Il sito ufficiale del calcio europeo

Mutu torna a brillare all'Ajaccio

Pubblicato: Lunedì, 4 febbraio 2013, 9.44CET
L'attaccante rumeno contribuisce ad affondare il Lione con una doppietta, per la soddisfazione dell'ex compagno di squadra Zlatan Ibrahimović. "Dopo un periodo di ambientamento, le cose vanno sempre meglio", ha dichiarato.
di Christian Châtelet
da Parigi
Mutu torna a brillare all'Ajaccio
Adrian Mutu festeggia uno dei due gol contro il Lione ©AFP/Getty Images
Pubblicato: Lunedì, 4 febbraio 2013, 9.44CET

Mutu torna a brillare all'Ajaccio

L'attaccante rumeno contribuisce ad affondare il Lione con una doppietta, per la soddisfazione dell'ex compagno di squadra Zlatan Ibrahimović. "Dopo un periodo di ambientamento, le cose vanno sempre meglio", ha dichiarato.

Quando Adrian Mutu aveva seguito le orme del suo ex compagno di squadra alla Juventus Zlatan Ibrahimović con la stagione iniziata da un mese, l'attaccante rumeno aveva scommesso che avrebbe segnato più gol dell'attaccante del Paris Saint-Germain FC con il suo nuovo club, l'AC Ajaccio.

Le cose non sono andate esattamente in questo modo, visto che Ibrahimović è saldamente in testa alla classifica dei cannonieri con 20 reti in altrettante gare di Ligue 1. Il centravanti svedese avrà tuttavia accolto con soddisfazione la doppietta del 34enne Mutu che ha condannato la principale avversaria per il titolo del PSG, l'Olympique Lyonnais, a una sconfitta inaspettata per 3-1 in Corsica.

Tredici posizioni e 23 punti separavano le due squadre prima del calcio d'inizio allo Stade François Coty. Il Lione domina la prima parte di gara e passa in vantaggio al 53' con Alexandre Lacazette. Chahir Belghazouani pareggia tre minuti più tardi. Dopo il calcio di rigore di Bafétimbi Gomis parato da Memo Ochoa, Mutu sale in cattedra.

Al 65', l'ex calciatore di Chelsea FC e Parma FC porta in vantaggio la sua squadra con un colpo di testa. Nel recupero, firma il settimo gol in 17 gare di Ligue 1 dal dischetto, facendosi perdonare l'errore marchiano di due settimane fa contro il Valenciennes FC. "A dire il vero mi è passato per la testa di riprovare il cucchiaio, ma non ho avuto sufficiente coraggio”.

Dopo avere lasciato l'FC Dinamo Bucureşti nel 1999/2000 a metà di una stagione coronata dalla conquista del titolo, Mutu ha indossato le maglie di FC Internazionale Milano e ACF Fiorentina. La scorsa estate ha lasciato il retrocesso AC Cesena per “voltare pagina” all'Ajaccio. "E' un uomo in linea con la filosofia del nostro club, con la mentalità corsa”, ha dichiarato il presidente Alain Orsoni.

Mutu non contende più a Ibrahimović la palma di migliore realizzatore, ma è convinto di potere aumentare il proprio bottino di reti. "Avevo bisogno di un po' di tempo per ambientarmi e adattarmi ai nuovi compagni. Va sempre meglio. Sto segnando di più, il che è positivo sia per me che per la squadra. Spero di continuare così”.

L'Ajaccio affronterà nella prossima gara casalinga un'altra aspirante al titolo, l'FC Girondins de Bordeaux. Un buon motivo affinché Ibrahimović tenga le dita incrociate per l'ex compagno.



Ultimo aggiornamento: 04/02/13 12.18CET

Informazioni collegate

Profili giocatori
Profili squadre

http://it.uefa.com/memberassociations/association=ita/news/newsid=1916222.html#mutu+torna+brillare+allajaccio

  • © 1998-2014 UEFA. Tutti i diritti riservati.
  • La parola UEFA, il logo UEFA e tutti i marchi che si riferiscono a competizioni UEFA, sono marchi registrati e/o copyright della UEFA. Tali marchi non possono essere utilizzati in nessun modo per scopi commerciali. L'utilizzo di UEFA.com sta a significare l'accettazione dei Termini e Condizioni e delle Norme sulla Privacy.