Luís Figo consigliere UEFA

L'icona del calcio portoghese metterà la sua conoscenza e la sua esperienza al servizio della UEFA in qualità di consigliere.

Luís Figo collaborerà con la UEFA
Luís Figo collaborerà con la UEFA ©UEFA.com

039 - L'icona del calcio portoghese metterà la sua conoscenza e la sua esperienza al servizio della UEFA

Da giocatore è stato un grande campione, capace di vincere diversi titoli e premi in una carriera illustre di quasi due decenni. Oggi, Luís Figo mette il suo ricco bagaglio di conoscenze ed esperienze al servizio della UEFA e ne diventa consigliere calcistico. L'ex vincitore della UEFA Champions League lavorerà con il Presidente UEFA Aleksander Čeferin e la Divisione Calcio in vari ambiti, occupandosi di aspetti tecnici, del regolamento e dell'attrattiva generale di questo sport. Sarà inoltre la figura di riferimento del programma ambasciatori UEFA.

"Luís Figo è stato un giocatore fantastico ed esemplare, sia in campo che fuori - ha commentato il presidente UEFA -. È una figura stimata nel mondo del calcio e sono molto contento che entri nel nostro team. La sua grande esperienza sarà molto preziosa per la UEFA".

Dopo la nomina, Figo ha dichiarato: "Ho avuto la fortuna di fare tante esperienze; tramandandole, credo di poter avere un'influenza positiva. Il calcio si evolve costantemente. Ho il privilegio di collaborare con la UEFA e vorrei ringraziare Aleksander Čeferin per questa opportunità".

"Da quando ho incontrato il presidente - ha aggiunto Figo -,  "ho l'idea che sia una persona che ama il suo lavoro, ama il calcio e che è molto seria in ciò che fa. Guarda solo al bene e allo sviluppo del calcio nella UEFA, in Europa e nel mondo. Quindi la mia opinione su di lui è molto positiva".

In una straordinaria carriera, l'ex nazionale portoghese ha vinto la UEFA Champions League 2002 con il Real Madrid CF, la Coppa delle Coppe UEFA e due Supercoppe UEFA. Forse, però, il suo traguardo più grande è il Pallone d'Oro del 2000.

Con la nazionale maggiore ha raggiunto la finale di UEFA EURO 2004, persa davanti al suo pubblico, e ha collezionato 127 presenze, cifra poi superata da Cristiano Ronaldo.

"Ho imparato così tanto dal calcio che voglio restituirgli qualcosa - ha aggiunto Figo -. Quando ho iniziato a giocare da professionista, nel 1990, non avrei mai immaginato che un giorno avrei avuto la possibilità di entrare nella UEFA e di lavorare a fianco del presidente, oltre che di alcuni tra i personaggi più eminenti nel mondo del calcio".

Figo avrà colleghi come Nadine Kessler e Dejan Stanković, che nei mesi scorsi hanno iniziato a lavorare come consulenti calcistici per la UEFA. Durante questo periodo, Kessler è anche cresciuta di ruolo, diventando direttrice della divisione calcio femminile. Il Presidente Aleksander Čeferin ha dichiarato che una parte della sua politica è coinvolgere sempre più ex calciatori nei processi decisionali.