Italia, la notte più amara

Grande delusione in casa Azzurra dopo lo 0-0 contro la Svezia, che costa alla nazionale la qualificazione al Mondiale 2018. Buffon, al passo d'addio come Barzagli e De Rossi: "Ci dispiace per il movimento".

©Getty Images

Una delle notti più buie nella storia dell’Italia. Lo 0-0 di San Siro costa agli Azzurri la partecipazione alla Coppa del Mondo FIFA 2018, qualcosa di difficile anche solo da immaginare e che era accaduto soltanto nel 1958. Un addio durissimo da digerire per Gianluigi Buffon, Andrea Barzagli e Daniele De Rossi. La parola d’ordine è una sola: ripartire.

Gianluigi Buffon, capitano Italia
Ci dispiace per il movimento perchè abbiamo fallito un qualcosa che anche a livello sociale poteva essere veramente importante. L'unico rammarico che ho è questo e non certo quello di finire la mia carriera, il tempo passa, è tiranno ed è giusto che sia così. Dispiace che l'ultima partita ufficiale sia coincisa con una non qualificazione al Mondiale. Non abbiamo sottovalutato niente, chi ha giocato queste partite sa cosa quanto sia difficile recuperare un gol in queste sfide. C'è mancata l'energia e la lucidità per fare gol, alla fine loro hanno fatto gara come quella dell'andata. E' stato uno spareggio che si è deciso per degli episodi che a loro sono andati bene e noi male, però gli episodi premiano chi li merita.

Federico Bernardeschi, attaccante Italia
Dispiace tanto perché non andare al Mondiale è veramente qualcosa di tragico, ma voglio fare un appello ai senatori che non si meritavano questo. Oggi lasciano un pezzo di storia italiana, lasciano campioni importanti che hanno fatto la storia di questo calcio e di questa Nazionale. Li ringrazio con tutto il cuore e ora tocca a noi giovani che dovremo prenderli da esempio per portare il più possibile vittorie a questa Nazionale. Si riparte con la testa alta, fieri di essere italiani, per portare in alto questi colori.

Andrea Barzagli, difensore Italia
Calcisticamente è la delusione più grande della vita, la nazionale italiana ti dà sensazioni uniche perché racchiude miliardi di cose, all’inno ti fa venire brividi, crea unione…E’ veramente un peccato finire così. Non so che cosa è mancato, siamo fuori dal Mondiale ed è una delusione unica. Lasciare questo gruppo è veramente tosta, è difficile trovare le parole. Ognuno ha le sue emozioni, ma è dura realizzarle. Le lacrime dell’Europeo era qualcosa di sfogo, qua si parla dell’ultima partita e lasciare così è un colpo duro per la mia carriera.

Daniele De Rossi, centrocampista Italia
E’ un momento nero per il nostro calcio, nerissimo per noi calciatori. C’è poco da dire, ci sarà tanto tempo per analizzare tutto. La Federazione ha un compito importantissimo, si riparte dallo spirito che i miei compagni hanno messo in campo oggi. Si ripartirà come siamo partiti da altre delusioni cocenti, questa è parecchio forte.

Non meritavamo di uscire per quello che si è visto in questi 180, complimenti alla Svezia perché comunque ha fatto la sua partita. Si deve a tutti i costi ripartire dai giovani. Tra nazionale Under 21 e Under 20 sono 17 anni che vagabondo per Coverciano, pensare che sia l’ultima volta che mi sono tolto la maglia azzurra è qualcosa di doloroso.