Il sito ufficiale del calcio europeo

Pietre miliari, gol inediti e rigori maledetti

Pubblicato: Venerdì, 1 febbraio 2013, 9.00CET
Nella rubrica di settimana figurano l'ennesima tripletta di Cristiano Ronaldo, il raggiungimento di traguardi storici per David Moyes e Olivier Deschacht, nonché la maledizione dal dischetto dell'Anderlecht.
Pietre miliari, gol inediti e rigori maledetti
Guillaume Gillet dell'RSC Anderlecht ©Getty Images

Approfondimenti UEFA.com

La storia di Xavi in UCL
  • La storia di Xavi in UCL
  • Vittorie esterne: quale tendenza?
  • A lezione d'attacco con Ibrahimović
  • La Bulgaria freme per l'arrivo del Real Madrid
  • Durmaz torna a Malmö
  • Rigori: drammi, emozioni e storie epiche
  • Alla scoperta dell'Olimpik Donetsk?
  • Chi è il Paderborn?
  • Il meglio della prima giornata
  • Cosa serve per passare il turno?
1 di 10
Pubblicato: Venerdì, 1 febbraio 2013, 9.00CET

Pietre miliari, gol inediti e rigori maledetti

Nella rubrica di settimana figurano l'ennesima tripletta di Cristiano Ronaldo, il raggiungimento di traguardi storici per David Moyes e Olivier Deschacht, nonché la maledizione dal dischetto dell'Anderlecht.

Squadra: arbitri UEFA
Si è svolto a Roma questa settimana il corso arbitrale UEFA, la cui novità è stata la presenza dei migliori fischietti donna al fianco degli arbitri uomini. Questi ultimi hanno affinato la preparazione in vista degli impegni di UEFA Champions League e UEFA Europa League. Le donne si sono preparate invece per la UEFA Women's Champions League e, alcune di loro, per UEFA Women's EURO 2013.

L'iniziativa dell'organo europeo è stata salutata da consensi unanimi. "La presenza di donne arbitro è una pietra miliare per la UEFA – ha dichiarato il designatore europeo Pierluigi Collina -. E' un'ottima iniziativa in quanto il calcio femminile, e quindi i suoi arbitri, sta acquisendo un'importanza sempre maggiore”.

Calciatore: Cristiano Ronaldo (Real Madrid CF)
Autore di 46 gol nella scorsa Liga, l'attaccante portoghese ha lanciato un monito ai difensori spagnoli firmando una tripletta nello spazio di dieci minuti nel 4-0 del Real Madrid ai danni del Getafe CF domenica scorsa.

"Voglio battere il mio record di reti della scorsa stagione e migliorarmi sempre come calciatore”, ha dichiarato il numero 7 delle Merengues. Il primo gol di Ronaldo contro il Getafe è conciso con il suo 300esimo a livello di club. Con questi tre gol Ronaldo ha raggiunto quota 100 reti con il Real Madrid in appena 87 partite.

Gol: Ricardo Fernandes (Doxa Katokopia FC)

L'ex centrocampista di FC Porto e Sporting Clube de Portugal, 34 anni, ha avanzato la propria candidatura per il gol più bello della stagione con un'intuizione straordinaria nel 2-2 contro l'Alki Larnaca FC nel campionato cipriota (1'12'' di questa clip ufficiale della federazione cipriota(KOP/CFA)). Su un cross da sinistra di Jorge Troiteiro, Fernandes si coordina per un tiro dello scorpione che beffa Antonis Giorgallides. "E' stato un gol incredibile. Non mi stanco mai di rivederlo. Serve un po' di fortuna per segnare un gol del genere”.

Numero: 500
David Moyes ha raggiunto lo scorso fine settimana quota 500 presenze sulla panchina dell'Everton FC nel quarto turno della Coppa d'Inghilterra contro il Bolton Wanderers FC. Un gol nel finale di John Heitinga, il primo dall'ultima giornata della scorsa stagione, ha permesso al tecnico di festeggiare al meglio il tragaurdo storico. Moyes ha guidato l'Everton almeno al settimo posto in sette delle sue dieci stagioni complete al timone.

"Leggevo prima della partita che negli ultimi dieci anni siamo finiti nella colonna di destra della Premier League soltanto due volte. Significa che il club è cresciuto e migliorato”, ha dichiarato il tecnico di Glasgow.

