Il sito ufficiale del calcio europeo

Ibrahimović splende e incanta l'Europa

Pubblicato: Giovedì, 15 novembre 2012, 16.10CET
Soltanto una settimana fa Taison ha segnato uno dei gol più belli della storia del calcio, ma Zlatan Ibrahimović potrebbe averne fatto uno ancora più bello. UEFA.com prova a rivivere sette giorni di prodezze nel calcio europeo.
Ibrahimović splende e incanta l'Europa
Zlatan Ibrahimović festeggia il suo quarto gol con l'Inghilterra ©Getty Images

Approfondimenti UEFA.com

La storia finora: Paris Saint-Germain
  • La storia finora: Paris Saint-Germain
  • La storia finora: Real Madrid CF
  • Gabbiadini ispira la Sampdoria
  • UEFA Europa League, stelle e rabone
  • Alta tensione: il meglio della Giornata 6
  • La lezione: Ivan Rakitić e le punizioni
  • I grandi bomber dei campionati d'Europa
  • Il meglio della quinta giornata
  • Orgoglio Guingamp
  • Protagonisti sulle due sponde del Naviglio
1 di 10
Pubblicato: Giovedì, 15 novembre 2012, 16.10CET

Ibrahimović splende e incanta l'Europa

Soltanto una settimana fa Taison ha segnato uno dei gol più belli della storia del calcio, ma Zlatan Ibrahimović potrebbe averne fatto uno ancora più bello. UEFA.com prova a rivivere sette giorni di prodezze nel calcio europeo.

Giocatore: Zlatan Ibrahimović (Svezia)
"Magia, magia" è il commento dell'attaccante del Paris Saint-Germain FC a proposito del suo gol nell'indimenticabile 4-2 sull'Inghilterra che ha inaugurato la Friends Arena di Solna, nuovo stadio della nazionale svedese. Dopo aver ricevuto il premio di miglior giocatore del suo paese questa settimana, Zlatan ha ribadito la sua classe con un gol in sforbiciata da 30 metri che ha fatto il giro del mondo. Steven Gerrard, alla 100esima presenza con l'Inghilterra, ha commentato: "È stato uno dei gol più belli che abbia mai visto dal vivo", mentre Martin Olsson ha aggiunto a UEFA.com: "Nessun altro ci avrebbe mai provato. Non da lì, perché è impossibile".

Un altro gol: Rauf Aliyev (Azerbaigian)
Poiché le severe regole di UEFA.com proibiscono di assegnare il titolo di miglior giocatore e miglior gol alla stessa persona, il premio di questa settimana va a Rauf Aliyev, il cui tiro a rientrare dalla distanza ha aperto le marcature contro l'Irlanda del Nord, che poi ha pareggiato 1-1 con una punizione di David Healy. "Magari qualcuno pensa che ho avuto fortuna, ma ho proprio voluto tirare così - ha commentato l'attaccante dell'FK Qarabağ dopo la gara del Gruppo F di qualificazione alla Coppa del Mondo FIFA 2014 -. Ho visto il portiere allontanarsi dal palo e ho deciso di tirare. Questo gol è molto importante per me, perché non segnavo da molto, sia a livello di club che in nazionale. Spero che ne arrivino altri".

E ancora un altro: Ayanda Patosi (KSC Lokeren OV)
In un qualsiasi altro momento, questa prodezza alla Taison sarebbe stata il gol della settimana, ma dato il livello della concorrenza facciamo un'eccezione e concediamo la medaglia di bronzo al sudafricano del KSC Lokeren OV Ayanda Patosi, autore di una rete spettacolare nel 2-1 del 9 novembre sull'R. Standard de Liège. "Ho visto il gol su YouTube ed è stato incredibile - commenta il giocatore, 20 anni -. Ma i miei gol non sono importanti, conta la prestazione di tutta la squadra".

Squadra: Molde FK
L'1-0 di domenica scorsa sul campo dell'Hønefoss BK, abbinato alla sconfitta dello Strømsgodset IF, ha regalato al Molde FK il secondo titolo consecutivo in Norvegia e ha confermato che Ole Gunnar Solskjær è uno degli allenatori più promettenti in Europa. E' stato il gol di Daniel Chima al 59esimo minuto a dare inizio ai festeggiamenti. "Molti dicevano che non avremmo vinto di nuovo, ma si sbagliavano di grosso", commenta il tecnico 39enne, ex Manchester United FC. Il tecnico, che aveva iniziato la carriera da giocatore nel Molde, guarda al futuro. "Vogliamo rinforzare la squadra, perché si cerca sempre di cambiare in meglio".

La frase
"Un gol fantastico! A dire il vero, penso che sia stato ancora più bello del mio, perché lui ha colpito d'esterno, mentre io di collo interno. In ogni caso restano due gol bellissimi".

