Commenti audio descrittivi per i tifosi non vedenti a EURO

La UEFA ha introdotto il Commento Audio Descrittivo (ADC) a EURO 2016 in Francia per le persone non vedenti o ipovedenti. L'obiettivo è stato quello di lasciare un'eredità duratura per migliorare l'accessibilità al calcio.

La UEFA ha introdotto un Commento Audio Descrittivo (ADC) a EURO 2016 in Francia per le persone non vedenti o ipovedenti per la seconda volta consecutiva alle fasi finali del torneo, con l'obiettivo di lasciare un'eredità duratura negli stadi e migliorare l'accessibilità al calcio.

Le audio descrizioni forniscono un commento specialistico alle persone non vedenti o ipovedenti – con l'aggiunta di audiodescrizioni per raccontare al meglio le informazioni visive. I tifosi potranno sintonizzare la propria radio sulle frequenze FM, oppure chiedere a un volontario EURO allo stadio di prendere in prestito una delle cuffie messe a disposizione nell'impianto per l'occasione.

L'obiettivo della UEFA è di accrescere la possibilità di vivere il calcio, e di sfruttare la forza di questo sport per contribuire all'inclusione sociale. ADC è già disponibile in nazioni come Austria, Belgio, Germania, Polonia, Ucraina e Gran Bretagna, e per la prima volta in Francia.

La UEFA ha lavorato a stretto contatto con il partner per la responsabilità sociale, CAFE, e con i responsabili degli stadi all'interno del programma Respect Access for All di UEFA EURO 2016. L'organo europeo mira a offrire questo servizio in francese durante la competizione europea e in questo modo vuole inoltre garantire un'eredità alle strutture lasciando le attrezzature di trasmissione a ogni stadio dopo la fase finale.

Quaranta allievi giornalisti entusiasti di tutta la Francia sono stati formati dal CAFE e dal suo partner locale, l'Aveugles de France, per fornire il servizio ai tifosi non vedenti nello stadio. Questi studenti di giornalismo descrivono le azioni in campo, i gol e le posizioni dei giocatori, oltre alle espressioni dei calciatori, i rituali della partita, i colori del completino, il taglio di capelli, quello che succede sugli spalti, le esultanze dei tifosi, le bandiere e l'outfit generale, nonché l'atmosfera dello stadio.

Kevin Vanderborght, tifoso 32enne non vedente, che ha lasciato la sua casa di Charleroi (Belgio) alle 2 del mattino per andare a tifare la sua squadra contro la Repubblica d'Irlanda a Bordeaux, ha condiviso la sua esperienza dopo la partita: "Quello che più amo del calcio è la sua meravigliosa atmosfera e l'essere insieme ai miei amici". 

"È un'esperienza davvero intensa, ci porteremo un sacco di ricordi vivendo il calcio tutti insieme. 'L'audio descrizione permette a noi con disabilità visive di ascoltare tutti i dettagli dell'atmosfera, e vivere emozioni intense come tutti i tifosi", ha raccontato.

Clicca sul player video per scoprire di più sul servizio