Il Programma CORE si tinge di rosa

Il programma Centro di Eccellenza Arbitrale della UEFA, che offre la possibilità di fare esperienza e ricevere addestramento ai giovani talenti arbitrali, è stato ampliato da quest'anno alle donne.

Il Programma Centro di Eccellenza Arbitrale (CORE) UEFA offre ai potenziali arbitri internazionali europei di domani la possibilità fondamentale di fare esperienza fin da subito e di ricevere un'adeguato addestramento. Il programma è stato esteso adesso anche agli arbitri donne.

Il programma CORE, che si svolge presso il Centro Sportivo Colovray di fronte alla sede centrale della UEFA a Nyon, è iniziato nel 2010 e ha già dimostrato la sua importanza, con oltre 100 arbitri uomini e assistenti arbitrali entrati nelle liste UEFA dopo avere seguito il corso CORE.

La UEFA sta inserendo gli arbitri donne nel Centro di Eccellenza Arbitrale a Nyon in un momento particolarmente opportuno per il calcio femminile. A maggio, lo Stamford Bridge di Londra, stadio del Chelsea FC, ospiterà la finale di UEFA Women’s Champions League. A luglio, invece, andrà in scena in Svezia UEFA Women’s EURO 2013. L'élite della classe arbitrale europea femminile si sta preparando per questi importanti appuntamenti, mentre la prossima generazione è pronta a seguirne le orme.

L'obiettivo è sempre quello di elevare gli standard arbitrali all'interno delle federazioni nazionali europee, concentrando l'attenzione sul futuro. “L'enorme impatto del programma CORE sull'arbitraggio maschile è evidente – ha dichiarato David Elleray, ex arbitro internazionale inglese e responsabile del corso CORE -. Ed è giusto e opportuno ampliarlo all'arbitraggio femminile.

Pertanto, nel 2013 ci saranno corsi per assistenti FIFA e arbitri, per aiutare a crescere e per aiutare la UEFA a individuare talenti da promuovere. La filosofia sarà molto simile a quella del programma CORE per uomini”.

Il corso invernale UEFA svoltosi quest'anno a Roma ha dimostrato l'attenzione che la UEFA riserva al miglioramento dell'arbitraggio femminile. I migliori fischietti donne sono stati invitati per la prima volta a partecipare al corso insieme ai colleghi uomini, scambiandosi idee e esperienze. CORE si è avvalso con successo di arbitri d'élite quali Howard Webb, Nicola Rizzoli, Stéphane Lannoy e Pedro Proenca per stimolare la crescita delle squadre arbitrali. Gli arbitri donne più esperte vedono i benefici di CORE per la prossima generazione.

“E' un enorme passo – ha dichiarato Bibiana Steinhaus, fischietto tedesco che ha diretto la finale del Mondiale Femminile FIFA 2011 e la finale dell'Olimpiade 2012 -. Il calcio femminile in Europa sta migliorando molto, così come la sua classe arbitrale”.

“E' una grande opportunità per i giovani fischietti donne di entrare sotto i riflettori UEFA, di imparare molto, di avvicinarsi al crescente professionismo, e di migliorare l'arbitraggio – ha aggiunto -. Spero che le partecipanti al seminario ne siano consapevoli”.

Dagmar Damková, della Repubbica Ceca, è membro della Commissione Arbitrale UEFA nonché ex arbitro internazionale UEFA che ha diretto la finale di UEFA Women’s Champions League 2011 tra Olympique Lyonnais e 1. FFC Turbine Potsdam a Londra. Adesso sta mettendo la propria esperienza al servizio dell'arbitraggio in patria e in Europa, ed è molto felice di questa decisione.

“E' molto significativo perché è un fatto senza precedenti, che aiuterà moltissimo. L'esperienza fatta con gli uomini ci dice che funziona benissimo. Ci auguriamo che sia lo stesso per le donne, e che apprendano il più possibile”.