Marco van Basten ammette che il gol di Taison nella gara del Gruppo K di UEFA Europa League tra FC Metalist Kharkiv e Rosenborg BK potrebbe essere superiore a quello che ha realizzato nella finale del Campionato Europeo UEFA 1988 contro l'Unione Sovietica. 

Numero: 300
Aleksandr Sulima dell'FC Dinamo Minsk è diventato il primo portiere ad aver giocato 300 partite nel campionato bielorusso. La cifra è doppiamente significativa perché i gol che ha subito sono altrettanti. Per il 33enne, però, il numero più importante è il 113 che corrispondono al numero di partite senza reti subite in campionato dal suo esordio nel 1997 : "Se mi sento vecchio? No! - ha commentato -. Sono ancora giovane e voglio vincere. Mi fa piacere aver giocato 300 partite, ma preferisco pensare alle 113 partite che ho concluso senza subire gol: quello sì che è un buon risultato".

Gli invincibili: Spagna e Montenegro
Con il 5-1 contro Panama, la Spagna ha chiuso il 2012 imbattuta in 16 partite. L'altra nazionale europea che finirà l'anno senza sconfitte è il Montenegro, che con il 3-0 contro San Marino ha totalizzato cinque vittorie e due pareggi. Grazie a questo risultato, la squadra inizierà il 2013 con due punti di vantaggio sull'Inghilterra in vetta al Gruppo H di qualificazione mondiale. "Ovviamente è un piacere condividere le statistiche con gli spagnoli, ma nessuno può essere paragonato a loro", ha commentato il Ct Branko Brnović, che ha trascorso sei anni da giocatore in Liga spagnola con la maglia dell'RCD Espanyol.

Una dose di realtà: Viktor Fischer (Danimarca)
L'attaccante dell'AFC Ajax, 18 anni, ha compiuto passi da gigante in soli sette giorni. Nel fine settimana, ha festeggiato la sua prima gara in Eredivisie con due gol e un assist nel 4-2 sul PEC Zwolle, mentre mercoledì si è ritrovato a esordire nella nazionale danese, fermata 1-1 dalla Turchia a Istanbul. Ma Fischer si è subito scontrato con la dura realtà perché, dopo il suo ingresso nel secondo tempo, ha provato una conclusione dall'area colpendo però la bandierina del calcio d'angolo. "Non è bello prendere la bandierina da 17 metri, anche perché a fianco avevo un compagno e potevo passargliela", ha commentato il giocatore con la coda tra le gambe.

Cammeo: Javier Hernández (Manchester United FC) & Edin Džeko (Manchester City FC)
Non per la prima volta in questa stagione, Manchester United FC e Manchester City FC hanno conquistato i tre punti in rimonta nel fine settimana, con Javier Hernández e Edin Džeko di nuovo decisivi nelle vittorie delle loro squadre rispettivamente contro Aston Villa FC (3-2) e Tottenham Hotspur FC (2-1). La doppietta di Hernández è arrivata a due settimane di distanza dal gol-partita realizzato dal messicano nel 3-2 contro il Chelsea FC, sempre partendo dalla panchina. "Non ci arrendiamo mai”, ha dichiarato il messicano dopo la vittoria a Villa Park. Cinque dei sei gol di Džeko in campionato sono stati realizzati subentrando dalla panchina. Tra questi, i gol-partita contro West Bromwich Albion FC, Fulham FC e adesso Tottenham. "E' solo una coincidenza. Non sono mai stato un giocatore decisivo solo quando parto dalla panchina”.

Super lavoro: Juanjo (Spagna)
Dopo avere prenotato la semifinale della Spagna contro l'Italia al Mondiale Futsal FIFA grazie a una serie di ottimi interventi nel 3-2 alla Russia in Tailandia, il portiere Juanjo ha spiegato la pressione che comporta il ruolo di estremo difensore nel suo sport. "Non sono mai stato più stanco in vita mia – ha dichiarato il giocatore dell'Interviú Madrid dopo avere fermato la squadra contro cui la Spagna aveva conquistato UEFA Futsal EURO a febbraio -. Li vedevo arrivare da tutte le parti e speravo che non segnassero. Oggi è toccato a me fare gli straordinari tra i pali. Di solito vedo i compagni segnare molti gol”.

Ultimo aggiornamento: 16/11/12 14.44CET

Informazioni collegate

Profili squadre

http://it.uefa.com/memberassociations/news/newsid=1893222.html#ibrahimovic+splende+incanta+leuropa

  • © 1998-2014 UEFA. Tutti i diritti riservati.
  • La parola UEFA, il logo UEFA e tutti i marchi che si riferiscono a competizioni UEFA, sono marchi registrati e/o copyright della UEFA. Tali marchi non possono essere utilizzati in nessun modo per scopi commerciali. L'utilizzo di UEFA.com sta a significare l'accettazione dei Termini e Condizioni e delle Norme sulla Privacy.