Il sito ufficiale del calcio europeo

La UEFA ospite della MLSZ

Pubblicato: Giovedì, 17 gennaio 2013, 13.38CET
Pierluigi Collina e il funzionario tecnico UEFA Ioan Lupescu hanno partecipato al Forum sul calcio ungherese a Budapest, evidenziando le attività tecniche UEFA e avallando la decisione di utilizzare gli assistenti supplementari.
di Matthew Watson-Broughton
da Budapest
La UEFA ospite della MLSZ
Ioan Lupescu, il presidente della MLSZ Sándor Csányi e Pierluigi Collina a Budapest ©MLSZ
Pubblicato: Giovedì, 17 gennaio 2013, 13.38CET

La UEFA ospite della MLSZ

Pierluigi Collina e il funzionario tecnico UEFA Ioan Lupescu hanno partecipato al Forum sul calcio ungherese a Budapest, evidenziando le attività tecniche UEFA e avallando la decisione di utilizzare gli assistenti supplementari.

Pierluigi Collina, ha accolto positivamente la decisione della Federcalcio ungherese (MLSZ) di introdurre gli assistenti arbitri supplementari in campionato a partire dalla prossima stagione. Insieme al funzionario tecnico UEFA Ioan Lupescu, il responsabile arbitri UEFA ha partecipato al Forum sul calcio ungherese svoltosi mercoledì a Budapest.

Invitato dalla MLSZ per illustrare i vantaggi degli assistenti supplementari, l’arbitro delle finali di Coppa del Mondo FIFA 2002, UEFA Champions League 1999 e Coppa UEFA 2004 si è congratulato con la federazione ungherese per aver scelto di adottare il sistema. "Uno dei temi più importanti nel mondo del calcio è l’arbitraggio - ha commentato Collina -. La MLSZ svolge un ottimo lavoro, portando l’Ungheria ai massimi livelli".

Il sistema, che quest’estate è entrato a far parte delle regole ufficiali del calcio, prevede l’impiego di due assistenti sulla linea di porta per aiutare l’arbitro, gli assistenti di linea e il quarto uomo a osservare meglio l’area di rigore e a prendere le decisioni più opportune. Dopo il successo riscontrato a UEFA EURO 2012, la UEFA ha deciso di utilizzare gli assistenti supplementari in tutte le competizioni per club.

"L’accelerazione e la velocità sono le differenze più grandi tra il calcio di ieri e quello di oggi - ha aggiunto Collina -. Per questo è stato deciso di schierare gli assistenti supplementari. Come confermato dalla IFAB [International Football Association Board], l’obiettivo è quello di assistere l’arbitro, particolarmente negli episodi che si verificano in area di rigore".

Collina ha anche elencato i vantaggi di tale sistema per gli assistenti di linea riassumendo i risultati di UEFA EURO 2012. È stato riscontrato che circa il 40% dei gol sono stati immediatamente preceduti da situazioni di fuorigioco (presunto o effettivo) che potevano essere interpretate in modi diversi. La giusta valutazione è stata semplificata dalla presenza degli assistenti di porta, poiché quelli di linea potevano concentrarsi solo sul fuorigioco. Il sistema, inoltre, è stato utile perché ha scoraggiato i falli in area di rigore.

A Budapest, Ioan Lupescu ha colto l’occasione per illustrare i programmi di formazione tecnica e istruzione allenatori che si svolgono da tanti anni con il patrocinio della UEFA. Tali attività si propongono di innalzare gli standard a tutti i livelli, insegnare agli allenatori a formare giocatori migliori, stimolare programmi di formazione a livello nazionale e creare uno scambio e una cooperazione migliori.

Tutte le 53 federazioni affiliate alla UEFA hanno sottoscritto la convenzione per allenatori UEFA, nata nel 1998 per regolamentare la formazione dei tecnici in Europa. Attualmente, oltre 162.000 allenatori detengono una licenza riconosciuta dalla UEFA. Lupescu anche parlato del fruttuoso programma di scambio UEFA - che permette a chi studia per la licenza Pro di partecipare a uno scambio internazionale e di accedere alla UEFA, ai suoi tutori e ai suoi materiali - e dello Schema per gruppi di studio UEFA, grazie al quale le federazioni europee condividono informazioni tecniche essenziali a beneficio di tutto il calcio europeo.

Lupescu ha sottolineato i vari eventi formativi e di alto profilo riservati agli allnatori e organizzati dalla UEFA, come i workshop e i corsi per allenatori specializzati (es. futsal, portieri) o gli eventi con i club europei più prestigiosi e i commissari tecnici delle nazionali. Inoltre, ha evidenziato le qualità degli strumenti e dei servizi formativi della UEFA, come le relazioni tecniche, le newsletter, i DVD e il sito UEFA Training Ground.

La UEFA dà grande importanza al calcio di base ed è convinta che, senza solide basi, quello di più alto livello non potrebbe mai prosperare. Lo UEFA Grassroots Charter incoraggia le federazioni a perfezionare i programmi nel calcio di base, mentre il UEFA Grassroots Day – che si svolge una settimana prima della finale di UEFA Champions League – è una festa europea del calcio per tutti, con premi ed eventi per chi eccelle nel settore.

Coltivare i giovani talenti - ha proseguito Lupescu -, è un’altro obiettivo chiave della UEFA. I tornei internazionali per ragazzi e ragazze Under 16 offrono ai campioni in erba la possibilità sfidarsi su un palconescino più ampio in una fase molto importante della loro crescita.

Lupescu ha chiuso la presentazione riepilogando UEFA EURO 2012 da un punto di vista tecnico e rivelando i segreti del successo iberico, sottolineando l’eccellente struttura organizzativa della federazione spagnola (RFEF) che ha aperto la strada al trionfo.

Ultimo aggiornamento: 21/01/13 8.58CET

Informazioni collegate

Federazioni nazionali
Profili squadre

http://it.uefa.com/memberassociations/association=hun/news/newsid=1912490.html#la+uefa+ospite+della+mlsz

  • © 1998-2014 UEFA. Tutti i diritti riservati.
  • La parola UEFA, il logo UEFA e tutti i marchi che si riferiscono a competizioni UEFA, sono marchi registrati e/o copyright della UEFA. Tali marchi non possono essere utilizzati in nessun modo per scopi commerciali. L'utilizzo di UEFA.com sta a significare l'accettazione dei Termini e Condizioni e delle Norme sulla Privacy.