Manuale informativo sul daltonismo

La Federcalcio inglese e la UEFA hanno unito le forze con l'organizzazione Colour Blind Awareness e hanno prodotto un manuale orientativo sul daltonismo, un disturbo che può essere un vero problema nel calcio.

Maglie in spogliatoio: vista normale (sopra) e vista con simulazione di daltonismo (sotto)
Maglie in spogliatoio: vista normale (sopra) e vista con simulazione di daltonismo (sotto) ©UEFA

Il daltonismo viene ereditato geneticamente da circa un uomo su 12. Poiché il disturbo è dovuto a un allele recessivo sul cromosoma X, solo una donna su 200 ne è portatrice.

Nel calcio, il daltonismo può essere un vero problema per spettatori, giocatori, allenatori o direttori di gara. Immaginiamo per esempio di non poter distinguere il colore delle maglie e come questo inciderebbe su di noi, sui nostri compagni di squadra o sui nostri figli.

Esistono tre tipi di daltonismo e miriadi di combinazioni problematiche. Molti credono che i daltonici confondano solo il rosso e il verde, ma si tratta solo di un mito.

La UEFA lavora a stretto contatto con la Federcalcio inglese e con l'organizzazione Colour Blind Awareness per mettere in evidenza questo problema.

L'obiettivo è influenzare positivamente le autorità sportive a qualsiasi livello e offrire ai daltonici un'esperienza migliore, qualunque sia il loro ruolo nel calcio.

Il frutto di questo lavoro è un manuale orientativo completo, scaricabile da qui (solo in inglese).

Per sapere come contribuire alla campagna di sensibilizzazione, visitare anche il sito Colour Blind Awareness (in inglese).

Insieme, possiamo fare in modo che il calcio sia accessibile a tutti.