Frase

"Sono molto orgoglioso del traguardo delle 300 presenze. In un'epoca di flussi di denaro e trasferimenti, non capita spesso che un calciatore giochi 300 partite con lo stesso club. Io sono una persona fedele. Farà piacere sentirlo anche a mia moglie”.
Olivier Deschacht, 31enne difensore dell'RSC Anderlecht, rivela di essere un marito oltre che un calciatore fedele dopo avere raggiunto le 300 presenze in campionato con il club.

Dischetto maledetto: RSC Anderlecht

Mercoledì, l'Anderlecht ha battuto 1-0 il KRC Genk nella semifinale d'andata della Coppa di Belgio con un gol di Milan Jovanović. Al termine della gara si è parlato soprattutto di Guillaume Gillet, che si è fatto parare un rigore calciato debolmente da László Köteles nel recupero del primo tempo. Per il centrocampista si è trattato del terzo errore stagionale dal dischetto. La capolista ha trasformato soltanto sei dei 15 rigori concessi.

"Non mi era mai capitata una cosa del genere in carriera, e spero che non mi accada mai più – ha dichiarato il tecnico olandese dell'Anderlecht, John van den Brom -. Ogni volta che ci viene assegnato un rigore a favore, tutti nello stadio pensano: 'Oh no'. E lo stesso penso io".

Miracolo invernale: Arik Benado (Maccabi Haifa FC)

Scelto a novembre per sostituire Reuven Atar con il club al 13esimo posto nel torneo israeliano, il tecnico Benado è stato protagonista di una clamorosa risalita con il Maccabi Haifa. Nove vittorie e due pareggi è il bilancio ottenuto dal tecnico 39enne in undici partite. Il Maccabi Haifa è risalito al secondo posto, a cinque punti dalla capolista Maccabi Tel-Aviv FC.

"Il mio primo obiettivo era stabilizzare la situazione – ha dichiarato l'ex difensore centrale Benado, detentore del record di presenze nel massimo campionato israeliano (568) e in nazionale (94) -. Dovevo prima di tutto infondere fiducia alla squadra. Forse neanch'io avrei pensato a un cambiamento così radicale, ma ci speravo”.

Il difensore Dekel Keinan, al rientro nel club dopo due anni trascorsi in Gran Bretagna, ha aggiunto: "Se vogliamo vincere il titolo dobbiamo lavorare molto e parlare poco. Non ci spaventa la parola 'scudetto' ma non è pronunciandola che l'obiettivo si avvicina”.

Svincolato: Antonis Petropoulos (AEK Athens FC)

Dopo la frenesia dell'ultimo giorno di mercato, vale la pena ricordarsi – forse – che nella vita le cose migliori sono gratuite. Incapace per cinque anni di ritagliarsi un posto di titolare al Panathinaikos FC, l'attaccante Petropoulos si è svincolato e trasferito subito all'AEK Athens FC, gigante decaduto, ultimo con tre vittorie al termine del girone d'andata. Tuttavia, dopo avere esordito a gennaio nella sconfitta per 3-1 contro l'Asteras Tripolis FC, ha segnato nelle tre partite successive dell'AEK che hanno fruttato sette punti, facendo risalire il club – mai retrocesso – al 12esimo posto.

"Non voglio neanche pronunciare la parola 'retrocessione'. Non voglio neanche immaginare un campionato senza AEK – ha dichiarato Petropoulos, che ha compiuto 27 anni lunedì -. E' un piacere andare in campo per una squadra che crede in te. Non ho niente da dimostrare. So chi sono e faccio sempre il massimo”.

Ultimo aggiornamento: 01/02/13 12.56CET

Informazioni collegate

Profili giocatori
Profili squadre

http://it.uefa.com/memberassociations/news/newsid=1915496.html#pietre+miliari+inediti+rigori+maledetti

  • © 1998-2014 UEFA. Tutti i diritti riservati.
  • La parola UEFA, il logo UEFA e tutti i marchi che si riferiscono a competizioni UEFA, sono marchi registrati e/o copyright della UEFA. Tali marchi non possono essere utilizzati in nessun modo per scopi commerciali. L'utilizzo di UEFA.com sta a significare l'accettazione dei Termini e Condizioni e delle Norme sulla Privacy.