Croazia

CroaziaFedercalcio Croata

Il sito ufficiale del calcio europeo

Croazia per continuare a brillare

La Croazia, con i suoi campioni, è riuscita ad ottenere ottimi risultati dopo l'indipendenza.
Croazia per continuare a brillare
La Croazia festeggia il terzo posto alla Coppa del Mondo FIFA 1998 ottenuto ai danni dell'Olanda ©Getty Images

Croazia per continuare a brillare

La Croazia, con i suoi campioni, è riuscita ad ottenere ottimi risultati dopo l'indipendenza.

La dissoluzione del vecchio ordine politico e geografico nella regione ha permesso alla Croazia e ai suoi rappresentanti calcistici di brillare in maniera completamente indipendente. La generazione di talenti messasi in evidenza negli anni recenti  ha portato la nazione sul proscenio del calcio mondiale, ed è molto probabile che i giocatori croati possano continuare ad esprimersi su questi livelli.

Le prime società di calcio croate vennero fondate a Zagabria nel 1903, la First Football and Sport Club, e la Croatian Academical Sport Club. La Federcalcio croata (HNS) nacque nove anni più tardi, stabilendo la propria sede nella stessa città, il 13 giugno 1912. Alle squadre delle regioni di Istria e Dalmazia non venne concesso di aderire all’associazione in quanto soggette al governo austriaco.

Il primo campionato, conseguentemente, vide la partecipazione unicamente di squadre di Zagabria – in numero di cinque – e iniziò il 26 settembre 1912. La competizione venne subito interrotta quando l’Impero Austro-Ungarico, nel 1914, entrò nella prima Guerra Mondiale, e tutte le attività sportive cessarono fino alla fine delle ostilità. Nel 1918, dopo la nascita del Regno di Croazia, Serbia e Slovenia (che prese il nome di Regno di Jugoslavia nel 1929), l’HNS venne incorporata nella Federazione centrale, la Federcalcio jugoslava (Yugoslav Football Association – JNS), fondata nel 1919 e con sede a Zagabria. Accesi contrasti si vennero a creare nell’ottobre del 1929 dopo che in un’assemblea della JNS venne presa la decisione di spostare la sede centrale da Zagabria a Belgrado.

L’HNS acquisì, poi, una notevole autonomia con l’istituzione, nell’agosto 1939, della Federcalcio del Regno di Jugoslavia, una struttura confederativa che dava all’HNS il permesso di organizzare partite internazionali. La prima di queste venne giocata a Zagabria il 2 aprile del 1940 e vide la Croazia sconfiggere la Svizzera per 4-0. Allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale la Jugoslavia cessò di esistere come stato unificante e l’HNS continuò la sua attività nello Stato Indipendente di Croazia. Il 16 luglio del 1941 diventò membro della FIFA.

Nel 1945 si arrivò alla nascita della Repubblica Popolare Federale di Jugoslavia anche se il cambiamento non ebbe effetti determinanti sull’HNS, che continuò ad operare nel territorio della Repubblica Popolare Croata, una delle repubbliche della Federazione. Le squadre e i giocatori croati riuscirono poi a partecipare alle competizioni europee per squadre di club con ottimi risultati. Nel 1962/63 la GNK Dinamo Zagreb arrivò in finale nella Coppa delle Città di Fiera (torneo precedente alla Coppa UEFA) e poi vinse  il trofeo nel 1966/67; arrivò anche alle semifinali della Coppa delle Coppe nel 1961. In seguito, l’ HNK Hajduk Split arrivò per due volte ai quarti di Coppa dei Campioni, per una volta ai quarti di Coppa UEFA e per una volta in semifinale di Coppa delle Coppe;l’HNK Rijeka, invece, giunse fino ai quarti della Coppa delle Coppe nel 1978/79 e della Coppa UEFA nella stagione 1983/84.

L’8 ottobre del 1991, in seguito alla dissoluzione della Jugoslavia, la Croazia riacquistò la sua completa indipendenza e diventò a pieno titolo membro delle Nazioni Unite. Nel luglio 1992 l’HNS rinnovò la propria adesione alla FIFA  per poi aderire alla UEFA il 16 giugno 1993. La nazionale croata si è messa  subito in evidenza raggiungendo i quarti di finale di EURO '96™, alla sua prima partecipazione ad un torneo internazionale importante. Due anni dopo ha fatto ancora meglio nella Coppa del Mondo FIFA, giungendo terza, dopo aver perso in semifinale con la Francia, poi laureatasi campione. 

La Croazia si è poi qualificata per quattro grandi tornei: Coppa del Mondo 2002, UEFA EURO 2004™, Coppa del Mondo 2006 e UEFA EURO 2008, ed è arrivata ai quarti agli Europei In Austria/Svizzera e a UEFA EURO 2012. La Croazia non si è qualificata per i Mondiali del 2010, ma ha partecipato agli Europei del 2012 fininendo il suo girone al terzo posto alle spalle delle finaliste Spagna e Italia. Qualificazione anche per Mondiali 2014 e UEFA EURO 2016. In quest'ultimo torneo la Croazia ha battuto la Spagna nel girone, raggiungendo gli ottavi.

