Il sito ufficiale del calcio europeo

Responsabilità sociale

rate galleryrate photo
1/0
counter
  • loading...

Il calcio è parte integrante della società globale ed essendo lo sport più popolare al mondo ricopre un ruolo fondamentale nella guida allo sviluppo sociale attraverso la sua influenza.

L'approccio UEFA alla responsabilità sociale è strutturato e ideato per creare e mantenere benefici a lungo termine per la società attraverso il calcio. Le direttive base del portafoglio di responsabilità sociale UEFA si basano su una serie di partnership strategiche quinquennali inerenti ambiti quali antidiscriminazione e diversità, integrazione sociale e riconciliazione, corretto stile di vita e diffusione del calcio per tutti, oltre a finanziare una serie di fondazioni clacistiche e programmi di beneficenza. I partner 2012-17 sono:

FARE Network - lotta al razzismo e alla discriminazione nel calcio

Cross Cultures Open Fun Football Schools – utilizzo del calcio come piattaforma base per la creazione di un gruppo, insegnamento della comprensione culturale, della cooperazione e dell'accettazione reciproca

World Heart Federation – educazione alla nutrizione e all'esercizio fisico per la prevenzione dell'obesità infantile e delle patologie cardiache.

Football for All Portfolio – creazione di maggiori opportunità di pratica sportiva per calciatori diversamente abili:
- International Blind Sports Association (IBSA)
- Cerebral Palsy International Sports and Recreation Association (CPISRA)
- Special Olympics Europe Eurasia (SOEE)
- European Deaf Sports Organisation (EDSO)
- European Powerchair Football Association (EPFA)

Football First: UEFA We Care Portfolio – supporto a fondazioni e progetti di beneficenza legate ai membri della famiglia del calcio europeo

Queste partnership-chiave consentono alla UEFA di agire efficacemente in aree specifiche e lavorare a fianco di esperti per elaborare le migliori metodologie di azione e le potenziali soluzioni. Nella maggior parte dei casi, la strada verso il successo è progressiva e avvalora la strategia quinquennale che porta all'ottenimento di risultati tangibili.

Oltre alle partnership-chiave, la UEFA collabora con una serie di partner selezionati. Non meno importanti, queste collaborazioni sono basate su eventi e comunicazioni o focalizzate su progetti di sviluppo e sostenibilità a lungo termine.

Centre for Access to Football in Europe (CAFE) – promozione e miglioramento dell'accessibilità degli stadi per i tifosi diversamente abili in Europa

Homeless World Cup – torneo innovativo riservato ai senza fissa dimora che promuove la riabilitazione e il reintegro sociale attraverso il calcio

World Wildlife Fund (WWF) – supporto alla principale organizzazione mondiale per la tutela dell'ambiente che si batte per arginare il degrado del patrimonio naturale e i cambiamenti climatici

International Platform for Sport and Development – sportanddevelopment.org è una risorsa centralizzata di informazioni online e un servizio di comunicazione che opera concretamente nell'ambito dello sport e dello sviluppo attraverso una comunità globale

La UEFA riconosce la natura essenziale della responsabilità sociale, che comprende anche il fair play in campo. Ad esempio, tutte le sanzioni comminate dalla Commissione di Controllo e Disciplina vengono destinate ai sopraccitati programmi di responsabilità sociale.

A partire dal 1998, l'assegnazione dell'annuale Premio Benefico di Montecarlo si svolge contestualmente all'inaugurazione ufficiale della stagione di UEFA Champions League. Il premio prevede la donazione di un milione di euro a favore di fondazioni o organizzazioni umanitarie a supporto del loro operato.

Numerose altre iniziative figurano all'interno del portafoglio di responsabilità sociale UEFA, che si espande continuamente modulandosi sulla base di nuove necessità ed emergenze sociali. Ad esempio, la UEFA collabora con il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) a supporto delle vittime delle mine antiuomo in Afghanistan. La UEFA ritiene che la responsabilità sociale sia un dovere e non una possibilità. Nessuna persona od organizzazione può permettersi di ignorare un simile ambito.

Una risoluzione sulla necessità di garantire la diversità nel calcio è stata pubblicata a un seminario dal titolo "Rompere il soffitto di vetro", nel dicembre 2014, focalizzata sulla discriminazione istituzionale nel calcio. Il seminario è stato organizzato congiuntamente dalla UEFA, la Federcalcio olandese (KNVB) e la rete FARE (Football Against Racism in Europe).