‘Il calcio apre i cuori’

Oleksandr Fomichov vuole usare la "forza del calcio" per migliorare le vite delle persone della sua comunità, promuovendo il bisogno di "inclusione" per far sì che non ci siano ostacoli per giocare e divertirsi col calcio.

Oleksandr sta usando il 'potere del calcio' per aiutare gli altri
Oleksandr sta usando il 'potere del calcio' per aiutare gli altri ©UEFA.com
Originario di Donetsk, Oleksandr vive adesso a Ivano-Frankivsk
Originario di Donetsk, Oleksandr vive adesso a Ivano-Frankivsk©UEFA.com

Ogni mese, nell'ambito della campagna #EqualGame, la UEFA accende i riflettori su una persona delle 55 federazioni affiliate. Questa persona sarà un esempio di come il calcio promuova valori come inclusione, accessibilità e diversità. La sua storia sarà un esempio di come disabilità, religione, orientamento sessuale, etnia e background sociale non siano barriere per giocare e divertirsi col calcio.

"Sono un allenatore, ma il calcio è diventato più di un semplice gioco per me", ha detto Oleksandr Fomichov, che usa la "forza del calcio" per migliorare la vita della gente della sua comunità. "È un'educazione, una filosofia e un fenomeno".

Avvocato e imprenditore di professione, il 32enne originario di Donetsk si è spostato dalla città orientale dell'Ucraina dopo i disordini scoppiati nel 2014. Ha così abbandonato la propria azienda mentre alcuni membri della sua famiglia non sono riusciti a seguirlo. Tuttavia dopo la fuga è riuscito a rifarsi una vita a Ivano-Frankivsk, cittadina dell'Ucraina occidentale.

Oggi lavora per l'ente benefico della League of Tolerance, il cui obiettivo è insegnare alla gente i valori comuni e l'importanza dell'inclusione, permettendo loro di guardare alla vita da una prospettiva diversa in grado di portare un cambiamento positivo.

In un'affascinante analogia, Oleksandr ha spiegato: "I campi da calcio rispecchiano la società nel suo insieme. Noi usiamo il calcio per mostrare che dovremmo essere tutti coinvolti nel gioco, e allo stesso modo dovremmo essere tutti coinvolti nella società".

Oleksandr crede che tutti abbiano il diritto di giocare a calcio
Oleksandr crede che tutti abbiano il diritto di giocare a calcio©UEFA.com

"Vedo come cambia la gente quando inizia a lavorare insieme. Si dimenticano di stereotipi e pregiudizi. Semplicemente si incontrano e vogliono solo saperne di più l'uno dell'altro. Diventano amici e così cambiano le loro vite e includono gli altri nei propri hobby".

Nel 2016, Oleksandr ha notato che c'erano diverse organizzazioni in Ucraina che aiutavano gli sfollati che avevano lasciato la propria città di origine per trasferirsi in un'altra della stessa nazione. Così ha deciso di provare qualcosa di simile e da lì è nata la League of Tolerance.

"Siamo sempre alla ricerca di idee e pronti a migliorare il nostro progetto. Vogliamo fare scaturire una risposta nei cuori delle altre persone". Oltre a promuovere il bisogno di inclusione, il programma sta avendo una ripercussione positiva a livello calcistico contribuendo a fornire allenamenti di qualità ai partecipanti.

"Nel primo anno abbiamo tenuto otto sessioni di allenamento in Ucraina e abbiamo sfornato 97 allenatori. Queste persone sono i diplomati dei nostri programmi e ciascuno di loro ha dato un grosso contributo alla comunità in cui vive".

Oleksandr ha anche capito che il calcio è "un fenomeno" che può essere usato come strumento per catturare l'attenzione dei bambini nello studio. La sua convinzione è che qualsiasi argomento a scuola possa essere collegato al calcio, rendendo così l'apprendimento più interessante per i più piccoli".

Oleksandr dirige un ente benefico di nome League of Tolerance, che aiuta la gente attraverso il calcio
Oleksandr dirige un ente benefico di nome League of Tolerance, che aiuta la gente attraverso il calcio©UEFA.com

Lo stesso criterio si applica sul campo da calcio. Per lui è di vitale importanza che "tutti siano inclusi e nessuno escluso", e queste regole non valgono solo per il calcio ma per la società in generale.

"Se nella quotidianità dimostriamo che siamo tutti uguali e tutti inclusi, allora anche la vita sociale migliora e siamo tutti più aperti verso il prossimo", ha spiegato.

Questo spirito è condiviso da uno dei più grandi sportivi di sempre dell'Ucraina - l'ex campione mondiale dei pesi massimi di pugilato, Vitali Klitschko, che insiste sul fatto che tutti abbiano il diritto di raggiungere gli obiettivi che si sono stabiliti nella vita.

"Tutti possono giocare a calcio. Dobbiamo trasmettere il messaggio che niente è impossibile. Tutto è possibile se hai volontà, desiderio e consapevolezza di poter raggiungere ogni nuovo obiettivo", ha detto Klitschko, oggi sindaco di Kiev.

"La cosa più interessante e importante è che tutti abbiano un sogno. È importante sognare ma è ancora più importante fare di tutto per trasformare questo sogno in realtà".

Oleksandr crede che il calcio debba essere accessibile a tutti
Oleksandr crede che il calcio debba essere accessibile a tutti©UEFA.com

L'amore di Oleksandr per il calcio traspare da tutto ciò che fa. Calciatore discreto in gioventù, adesso sta dimostrando attraverso il suo ruolo da allenatore che lo sport ha il potere unico di favorire l'inclusione.

"Invitiamo persone di tutta l'Ucraina indipendentemente dal loro background: alcune possono anche avere disabilità, altre possono provenire da minoranze etniche mentre altri ancora possono degli sfollati. Grazie al nostro lavoro possiamo riunire tutti questi gruppi e dimostrare che sul campo d'allenamento le persone comunicano tra loro e capiscono che in realtà non c'è assolutamente alcuna differenza tra di loro", ha detto.

Andriy Shevchenko, uno dei più grandi calciatori di sempre dell'Ucraina, è anche lui dell'opinione che tutti debbano avere il diritto di giocare a calcio, aggiungendo che è di fondamentale importanza avere "rispetto per tutti".

"Il calcio è un gioco internazionale. Non ha niente a che fare con politica o religione. È un gioco accessibile a tutti e dovrebbe essere puro non solo nelle competizioni più importanti ma anche tra i bambini", ha detto Shevchenko, che attualmente ricopre la carica di Ct dell'Ucraina. 

Uomo modesto e distinto, Oleksandr Fomichov riversa il suo cuore e tutte le sue energie in quello che crede fermamente si tradurrà in un futuro migliore per la sua comunità e la nazione intera.

"Fare sentire fiducia alle persone è il fattore più importante per la crescita di ogni nazione e del mondo intero. Abbiamo la possibilità di costruire una società sostenibile e usare il calcio come strumento di unione".

In alto