La cerimonia di premiazione torna in campo

"Il campo è il palcoscenico dei giocatori, ed è giusto che i loro successi vengano celebrati lì", ha spiegato il presidente UEFA, Aleksander Čeferin, confermando la nuova pratica standard nelle competizioni UEFA.

Quest'anno i trofei della UEFA Champions League, UEFA Women's Champions League e UEFA Europa League saranno consegnati in campo dal presidente UEFA, Aleksander Čeferin, ai capitani delle squadre vincitrici, su decisione dello stesso presidente.

Il presidente UEFA consegnerà quindi il trofeo della UEFA Europa League nella finale alla Friends Arena di Stoccolma del 24 maggio, della UEFA Women's Champions League nella finale al Cardiff City Stadium del 1° giugno e della UEFA Champions League al National Stadium of Wales del 3 giugno. Per questi impianti sono stati realizzati dei palchetti speciali il cui assemblaggio richiederà meno di cinque minuti.

Il ritorno alla premiazione in campo darà a tutti i tifosi presenti allo stadio una migliore visione della coppa e della cerimonia. Lo spostamento sul terreno di gioco gioverà inoltre anche alle riprese televisive. Tornare in campo per la premiazione ha anche un significato simbolico per il presidente UEFA, Aleksander Čeferin.

"Il campo è il palcoscenico dei giocatori, ed è giusto che i loro successi vengano celebrati lì", ha spiegato il presidente Čeferin. "In questo senso è giusto che i funzionari scendano dagli spalti in campo - la loro arena - e rendano loro omaggio consegnando coppa e medaglie direttamente sul terreno di gioco".

"I giocatori potranno così festeggiare in campo con i loro compagni permettendo una buona visuale a tutto lo stadio senza dover attendere che i calciatori lascino il campo per salire in tribuna. Inoltre tutti i tifosi avranno una perfetta prospettiva della coppa indipendentemente dalla loro posizione sugli spalti".

La consegna della coppa in campo diventerà una pratica standard in tutte le competizioni UEFA per club e nazionali.