Relazione attività UEFA Foundation 2016/17

La relazione sulle attività della UEFA Foundation for Children 2016/17 passa in rassegna l'opera svolta in tutto il mondo dalla fondazione, che si preoccupa per i bambini e ne tutela i diritti con il calcio e altri sport.

Il calcio regala un sorriso ai profughi del campo di Zaatari (Giordania)
Il calcio regala un sorriso ai profughi del campo di Zaatari (Giordania) ©UEFA

Dalla sua nascita nel 2015, la UEFA Foundation for Children fa la differenza regalando un sorriso a migliaia di bambini e permettendo loro di guardare al domani con speranza.

La relazione sulle attività della UEFA Foundation for Children 2016/17 passa in rassegna l'opera svolta in tutto il mondo dalla fondazione, che si preoccupa per i bambini e ne tutela i diritti con il calcio e altri sport.

Il documento pubblica statistiche, cifre, foto e grafici relativi agli 82 progetti realizzati in 66 paesi con oltre 700.000 bambini. Inoltre, spiega come è aumentato il sostegno ai profughi in Europa e in Medio Oriente utilizzando il calcio come portatore di gioia e motivazione.

Per aiutare i bambini svantaggiati sono stati inaugurati 12 nuovi progetti, ribadendo l'impegno della fondazione in tutto il mondo.

Inoltre, sono stati rinsaldati i legami con le 55 federazioni europee, invitate a selezionare i candidati per il premio UEFA Foundation for Children 2017. Pertanto, 20 enti di solidarietà sono stati selezionati come beneficiari del premio.

“Dobbiamo il nostro successo all'aiuto costante dei nostri partner - ha commentato José Manuel Durão Barroso, che ha recentemente lasciato il posto di presidente del consiglio di amministrazione della fondazione -. Parlo soprattutto della UEFA, ma anche di partner privati”.

“Vorrei ringraziare tutti i volontari, i partner e tutti quelli che ci hanno aiutato a sviluppare ulteriormente le nostre attività”, ha aggiunto.

“La UEFA Foundation for Children si impegna a migliorare la vita dei bambini in circostanze difficili e continuerà a promouovere ancora più progetti di solidarietà nel 2018”.

In alto