Cresce il calcio femminile in Polonia

"Sono molto colpita", ha dichiarato Nadine Kessler, ambasciatrice del Programma di sviluppo del calcio femminile UEFA, dopo una visita a Varsavia per osservare il lavoro di promozione della Federcalcio polacca.

Nadine Kessler è rimasta molto colpita da quanto ha visto a Varsavia
Nadine Kessler è rimasta molto colpita da quanto ha visto a Varsavia ©UEFA.com

"Sono molto colpita", ha dichiarato Nadine Kessler, ambasciatrice del Programma di sviluppo del calcio femminile UEFA, dopo una visita a Varsavia per osservare il lavoro di promozione della Federcalcio polacca (PZPN).

La federazione polacca è una delle tante che traggono benefici dal Women's Football Development Programme (WFDP). Nel primo ciclo (2012–16), la UEFA ha donato a ogni federazione 100.000 euro all'anno per lo sviluppo del calcio femminile. La PZPN ha deciso di investire i fondi in tre aree principali: competizioni nazionali, formazione delle allenatrici e visibilità del calcio femminile, con attività di promozione per attrarre nuovi sponsor e aumentare l'interesse.

L'ex nazionale tedesca Kessler, UEFA Best Women's Player in Europe nel 2014 e vincitrice del corrispondente premio FIFA, ha osservato in prima persona il lavoro della federazione a Varsavia e ha dichiarato: "Ha agevolato l'accesso al calcio incontrando le ragazze, chiacchierando e ridendo con loro. Vedere i loro occhi brillare quando scendono in campo mi rende molto felice".

Le attività della PZPN sono state identificate come prassi ottimali, da replicare ove possibile. Il presidente Zbigniew Boniek ha spiegato: "La federazione lavora a stretto contatto con la UEFA per far crescere il calcio femminile, aumentando l'accesso e la partecipazione tra le giovani rafforzando soprattutto il rapporto tra scuole e club. È molto soddisfacente vedere il risultato della nostra collaborazione e non vediamo l'ora di andare avanti in tutto il paese. Siamo onorati che la UEFA ci prenda ad esempio".

Nato nel 2010, il WFDP ha avuto un tale successo nel primo ciclo che i finanziamenti sono stati prolungati per altri quattro anni nell'ambito del programma di assistenza UEFA HatTrick IV (2016–20).

I resoconti dei lavori svolti in altri paesi europei (Azerbaigian, Bosnia-Erzegovina, Inghilterra, Estonia, Isole Faroe, Germania, Ungheria e Malta) verranno pubblicati su UEFA.org nel corso del 2016/17.