calcio europeo

Tutti a caccia!

Pubblicato: Venerdì, 1 febbraio 2013, 15.37CET
Il mercato invernale ha dato nuova linfa a Milan, Napoli e Inter: se i partenopei puntano all'aggancio alla Juve, i Nerazzurri hanno virato sulla linea verde, mentre il guanto di sfida rossonero si chiama Supermario.
di Fabio Balaudo
da Torino
Tutti a caccia!
Mario Balotelli (Manchester City FC) ©Getty Images
Pubblicato: Venerdì, 1 febbraio 2013, 15.37CET

Tutti a caccia!

Il mercato invernale ha dato nuova linfa a Milan, Napoli e Inter: se i partenopei puntano all'aggancio alla Juve, i Nerazzurri hanno virato sulla linea verde, mentre il guanto di sfida rossonero si chiama Supermario.

L'adrenalina da mercato è ancora in circolo nelle vene di ogni calciofilo che si rispetti dopo la recente chiusura della sessione invernale, ma anche se la eco degli ultimi colpi a sensazione non si è ancora spenta, è già tempo, per la Serie A, di tornare a parlare sul campo.

Numerose, tra le inseguitrici della Juventus capolista, si sono rifatte il trucco in gennaio, con l'obiettivo di colmare i gap nei confronti dei Bianconeri. La Vecchia Signora ha arrancato, e non poco, nelle prime settimane del nuovo anno: un appannamento forse fisiologico per chi fino a dicembre aveva girato a mille, ma alle spalle della prima della classe si sgomita e la voglia di accorciare la classifica di certo non manca.

Chi certi pensieri non li nasconde è l'SSC Napoli. Impegnati sabato contro un'avversaria non semplice come il Calcio Catania, i partenopei si sono portati a -3 dalla vetta lo scorso finesettimana e in caso di vittoria aggancerebbero momentaneamente la Juve, di scena domenica sul campo dell'AC Chievo Verona. Inutile dire che un successo contro i siciliani rappresenterebbe oro puro per il Napoli e metterebbe una pressione tremenda ai Bianconeri. Un particolare che però Walter Mazzarri preferisce ignorare.

"Giocare prima o dopo cambia poco - ha spiegato il tecnico degli Azzurri -. Noi stiamo crescendo, ma affronteremo una delle squadre più in forma del campionato e non è sulla Juve che dobbiamo concentrarci, ma sul Catania. Dietro di noi Inter e Milan hanno ancora la possibilità di rientrare in corsa, quindi dobbiamo pensare solo ad andare più forte possibile".

E se gli arrivi di Rolando e Pablo Armero contribuiranno a far mantenere al Napoli la velocità di crociera, chi viaggia a vele spiegate è proprio l'AC Milan. Dopo una partenza falsissima, i Rossoneri hanno riguadagnato convinzione nei propri mezzi cammin facendo, trascinati dal talento di Stephan El Shaarawy, e ora si ritrovano quinti con vista sulla zona UEFA Champions League. E, soprattutto, con un Mario Balotelli in più a disposizione.

L'acquisto di Supermario è stato il colpo a sensazione del mercato di gennaio e ha raddoppiato l'entusiasmo in casa del Diavolo in vista di una rincorsa che ora non appare più impossibile. La sfida di domenica contro l'Udinese Calcio sarà il test ideale in questo senso e l'ottimismo non manca, come ha sottolineato lo stesso Balotelli.

"Sono qui per vincere da protagonista - ha dichiarato l'attaccante 22enne, che non potrà disputare la UEFA Champions League perché già utilizzato dal Manchester City FC nella fase a gironi e che quindi potrebbe esordire in campionato già contro i friulani -. Per me la maglia del Milan è un onore, non certo un peso e farò di tutto per rimanere qui a lungo. Ho ricevuto un'accoglienza fantastica, che mi ha emozionato e ora non vedo l'ora di giocare. Voglio che sia il campo a parlare per me".

Se il Milan corre, l'FC Internazionale Milano invece zoppicca. Fedele alla sua nomea di squadra pazza, la compagine nerazzurra è apparsa abulica negli ultimi due mesi dopo un periodo di grande brillantezza. I cugini rossoneri - distanti anni luce solo qualche settimana fa - sono ormai dietro solo di tre punti, ma c'è chi fa notare che sono solo tre anche i punti che separano l'Inter dall'S.S. Lazio e dal terzo posto: puntare in alto è ancora possibile e le mosse sul mercato dei Nerazzurri sono lì a testimoniarlo.

Gli arrivi di Ezequiel Schelotto e, soprattutto, di Mateo Kovačić - astro nascente del calcio croato - possono essere considerati una dichiarazione d'intenti in casa Inter: linea verde per il presente e per il futuro. "Puntiamo al primo posto", ha sentenziato senza mezzi termini il presidente Massimo Moratti commentando gli innesti, a cui si aggiunge quello di Zdravko Kuzmanović. Se le ambizioni andranno di pari passo con il rendimento, tuttavia, sarà il campo a stabilirlo. Domenica l'Inter farà visita ll'AC Siena e ripartire sarà d'obbligo dopo due turni senza successi. Altrimenti la linea verde si tramuterà, irrimediabilmente, in linea di galleggiamento.

Ultimo aggiornamento: 01/02/13 20.13CET

Informazioni collegate

Federazioni nazionali
Profili squadre

http://it.uefa.com/news/newsid=1915698.html#tutti+caccia

Approfondimenti UEFA.com

Stelle italiane nel cielo spagnolo
  • Stelle italiane nel cielo spagnolo
  • Dieci talenti pronti a fiorire
  • Le imprese dei portieri bulgari
  • Favola Eibar, orgoglio Garitano
  • Rad: debutto a cinque stelle per Jelić
  • Anteprima Bundesliga: il Bayern è battibile?
  • Chi è lo Shakhtyor Soligorsk?
  • Top five Steaua, scelta da voi
  • L'ascesa di Rúben Neves
  • Le grandi notti europee del Kazakistan
1 di 10
  • © 1998-2014 UEFA. Tutti i diritti riservati.
  • La parola UEFA, il logo UEFA e tutti i marchi che si riferiscono a competizioni UEFA, sono marchi registrati e/o copyright della UEFA. Tali marchi non possono essere utilizzati in nessun modo per scopi commerciali. L'utilizzo di UEFA.com sta a significare l'accettazione dei Termini e Condizioni e delle Norme sulla Privacy.