Come vengono istruiti gli arbitri?

I corsi arbitrali UEFA a Cipro si sono conclusi con una serie di presentazioni condotte da Hugh Dallas e Vladimir Sajn del Comitato Arbitrale.

Gli arbitri assistono alle presentazioni a Cipro
Gli arbitri assistono alle presentazioni a Cipro ©Sportsfile

Formare e istruire gli arbitri, soprattutto i nuovi arrivati sulla scena internazionale, è una delle massime priorità per la UEFA.

Questa settimana a Cipro, Hugh Dallas e il collega del Comitato Arbitrale UEFA Vladimir Sajn hanno condotto una serie di presentazioni al corso invernale per arbitri tenuto dall'organo di governo del calcio europeo. L'obiettivo è aiutarli a raggiungere gli standard di qualità per cui i direttori di gara europei sono stimati in tutto il mondo del calcio.

"Il corso introduttivo prevede molte più istruzioni perché gli arbitri devono sapere che cosa ci aspettiamo da loro e interpretare le regole del calcio in modo coerente", ha commentato Dallas, a sua volta ex arbitro internazionale. Al corso avanzato ci sono meno istruzioni ma si discute di più, perché gli arbitri si preparano per la seconda parte delle competizioni internazionali. "Incontriamo i giovani arbitri per la prima volta - aggiunge Dallas -, quindi ce ne prendiamo cura sia in campo che fuori".

"A loro non parliamo solo di coerenza, ma diamo anche consigli sulla gestione della partita, perché un arbitro deve essere innanzitutto un buon amministratore. Chiediamo di usare la personalità, di gestire al meglio gli episodi e comunicare correttamente con i giocatori".

"Anche se ognuno ha il suo carattere, tutti possono imparare dai più grandi arbitri, quindi facciamo vedere come si sono comportati nelle situazioni reali. Le esercitazioni si svolgono in classe ma anche sul campo con i giocatori".

Uno degli esami più importanti riguarda la conoscenza delle regole del calcio. "Se in campo avvengono episodi insoliti, l'arbitro deve essere in grado di prendere la decisione corretta - spiega Dallas -. Dobbiamo anche assicurarci che gli arbitri siano aggiornati. Con i più giovani, ci assicuriamo che conoscano bene le regole: a questo scopo è molto utile il lavoro delle federazioni, che li mettono alla prova in preparazione per i nostri corsi".

Ai giovani arbitri, Dallas e Sajn hanno sottoposto centinaia di filmati su episodi di gioco, analizzandoli per identificare la decisione corretta. Inoltre, hanno parlato delle nuove tendenze di cui i direttori di gara devono essere consapevoli.

"Abbiamo una rete di osservatori televisivi in tutta Europa - aggiunge Dallas -. Il loro ruolo è mettere in evidenza gli episodi più interessanti nelle principali competizioni, inoltrandoli alla UEFA. Quindi, io e il mio collega Vlado Sajn selezioniamo i più interessanti. Gli episodi vengono utilizzati per i vari corsi durante l'anno e messi a disposizione delle federazioni: dunque, si tratta di un programma a cascata".

"Produciamo anche materiale per le squadre che parteciperanno a UEFA EURO 2016. Prima dell'inizio del torneo, tutte loro riceveranno una visita del Comitato Arbitrale per accertarsi che i giocatori e gli allenatori conoscano le nostre linee guida. L'abbiamo fatto già nel 2008 nel 2012 con grande successo e devo dire che i giocatori hanno risposto ottimamente".

Dallas e i suoi colleghi del Comitato Arbitrale aiutano con piacere i giovani arbitri a definire la loro carriera, con un percorso che in alcuni casi arriva alle competizioni più importanti.

"È molto gratificante - osserva -. Per esempio, quando sono entrato nel Comitato Arbitrale sono stato scelto per allenare Howard Webb e lo spagnolo Alberto Undiano. Ho avuto il piacere di lavorare con loro nei primi anni e li ho visti crescere fino ai massimi livelli.

"Si possono sempre dare consigli utili, per migliorare non solo i singoli arbitri ma gli standard in generale. Credo che sia importante avere ex arbitri di livello per tramandare le conoscenze alle nuove generazioni".