Nel 2012 la Croazia ha ospitato gli Europei di Futsal, vivendo un grande successo davanti ai suoi tifosi con l'approdo - per la prima volta - alla semifinale. La nazionale Under 19 è invece finita terza agli Europei del 2010.

Già in passato i calciatori croati hanno saputo distinguersi sulla scena mondiale. Bernard Vukas, Vladimir Beara, Zlatko Čajkovski e Branko Zebec fecero parte della rappresentativa della FIFA  che giocò una partita commemorativa a Londra nel 1953. Dražan Jerković e Davor Šuker sono stati capocannonieri nella Coppa del Mondo, rispettivamente del 1962 e del 1998, mentre Robert Prosinečki e Zvonimir Boban sono stati nominati migliori giocatori in occasione dei Campionati Mondiali Under 20 FIFA, disputati in Cile nel 1987. I loro successori dovranno sudare per mantenere questi standard, con Luka Modrić e Ivan Rakitić, due dei migliori centrocampisti in Europa, che che giocano rispettivamente nel Real Madrid CF e nell'FC Barcelona.

Davor Šuker si fa valere anche a livello amministrativo: attualmente è il presidente dell'HNS.

http://it.uefa.com/insideuefa/member-associations/association=cro/news/newsid=945724.html#croazia+continuare+brillare

Vai in cima alla pagina  

Presidente

 

Davor Šuker

Davor Šuker

Nazionalità: croata
Data di nascita: 1 gennaio 1968
Presidente federale dal: 2012

• Davor Šuker ha aiutato la Jugoslavia a vincere i Mondiali Giovanili FIFA 1987 FIFA in Cile, e sulla scia dell'indipendenza croata è diventato la stella in attacco - è stato scelto come Golden Player per la Croazia in occasione del Giubileo UEFA nel 2004.

• Šuker ha vinto un titolo spagnolo e nel 1997/98 la UEFA Champions League con il Real Madrid CF, e i suoi sei gol al Mondiale FIFA 1998 lo hanno aiutato a vincere la Scarpa d'Oro, mentre la Croazia ha collezionato la medaglia di bronzo. Ha vissuto parentesi positive con NK Osijek, GNK Dinamo Zagreb, Sevilla FC e Arsenal FC.

• Impegnato con la federcalcio croata (HNS) dal 2010, Šuker si è occupato in particolare del lavoro degli organi calcistici regionali. Sempre considerato un ambasciatore per il calcio croato, aveva espresso il desiderio di continuare a guidare la HNS e ora si appresta a cominciare il suo secondo mandato, questa volta quadriennale, dopo essere stato rieletto nell'aprile 2014. E' stato eletto come membro del Comitato Esecutivo UEFA al XXXIX Congresso Ordinario UEFA di Vienna del 24 marzo 2015.

Segretario generale

 

Damir Vrbanović

Damir Vrbanović

Nazionalità: croata
Data di nascita: 2 marzo 1959
Segretario generale dal: 2012

• Laureato in diritto dello sport presso la Facoltà di Giurisprudenza di Zagabria, Damir Vrabnović ha lavorato per la prima volta per conto della federcalcio croata (HNS) dal 1992 al 1996, prima di trasferirsi alla GNK Dinamo Zagreb

• Per oltre 16 anni è stato direttore generale e esecutivo del club di Zagabria, ricoprendo inoltre l’incarico di segretario dell’Organo disciplinare e di appello della HNS. Inoltre, nel 2003 è stato eletto presidente dell’associazione dei club croati della massima divisione, ed è diventato vice presidente HNS nel 2005. 

• Vrbanović ha ricoperto anche incarichi all’interno della UEFA, di cui è membro della Commissione Competizioni per Squadre Nazionali. 

Info Federazione

  • Fondato: 1912
  • Affiliazione UEFA: 1993
  • Affiliazione FIFA: 1992
  • Indirizzo: Vukovarska 269A 10000 Zagreb
  • Telefono: +385 1 2361 555
  • Fax: +385 1 2441 501

Coefficienti club per paese

PaeseSquadreP.ti
14Repubblica CecaRepubblica Ceca3/526.575
15SvizzeraSvizzera3/525.200
16CroaziaCroazia1/424.750
17DanimarcaDanimarca1/424.450
18IsraeleIsraele2/420.750
Ultimo aggiornamento: 15/09/2017 09:00 CET

Palmarès delle Nazionali

Nessun titolo vinto

Competizioni nazionali

Ultimo aggiornamento: 25/09/2017 12:16 CET