L'Italia riprende l'Inghilterra a Wembley

Nell'amichevole di Londra, gli Azzurri vanno sotto nel primo tempo trafitti da Vardy ma conquistano un 1-1 che fa morale grazie al rigore trasformato da Insigne a tre minuti dalla fine.

©AFP/Getty Images

L’Italia ottiene un incoraggiante pareggio nell’amichevole di Wembley. A Londra, l’Inghilterra va in vantaggio nel primo tempo con Jamie Vardy, ma gli Azzurri di Luigi Di Biagio escono imbattuti dal “tempio” del calcio grazie a un rigore trasformato da Lorenzo Insigne a tre minuti dalla fine.

A Londra l’avvio dell’Italia - reduce dalla sconfitta di venerdì a Manchester contro l'Argentina - è tutto sommato intraprendente. Ciro Immobile, tra i più attivi in avvio, “scippa” il pallone a John Stonese calcia, ma lo fa in precario equilibrio per il ritorno dello stesso difensore del Manchester City: il pallone termina in angolo.

Mattia De Sciglio è provvidenziale nella chiusura su Vardy, pescato da Jesse Lingard, poi Immobile ha un’altra grande chance: sul perfetto cross di Antonio Candreva, il colpo di testa dell’attaccante della Lazio termina però alto. Poi sale in cattedra Gianluigi Donnarumma, schierato al posto di Gianluigi Buffon, che dice di no a Vardy.

Al 26’, però, i Leoni passano. Raheem Sterling subisce fallo e Lingard batte astutamente, e con rapidità, la punizione: Vardy si presenta solo davanti a Donnarumma e lo fulmina con un gran destro dal basso verso l'alto. La reazione azzurra è affidata a Immobile, che fa ancora tutto bene fino al tiro, impreciso, di sinistro.

Prima dell’intervallo i padroni di casa costruiscono un’altra buona occasione con Ashley Young, servito da Sterling: il giocatore del Manchester United mette in area un bel pallone basso con il sinistro, ma non trova la correzione di alcun compagno. Nella ripresa Di Biagio inserisce Federico Chiesa al posto di Candreva, poi Donnarumma controlla in due tempi il tentativo di Alex Oxlade-Chamberlain.

Entra anche Andrea Belotti per Immobile, quindi un destro a giro di Sterling termina alto. Gareth Southgate, Ct dell'Inghilterra, mette dentro Marcus Rashford al posto di Vardy, mentre Stones cede il posto a Jordan Henderson.

Un po’ in ombra per tutta la partita, nel finale sale in cattedra Insigne. Il folletto del Napoli non trova lo specchio prima su punizione, poi con un sinistro al volo sull’assist di Jorginho, suo compagno nel Napoli. A quattro minuti dalla fine, l’Italia pareggia.

L’arbitro consulta il VAR per un contatto tra James Tarkowski e Chiesa e concede il rigore, che proprio Lorenzo Il Magnifico trasforma. Per la panchina azzurra è festa grande, visto che il gol non arrivava da tre partite. Dopo cinque minuti di recupero, arriva il fischio finale: quello di Wembley per la nazionale è un buon pareggio.

Luigi Di Biagio, Ct Italia
Siamo stati più continui nel corso della gara, abbiamo sbagliato di meno in fase di possesso. Avevo insistito sulla voglia di giocare, di non mettersi paura di fronte agli 80mila di Wembley. Sono soddisfatto, poi è arrivato anche un risultato positivo che ci può aiutare.
Dobbiamo insistere, questi ragazzi la personalità ce l’hanno, posso garantire che da quel punto di vista ci siamo.
La squadra ci ha sempre creduto anche sull’1-0, sull’1-1 ha provato a vincere la gara…Loro si sono basati soprattutto sulle ripartenze che potevano darci fastidio e ce lo hanno dato. Ma è un passo in avanti.

Gianluigi Donnarumma, portiere Italia
[Questo 1-1] ci dà tanto, ci dà grande entusiasmo: arriva una partita bella a Wembley dopo tante difficoltà. E’ una partita che ci dà tanto entusiasmo per andare avanti.
Noi siamo un bel gruppo, stiamo crescendo: andiamo avanti così e lavoriamo duramente.

In alto